13°

23°

Provincia-Emilia

Calestano - Scambio di polemiche

Ricevi gratis le news
0

(Gazzetta 26-4-09)

Maghenzani: noi, la sorpresa  - di Cristina Pelagatti

Giuseppe Maghenzani, durante il Consiglio di lunedì ha scelto il silenzio, affidando ad un documento l'uscita dalla maggioranza e l’annuncio della propria candidatura a sindaco. «Che tacessi nel corso di un Consiglio non era mai accaduto in 10 anni - ha spiegato Maghenzani -: è stato un gesto d’affetto verso quella maggioranza a cui non ho mai voltato le spalle né votato contro. Ho evitato, anche dopo le mie dimissioni da assessore, di passare all’opposizione, cosa che mi avrebbe sicuramente semplificato la vita». Maghenzani, 55 anni, due figli, lavora come consulente di comunicazione aziendale e copywriter ed è presidente del Consorzio qualità tipica Valbaganza. D’origine parmigiana ma residente a Fragno dal 1992, è sempre stato attivo in politica e nel volontariato. Diplomato al Romagnosi, ha ripreso gli studi 3 anni fa ed è prossimo alla laurea in filosofia. Fondatore della Margherita a Calestano, è ora iscritto alla sezione del Pd locale e sarà il candidato della «Lista della Comune Identità», che nasce da un progetto civico portato avanti da persone di diversa estrazione culturale e politica. «Siamo stati in due a pensare insieme, un anno e mezzo fa, di fare una lista civica per Calestano: io, di centrosinistra, ed il mio amico Fabrizio Pavesi, di centrodestra - spiega -. Abbiamo adottato lo stesso criterio con gli altri candidati, anteponendo all’appartenenza politica la condivisione di programmi e valori. Sarà una lista che sorprenderà tutti, per il «salto generazionale» che è stata capace di attuare e per le novità del programma». Consigliere comunale di maggioranza da 10 anni, Maghenzani commenta così la sua decisione di passare all’apposizione come consigliere autonomo: «La mia contestazione è tutta rivolta al metodo con cui il sindaco ha portato avanti questo suo secondo mandato, alla mancanza cioè di confronto con i suoi stessi assessori, non ultimo il rifiuto di avvalersi di una Commissione urbanistica, l’unico strumento in grado di concepire uno sviluppo sostenibile e lungimirante per il nostro territorio. Da lunedì sera il comparto produttivo di Piana delle Cascine non esiste più nella sua sostanza, avendo il Consiglio votato la variante che trasforma tale lottizzazione da produttiva a produttiva-commerciale-residenziale. Si va a creare così un comparto ibrido, una mescolanza di destinazioni d’uso in cui si abita ma anche si fabbrica, si fanno uffici ma anche negozi. La cosa più grave è che né Ascom né Confesercenti erano a conoscenza degli specifici connotati di tale variante; né, tantomeno, ne erano a conoscenza gli esercizi commerciali e ricettivi del Comune». Maghenzani risponde alle dure critiche di Abelli apparse a mezzo stampa: «Abelli mi ha insultato pesantemente sul piano personale, non politico, ma è stato proprio lui che mi ha voluto per due legislature consecutive e mi ha affidato in passato deleghe fra le più rilevanti per complessità di temi (Consorzio Valbaganza, tartufo nero di Fragno, commercio, attività produttive, agricoltura, sviluppo del territorio). La maggioranza mi ha scelto poi, sempre per due legislature, come vonsigliere di Comunità Montana. La verità è che ho evidenziato diversi anni fa, palesi lacune, ho spinto temi e proposte che il sindaco non ha condiviso, troncando ogni possibilità di confronto. Per questo mi sono dimesso. Abelli sempre più preferisce decidere da solo, come tutti i calestanesi possono constatare». Maghenzani conclude augurando un buon lavoro all’«avversaria» Maria Grazia Conciatori. «E' notorio che il sindaco Abelli avrebbe gradito un terzo mandato e qualora non fosse passato per legge, avrebbe scelto un candidato a lui congeniale per poter di fatto continuare a fare il sindaco per interposta persona. Desidero quindi inviare un abbraccio e un augurio a Maria Grazia per la posizione in cui si troverebbe». Candidato Maghenzani

(Gazzetta 8-9-09)

La Conciatori replica all'avversario

Il candidato sindaco Maria Grazia Conciatori non ha gradito le parole del candidato «concorrente» ed ex collega di lista Giuseppe Maghenzani. Maghenzani, qualche giorno fa, dalle colonne della Gazzetta aveva inviato un augurio di buon lavoro alla Conciatori, che definiva in una situazione difficile, affermando che Filippo Abelli avrebbe gradito un terzo mandato, ma non essendo possibile per legge, avesse scelto un candidato dietro al quale continuare a tessere le fila dell’amministrazione calestanese. «Le parole del candidato Maghenzani, potrebbero essere considerate come una delle tante offese denigratorie dell’avversario che si moltiplicano nei periodi pre elettorali - ha commentato Conciatori -: credo però di dover rispondere ad affermazioni gratuitamente lesive della mia dignità personale e non veritiere». La Conciatori ha sottolineato come la candidatura le sia stata offerta «non solo dal sindaco Abelli, ma dall’intera giunta». «Ho riflettuto a lungo sulla proposta - ha evidenziato - in quanto l’incarico per me significa non tanto ostentare in pubblico la fascia tricolore, ma profondo impegno e responsabilità verso la collettività ed il territorio comunale. Nel quinquennio che sta per terminare ho potuto svolgere il mio incarico di consigliere in un clima di collaborazione e dialogo con il sindaco ed il mio gruppo di appartenenza, per questo, ben consapevole delle mie scelte, ho ritenuto di chiedere a sindaco stesso di affiancarmi e collaborare. Sarebbe stato sciocco buttare esperienza, capacità e competenze ben dimostrate sul campo dagli amministratori». La Conciatori ha voluto riaffermare, anche a nome della giunta in carica, la sintonia tra sindaco e assessori negli anni di amministrazione: «Non si può pensare che tra sindaco e giunta non vi siano state fiducia, concordia e collaborazione. Se non fossero esistite l’azione amministrativa sarebbe stata paralizzata e non sarebbero stati raggiunti i risultati che han fatto compiere al nostro comune un salto di qualità. L’aver avuto piena fiducia dalla maggioranza del consiglio comunale - ha affermato concludendo la candidata sindaco - e l’aver chiesto collaborazione, non credo facciano di me “una interposta persona”: è questo un ruolo che non mi si addice e che non mi è mai stato richiesto. Gli elettori potranno constatare la fondatezza delle mie parole se daranno fiducia a me ed alla mia lista «Viva Calestano». Desidero comunque contraccambiare l’abbraccio e l’augurio a Giuseppe». La sfida a tre a Calestano vedrà di fronte oltre a Giuseppe Maghenzani e Maria Grazia Conciatori anche Fulvio Calzolari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

OGGi

Gli Stones a Lucca: mandateci le vostre foto

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

2commenti

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Riscatto in trasferta per il Parma: Di Cesare firma la vittoria per 1-0 sul Venezia

serie B

Riscatto in trasferta per il Parma: Di Cesare firma la vittoria per 1-0 sul Venezia Foto Video

Vittoria preziosa per i crociati, che salgono a 9 punti. Lucarelli fra i migliori in campo. Per i padroni di casa è la prima sconfitta

8commenti

VENEZIA-PARMA

"Una vittoria meritata sul piano del carattere": il video-commento di Grossi

3commenti

calcio

Tommaso Ghirardi torna allo stadio: segue il Brescia con Cellino

L'ex presidente del Parma è tornato al Rigamonti per la prima volta dopo il crac

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

MONTAGNA

E' stato trovato il fungaiolo disperso nel Bardigiano

Il 72enne è stanco ma in buone condizioni di salute

bambini

Giocampus Day: è qui la festa (con Paltrinieri) Foto

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

CALESTANO

Operaio punto da calabrone si sente male a Marzolara: il 118 manda anche l'elicottero Foto

borgotaro

A casa coi genitori, disoccupati e spacciatori: arrestati due fratelli

1commento

POLIZIA

Al setaccio le strade della droga

4commenti

INCHIESTA

La Massese resta piena di pericoli

2commenti

FUMETTI

La fine di Rat-Man: addio alla serie non all'eroe Foto

Ortolani: "La sfida per me sarebbe inventare un altro personaggio"

weekend

Tra porcini, stinco e giardini incantati: l'agenda del sabato

tg parma

Profughi a San Michele Tiorre, in arrivo i primi otto Video

5commenti

DELITTO DI BASILICAGOIANO

Il giudice: «Habassi colpito e seviziato per un'ora»

fidenza

Ruba sul treno: inseguito e bloccato da un altro straniero

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

APPENNINO REGGIANO

Scalatore precipita dalla Pietra di Bismantova: 24enne a Parma in gravi condizioni

TERREMOTO

Ancora una forte scossa a Città del Messico: i palazzi oscillano

SPORT

Tennis

San Pietroburgo, Fognini è in finale

MOTOMONDIALE

Aragon, impresa del Dottore: Valentino Rossi fa il terzo tempo, pole di Vinales

SOCIETA'

IL DISCO

"Days of future passed", il capolavoro dei Moody Blues che ispirò anche i Nomadi

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery