22°

Provincia-Emilia

Il Tar: «Il centro Cavanà deve rimanere chiuso»

Il Tar: «Il centro Cavanà deve rimanere chiuso»
1

di Georgia Azzali
Resta chiusa la comunità «Cavanà». Il Tar, con  decreto firmato dal presidente Luigi Papiano, ha respinto l'istanza di provvedimento cautelare presentata dalla società  «La Balena» che gestisce la residenza psichiatrica chiusa dal sindaco alla fine d'aprile. Porte sbarrate dopo l'arresto del direttore sanitario, Ron Shmueli, accusato insieme ad altri sette collaboratori di aver iniettato farmaci «a scopo punitivo e non terapeutico» ai ragazzi ospitati nel centro.
Un primo no del tribunale amministrativo,  che ha già fissato  per il 9 giugno l'udienza in cui verrà trattata in via ordinaria l'istanza dei responsabili del «Cavanà».  Fatto sta che    secondo il Tar non c'erano i presupposti d'urgenza per sospendere l'ordinanza del sindaco di Pellegrino: «Considerato che gli interessi pubblici  che l'atto impugnato intende tutelare devono prevalere  su quelli privati di parte ricorrente, respinge l'istanza». Tradotto:  il tribunale ha ritenuto che venga prima  la tutela dei ragazzi ospiti del «Cavanà» rispetto  alle esigenze dei gestori della struttura  che  vorrebbero far ripartire al più presto l'attività della struttura. 
L'aveva  messo nero su bianco il 24 aprile scorso, il sindaco Roberto Ventura: stop all'autorizzazione  per il «Cavanà». E trasferimento dei ragazzi, molti dei quali minorenni,  in altre strutture. Uno spostamento che è stato completato nei giorni scorsi.
Provvedimento «obbligato» da parte del sindaco, dopo l'arresto - il 15 aprile - di Shmueli e la  messa sotto accusa dei suoi collaboratori. Ripetuti maltrattamenti, iniezioni di farmaci ai ragazzi «contro la loro stessa volontà e senza un'acclarata motivazione clinica». Ingiurie, come «bagascia, ciccione, mongoloide». E «un sistema di controllo meramente contenitivo-punitivo degli ospiti». Parole pesanti scritte nel capo di imputazione: concorso in maltrattamenti che avrebbero creato gravi lesioni.
Ron Shmueli, 54 anni, direttore sanitario di «Cavanà» continua a respingere ogni accusa: dopo la revoca degli arresti domiciliari, ora ha l'obbligo di dimora nel comune di Zoagli, in cui risiede.
Accuse gravissime  nei confronti del responsabile della comunità per giovani con problemi psichici, ma anche per i sette suoi collaboratori indagati a piede libero sempre per maltrattamenti: «Coloro che operavano all'interno della comunità non solo osservavano le direttive del direttore sanitario - scrive   il gip Paola Artusi nell'ordinanza di applicazione della misura cautelare - ma sembrano condividerle, laddove la somministrazione delle terapie farmacologiche era divenuta anche un mezzo di controllo e di punizione... e tali terapie venivano sollecitate e richieste a mezzo telefono al direttore sanitario direttamente dagli operatori presenti».
L'inchiesta, condotta dal Nas di Parma e coordinata dal pm Francesco Gigliotti, era  partita  dalle dichiarazioni di Lorenzo Vecchi, l'ex educatore che il 15 maggio 2008 presentò un esposto in procura per denunciare il sistema delle «fialature» - le iniezioni a cui sarebbero stati sottoposti i ragazzi anche contro la loro volontà - e altre presunte violenze fisiche e psichiche.  Fatti che, secondo il gip, trovano riscontro anche nelle parole di altri ex collaboratori della struttura, ma anche di un'insegnante della scuola media di Pellegrino frequentata da alcuni ragazzi.
C'è la parola di chi ha visto, ma è stata  la consulenza tecnica disposta dal pm a convincere il gip che i farmaci venivano somministrati al di là delle motivazioni cliniche. «Una funzione terapeutica - scrive il giudice - è esclusa non solo dalle motivazioni che hanno accompagnato tali somministrazioni..., ma anche dal giudizio tecnico reso dal professor Piccinini. Circa l'utilizzo delle medicazioni intramuscolo con violenza e contro la volontà dei pazienti, il consulente del pm conclude assumendo che un tale comportamento “costituisce un fatto gravissimo per i potenziali effetti negativi sul piano terapeutico e sull'evoluzione del quadro clinico”».
Da una parte l'inchiesta, che non è ancora stata chiusa. Dall'altra, il fronte amministrativo.  E una certezza: per ora il «Cavanà» deve rimanere chiuso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fulvio Fanelli

    31 Maggio @ 13.23

    Esprimo la mia solidarietà, totale e incondizionata, ai sette colleghi educatori, che sono indagati a piede libero, nella vicenda della comunità "Cavanà". Parlo di me stesso, non so di preciso cosa succedeva al Cavanà: faccio l'educatore e sono 26 anni che lavoro con utenti e situazioni come quella di Pellegrino, non ricordo più nemmeno quante volte ho applicato, e poi anche condiviso pubblicamente, metodologie e sistemi punitivi/rieducativi che intimamente valutavo negativamente, questo per adeguarmi alla struttura in cui operavo, per integrarmi coi colleghi, con i responsabili del servizio, ecc. Al lavoro ci sono cento motivazioni per fare una cosa, codificata e definita dall'equipe di lavoro, anche se non la si approva, poche invece sono le ragioni per mettersi in un'ottica di ribellione e di intralcio all'operato dei colleghi e quindi fare poi pesare la situazione ai ragazzi. Se questo ragionamento è valido per la mia intera carriera, è ancora più giusto rilevare che nei primi anni di lavoro, l'immaturità, la mancanza di cultura professionale, l'assenza di formazione, le esigenze pressanti di prendere molte decisioni in poco tempo e con pochi riferimenti d'azione, mi hanno portato ad applicare sistemi di intervento, che col senno di poi si sono rivelati a dir poco "moralmente discutibili", ma di cui ho capito solo la portata con diversi anni di ritardo. Tutto questo, ovviamente, con l'assoluto scopo di operare per il bene dei ragazzi. Detto questo, se uno è un educatore, non può non sentire un senso di profonda ingiustizia subita e solidarietà verso chi è indagato e posto sotto i riflettori per quanto successo a Pellegrino, comunque vadano a finire le cose. Un caro saluto ai colleghi, che non conosco, con la speranza che tutto si risolva in poco tempo e bene.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il pane: domani uno speciale di otto pagine

OGGI

Il pane: uno speciale di otto pagine

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

I corpi senza vita ritrovati dai figli in camera da letto

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

5commenti

elezioni 2017

Salvini torna a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

PARMA CALCIO

Faggiano e la B: «Ci proviamo»

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

2commenti

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

8commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

salumi da re

Norcini e salumieri a raduno a Polesine. Sfida al "panino teen-ager"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Brexit, ci siamo. E non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

roma

Omofobia, Shalpy: "Sputi e insulti per strada: un trauma"

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon