Provincia-Emilia

Il Tar: «Il centro Cavanà deve rimanere chiuso»

Il Tar: «Il centro Cavanà deve rimanere chiuso»
1

di Georgia Azzali
Resta chiusa la comunità «Cavanà». Il Tar, con  decreto firmato dal presidente Luigi Papiano, ha respinto l'istanza di provvedimento cautelare presentata dalla società  «La Balena» che gestisce la residenza psichiatrica chiusa dal sindaco alla fine d'aprile. Porte sbarrate dopo l'arresto del direttore sanitario, Ron Shmueli, accusato insieme ad altri sette collaboratori di aver iniettato farmaci «a scopo punitivo e non terapeutico» ai ragazzi ospitati nel centro.
Un primo no del tribunale amministrativo,  che ha già fissato  per il 9 giugno l'udienza in cui verrà trattata in via ordinaria l'istanza dei responsabili del «Cavanà».  Fatto sta che    secondo il Tar non c'erano i presupposti d'urgenza per sospendere l'ordinanza del sindaco di Pellegrino: «Considerato che gli interessi pubblici  che l'atto impugnato intende tutelare devono prevalere  su quelli privati di parte ricorrente, respinge l'istanza». Tradotto:  il tribunale ha ritenuto che venga prima  la tutela dei ragazzi ospiti del «Cavanà» rispetto  alle esigenze dei gestori della struttura  che  vorrebbero far ripartire al più presto l'attività della struttura. 
L'aveva  messo nero su bianco il 24 aprile scorso, il sindaco Roberto Ventura: stop all'autorizzazione  per il «Cavanà». E trasferimento dei ragazzi, molti dei quali minorenni,  in altre strutture. Uno spostamento che è stato completato nei giorni scorsi.
Provvedimento «obbligato» da parte del sindaco, dopo l'arresto - il 15 aprile - di Shmueli e la  messa sotto accusa dei suoi collaboratori. Ripetuti maltrattamenti, iniezioni di farmaci ai ragazzi «contro la loro stessa volontà e senza un'acclarata motivazione clinica». Ingiurie, come «bagascia, ciccione, mongoloide». E «un sistema di controllo meramente contenitivo-punitivo degli ospiti». Parole pesanti scritte nel capo di imputazione: concorso in maltrattamenti che avrebbero creato gravi lesioni.
Ron Shmueli, 54 anni, direttore sanitario di «Cavanà» continua a respingere ogni accusa: dopo la revoca degli arresti domiciliari, ora ha l'obbligo di dimora nel comune di Zoagli, in cui risiede.
Accuse gravissime  nei confronti del responsabile della comunità per giovani con problemi psichici, ma anche per i sette suoi collaboratori indagati a piede libero sempre per maltrattamenti: «Coloro che operavano all'interno della comunità non solo osservavano le direttive del direttore sanitario - scrive   il gip Paola Artusi nell'ordinanza di applicazione della misura cautelare - ma sembrano condividerle, laddove la somministrazione delle terapie farmacologiche era divenuta anche un mezzo di controllo e di punizione... e tali terapie venivano sollecitate e richieste a mezzo telefono al direttore sanitario direttamente dagli operatori presenti».
L'inchiesta, condotta dal Nas di Parma e coordinata dal pm Francesco Gigliotti, era  partita  dalle dichiarazioni di Lorenzo Vecchi, l'ex educatore che il 15 maggio 2008 presentò un esposto in procura per denunciare il sistema delle «fialature» - le iniezioni a cui sarebbero stati sottoposti i ragazzi anche contro la loro volontà - e altre presunte violenze fisiche e psichiche.  Fatti che, secondo il gip, trovano riscontro anche nelle parole di altri ex collaboratori della struttura, ma anche di un'insegnante della scuola media di Pellegrino frequentata da alcuni ragazzi.
C'è la parola di chi ha visto, ma è stata  la consulenza tecnica disposta dal pm a convincere il gip che i farmaci venivano somministrati al di là delle motivazioni cliniche. «Una funzione terapeutica - scrive il giudice - è esclusa non solo dalle motivazioni che hanno accompagnato tali somministrazioni..., ma anche dal giudizio tecnico reso dal professor Piccinini. Circa l'utilizzo delle medicazioni intramuscolo con violenza e contro la volontà dei pazienti, il consulente del pm conclude assumendo che un tale comportamento “costituisce un fatto gravissimo per i potenziali effetti negativi sul piano terapeutico e sull'evoluzione del quadro clinico”».
Da una parte l'inchiesta, che non è ancora stata chiusa. Dall'altra, il fronte amministrativo.  E una certezza: per ora il «Cavanà» deve rimanere chiuso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fulvio Fanelli

    31 Maggio @ 13.23

    Esprimo la mia solidarietà, totale e incondizionata, ai sette colleghi educatori, che sono indagati a piede libero, nella vicenda della comunità "Cavanà". Parlo di me stesso, non so di preciso cosa succedeva al Cavanà: faccio l'educatore e sono 26 anni che lavoro con utenti e situazioni come quella di Pellegrino, non ricordo più nemmeno quante volte ho applicato, e poi anche condiviso pubblicamente, metodologie e sistemi punitivi/rieducativi che intimamente valutavo negativamente, questo per adeguarmi alla struttura in cui operavo, per integrarmi coi colleghi, con i responsabili del servizio, ecc. Al lavoro ci sono cento motivazioni per fare una cosa, codificata e definita dall'equipe di lavoro, anche se non la si approva, poche invece sono le ragioni per mettersi in un'ottica di ribellione e di intralcio all'operato dei colleghi e quindi fare poi pesare la situazione ai ragazzi. Se questo ragionamento è valido per la mia intera carriera, è ancora più giusto rilevare che nei primi anni di lavoro, l'immaturità, la mancanza di cultura professionale, l'assenza di formazione, le esigenze pressanti di prendere molte decisioni in poco tempo e con pochi riferimenti d'azione, mi hanno portato ad applicare sistemi di intervento, che col senno di poi si sono rivelati a dir poco "moralmente discutibili", ma di cui ho capito solo la portata con diversi anni di ritardo. Tutto questo, ovviamente, con l'assoluto scopo di operare per il bene dei ragazzi. Detto questo, se uno è un educatore, non può non sentire un senso di profonda ingiustizia subita e solidarietà verso chi è indagato e posto sotto i riflettori per quanto successo a Pellegrino, comunque vadano a finire le cose. Un caro saluto ai colleghi, che non conosco, con la speranza che tutto si risolva in poco tempo e bene.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

feste

Celentano Tribute Show: ecco chi c'era al Fuori Orario Foto

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

4commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

2commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

Lega Pro

Parma, sfida delicata contro il Bassano. Diretta dalle 14.30

E alle 21.30 la partita in differita su Tv Parma

1commento

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

2commenti

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

4commenti

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

6commenti

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Palanzano

Sandra, la «musicista» delle campane

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

bologna

Agente si spara al pronto soccorso, è gravissimo

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

1commento

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery