21°

31°

Provincia-Emilia

Berceto: toccò la nipotina nelle parti intime, arrestato un 34enne

Berceto: toccò la nipotina nelle parti intime, arrestato un 34enne
Ricevi gratis le news
4

Era rimasto da solo in casa con la nipotina di 5 anni, nell'estate 2006 a Berceto. Lei si fidava dello zio 34enne, che però le ha chiesto di sdraiarsi sul letto e le ha toccato le parti intime. La piccola ha dovuto promettere di non rivelare nulla ai genitori. Ma poi, in lacrime, ha rivelato l'abuso.
Sono partite le indagini dei carabinieri e c'è stato il processo. Ora, la sentenza di condanna a 5 anni di carcere per violenza sessuale aggravata. Così un operaio 34enne è stato arrestato dai carabinieri di Berceto, che hanno eseguito l'ordine di carcerazione del tribunale di Parma. Il giovane si trova nel carcere di via Burla.

La brutta vicenda è iniziata nell'estate 2006, quando i servizi sociali hanno fatto una segnalazione all'autorità giudiziaria in merito a presunte molestie su una bambina che allora aveva quasi 5 anni. I carabinieri di Berceto avviarono un'indagine nel massimo riserbo. Contattarono i genitori della bimba, con l'aiuto dello psicologo dei servizi sociali. I militari accertarono che qualche giorno prima la bimba si comportava in modo strano. Davanti alle insistenze dei genitori, raccontò loro che, rimasta occasionalmente da sola in casa con uno zio, era stata convinta da lui a sdraiarsi su un letto, per poi essere toccata nelle parti intime. Lo zio le raccomandò di non raccontarlo a nessuno. All'inizio la bimba obbedì, ma poi disse tutto ai genitori, tra le lacrime.

I carabinieri continuarono le indagini e raccolsero altri elementi, comprese le dichiarazioni di altri familiari della vittima, per delineare con precisione il contesto nel quale l'episodio era avvenuto. Emerse così che non c'erano state ulteriori molestie sulla piccola.

Identificato l'autore dell'episodio e ricostruito l'accaduto, nell'ottobre 2008 il 34enne è stato rinviato a giudizio. Il processo si è svolto con rito abbreviato e il giudice ha ritenuto colpevole l'imputato, condannandolo alla pena di 5 anni di reclusione per violenza sessuale aggravata, con l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. La sentenza è divenuta esecutiva, per cui i carabinieri di Berceto hanno arrestato il 34enne.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • morametto

    16 Luglio @ 12.33

    Cinque anni sono pochi, era gia stato cacciato dalla croce rossa di Berceto poichè molesto. Andava denunciato allora.

    Rispondi

  • adriano

    15 Luglio @ 14.28

    In IRAN l'avrebbero appeso ad una gru, come appena faTto con tre trafficanti di droga. Certo è che in quel paese la certezza della pena non manca !

    Rispondi

  • Gigi

    15 Luglio @ 14.21

    il problema è che sembra non vediamo l'ora di prendercela con qualcuno e/o dare giudizi e lezioni; tutte le volte che si parla di pedofilia o crimini affini nelle varie forme espressive più o meno violente (e pur sempre gravissime) non si tiene conto che è, volenti o nolenti, una malattia, solo che fino a che si tratta di tumori, infarti, ictus, ecc siamo prontissimi - e ci viene spontaneo - essere compassionevoli e comprensivi, mentre quando la patologia è di origine mentale (specie se a sfondo sessuale) ci allontaniamo e tendiamo solo a condannarla come se fosse qualcosa di diverso, che non ci appartiene...poi in qs caso e in altri simili, son proprio felice (forse sollevato?)che esistano giudici e strutture che si prendono cura della vittima ma anche del carnefice perchè, se fossimo noi a deciderere per qs ultmimo - N.B.: uso NOI perchè, malgrado la riflessione che scrivo, i miei stessi sentimenti son contrastanti - lo avremmo già evirato o appeso a un albero o chiuso in cella buttando via la chiave O ELIMINATO e cose del genere...non si tratta di giustificare nessuno ma almeno di provare a comprendere, anche perchè certe "pulsioni" ci sono vicine molto più di quanto ci possiamo immaginare. ciao

    Rispondi

  • Marco Finelli

    15 Luglio @ 12.49

    C'è qualcuno che vuole difendere e giustificare anche questo poverino?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Lutto

Morto Maurizio Carra

Teatro

E' morta l'attrice Tania Rochetta

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti