10°

22°

Provincia-Emilia

Berceto: toccò la nipotina nelle parti intime, arrestato un 34enne

Berceto: toccò la nipotina nelle parti intime, arrestato un 34enne
Ricevi gratis le news
4

Era rimasto da solo in casa con la nipotina di 5 anni, nell'estate 2006 a Berceto. Lei si fidava dello zio 34enne, che però le ha chiesto di sdraiarsi sul letto e le ha toccato le parti intime. La piccola ha dovuto promettere di non rivelare nulla ai genitori. Ma poi, in lacrime, ha rivelato l'abuso.
Sono partite le indagini dei carabinieri e c'è stato il processo. Ora, la sentenza di condanna a 5 anni di carcere per violenza sessuale aggravata. Così un operaio 34enne è stato arrestato dai carabinieri di Berceto, che hanno eseguito l'ordine di carcerazione del tribunale di Parma. Il giovane si trova nel carcere di via Burla.

La brutta vicenda è iniziata nell'estate 2006, quando i servizi sociali hanno fatto una segnalazione all'autorità giudiziaria in merito a presunte molestie su una bambina che allora aveva quasi 5 anni. I carabinieri di Berceto avviarono un'indagine nel massimo riserbo. Contattarono i genitori della bimba, con l'aiuto dello psicologo dei servizi sociali. I militari accertarono che qualche giorno prima la bimba si comportava in modo strano. Davanti alle insistenze dei genitori, raccontò loro che, rimasta occasionalmente da sola in casa con uno zio, era stata convinta da lui a sdraiarsi su un letto, per poi essere toccata nelle parti intime. Lo zio le raccomandò di non raccontarlo a nessuno. All'inizio la bimba obbedì, ma poi disse tutto ai genitori, tra le lacrime.

I carabinieri continuarono le indagini e raccolsero altri elementi, comprese le dichiarazioni di altri familiari della vittima, per delineare con precisione il contesto nel quale l'episodio era avvenuto. Emerse così che non c'erano state ulteriori molestie sulla piccola.

Identificato l'autore dell'episodio e ricostruito l'accaduto, nell'ottobre 2008 il 34enne è stato rinviato a giudizio. Il processo si è svolto con rito abbreviato e il giudice ha ritenuto colpevole l'imputato, condannandolo alla pena di 5 anni di reclusione per violenza sessuale aggravata, con l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. La sentenza è divenuta esecutiva, per cui i carabinieri di Berceto hanno arrestato il 34enne.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • morametto

    16 Luglio @ 12.33

    Cinque anni sono pochi, era gia stato cacciato dalla croce rossa di Berceto poichè molesto. Andava denunciato allora.

    Rispondi

  • adriano

    15 Luglio @ 14.28

    In IRAN l'avrebbero appeso ad una gru, come appena faTto con tre trafficanti di droga. Certo è che in quel paese la certezza della pena non manca !

    Rispondi

  • Gigi

    15 Luglio @ 14.21

    il problema è che sembra non vediamo l'ora di prendercela con qualcuno e/o dare giudizi e lezioni; tutte le volte che si parla di pedofilia o crimini affini nelle varie forme espressive più o meno violente (e pur sempre gravissime) non si tiene conto che è, volenti o nolenti, una malattia, solo che fino a che si tratta di tumori, infarti, ictus, ecc siamo prontissimi - e ci viene spontaneo - essere compassionevoli e comprensivi, mentre quando la patologia è di origine mentale (specie se a sfondo sessuale) ci allontaniamo e tendiamo solo a condannarla come se fosse qualcosa di diverso, che non ci appartiene...poi in qs caso e in altri simili, son proprio felice (forse sollevato?)che esistano giudici e strutture che si prendono cura della vittima ma anche del carnefice perchè, se fossimo noi a deciderere per qs ultmimo - N.B.: uso NOI perchè, malgrado la riflessione che scrivo, i miei stessi sentimenti son contrastanti - lo avremmo già evirato o appeso a un albero o chiuso in cella buttando via la chiave O ELIMINATO e cose del genere...non si tratta di giustificare nessuno ma almeno di provare a comprendere, anche perchè certe "pulsioni" ci sono vicine molto più di quanto ci possiamo immaginare. ciao

    Rispondi

  • Marco Finelli

    15 Luglio @ 12.49

    C'è qualcuno che vuole difendere e giustificare anche questo poverino?

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bellezze in passerella a Pilastro

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Si fingono tecnici Iren e svuotano una cassaforte a Monticelli

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

4commenti

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

Smog

Stop ai diesel euro 4 fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

25commenti

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

Calcio

Parma, cambia il modulo?

Contro l'Entella il tecnico D'Aversa potrebbe apportare qualche modifica al disegno tattico dei crociati

1commento

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

novellara

Si fingeva "sexy girl" su Facebook per raggirare gli uomini: denunciato

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

SPORT

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto