Provincia-Emilia

Felino- Ex stalla sociale: al via i lavori. Sorgerà un quartiere residenziale

Felino- Ex stalla sociale: al via i lavori. Sorgerà un quartiere residenziale
0

di Massimo Morelli
Hanno preso il via i lavori di demolizione delle strutture che facevano parte dell’ex stalla sociale. Quelle che venivano utilizzate come stalle, come ricovero attrezzi e come abitazione di chi vi lavorava verranno presto demolite e, al loro posto, sorgerà un quartiere nuovo con villette e case a schiera, secondo il progetto già approvato da tempo in consiglio comunale.
Con la demolizione dell’ex stalla sociale un pezzo di storia di Felino sparirà per sempre, ma dal punto di vista architettonico la perdita sarà davvero minima. La stalla sociale venne realizzata all’inizio degli anni settanta nella zona di rispetto del castello di Felino. Ci fu qualche velata protesta, ma i lavori andarono avanti. Altri tempi, oggi sarebbe irrealizzabile un’opera del genere in un’area protetta o comunque non distante da un edificio o da un palazzo di pregio. L’idea era quella di costruire una grande stalla nella quale gli allevatori avrebbero fatto confluire i capi di bestiame. All’epoca si parlava di 400/450 mucche da latte, un numero davvero elevato per quei tempi. Le cose andarono bene all’inizio poi con il passare del tempo sorsero i primi problemi, qualche allevatore decise di riportare il bestiame nella propria fattoria tanto che a metà degli anni ottanta la stalla sociale fallì. Si parlò all’epoca di 2 miliardi e 500 milioni delle vecchie lire.

Le banche, creditrici nei confronti della stalla sociale, misero all’asta la struttura, con le prime due sedute che andarono deserte. Alla terza seduta l’area della stalla sociale andò all’unica azienda - un'azienda alimentare - che presentò un’offerta in busta chiusa e naturalmente quell'azienda, per una cifra di poco inferiore al miliardo di lire, divenne la nuova proprietaria dell’area che a Felino ha fatto tanto discutere dalla sua nascita ai tempi nostri. L’azienda alimentare, nelle intenzioni dei proprietari, avrebbe voluto insediare al posto della stalla uno stabilimento inerente la trasformazione del prodotto agricolo e non ci sarebbero stati problemi di sorta visto che si trattava di trasformazione del prodotto agricolo, la stessa attività che veniva svolta nella stalla sociale. La giunta comunale di Felino, con l’allora sindaco Gianni Damenti, sembrava ben predisposta verso questa operazione, ma per vari motivi non se ne fece nulla. Nel corso degli anni erano spuntate altre idee e progetti, proposti dalle amministrazioni che si sono succedute a Felino, come ad esempio quello inerente la realizzazione di una università. Le idee degli amministratori però non combaciavano con quelle dei proprietari che non avendo alcuna fretta decisero di lasciare le cose così com'erano, attendendo l’idea buona o il progetto convincente. Passano gli anni ed arriviamo al secondo mandato di Maurizio Tanzi, sul finire degli anni novanta.

Tanzi ha il merito di aver intavolato un discorso serio ed interessante con i proprietari, prospettando loro di dare il via libera alla costruzione di case a schiera e villette in cambio di un cospicuo contributo che sarebbe stato utilizzato nel campo della scuola. L’accordo viene raggiunto, il contributo viene versato, e dopo la stesura del progetto, che è stato approvato a tutti i livelli, si è potuto dare il via ai lavori. Prima di tutto c'era da bonificare l’area con i 4.500 mq di pericolosissimo amianto, che è stato trasportato via da un’azienda specializzata del settore, ed i 1.200 metri di lana di roccia, che hanno subito trattamento analogo.
 Ultimata la bonifica verranno demoliti gli edifici esistenti e poi verranno realizzate le opere di urbanizzazione, compresa una pista ciclabile che collegherà il quartiere con il paese. Nel volgere di pochi anni (ce ne sono voluti venti dal momento dell’acquisto ai giorni nostri) la zona cambierà volto ed una delle brutture architettoniche del paese per i felinesi resterà solo un ricordo del quale discutere in piazza.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika su Rai Due

su Rai Due

L'Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Guida ai ristoranti 2017

nostre iniziative

Guida ai ristoranti 2017: ecco le novità

Lealtrenotizie

Parma Calcio

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

3commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

22commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà

Delineato il programma della nuova fiera che si terrà a Parma dal 12 al 13 aprile

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Gli errori, la sconfitta e la possibile rivincita

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

1commento

SOCIETA'

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

storia

Scoperta la mummia della regina Nefertari al Museo di Torino

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

ANIMALI

sos animali

Di chi è questo pappagallo?

sos animali

I due cagnolini Kay e Tata cercano una famiglia