-1°

Provincia-Emilia

Berceto: toccò la nipotina nelle parti intime, arrestato un 34enne

Berceto: toccò la nipotina nelle parti intime, arrestato un 34enne
Ricevi gratis le news
4

Era rimasto da solo in casa con la nipotina di 5 anni, nell'estate 2006 a Berceto. Lei si fidava dello zio 34enne, che però le ha chiesto di sdraiarsi sul letto e le ha toccato le parti intime. La piccola ha dovuto promettere di non rivelare nulla ai genitori. Ma poi, in lacrime, ha rivelato l'abuso.
Sono partite le indagini dei carabinieri e c'è stato il processo. Ora, la sentenza di condanna a 5 anni di carcere per violenza sessuale aggravata. Così un operaio 34enne è stato arrestato dai carabinieri di Berceto, che hanno eseguito l'ordine di carcerazione del tribunale di Parma. Il giovane si trova nel carcere di via Burla.

La brutta vicenda è iniziata nell'estate 2006, quando i servizi sociali hanno fatto una segnalazione all'autorità giudiziaria in merito a presunte molestie su una bambina che allora aveva quasi 5 anni. I carabinieri di Berceto avviarono un'indagine nel massimo riserbo. Contattarono i genitori della bimba, con l'aiuto dello psicologo dei servizi sociali. I militari accertarono che qualche giorno prima la bimba si comportava in modo strano. Davanti alle insistenze dei genitori, raccontò loro che, rimasta occasionalmente da sola in casa con uno zio, era stata convinta da lui a sdraiarsi su un letto, per poi essere toccata nelle parti intime. Lo zio le raccomandò di non raccontarlo a nessuno. All'inizio la bimba obbedì, ma poi disse tutto ai genitori, tra le lacrime.

I carabinieri continuarono le indagini e raccolsero altri elementi, comprese le dichiarazioni di altri familiari della vittima, per delineare con precisione il contesto nel quale l'episodio era avvenuto. Emerse così che non c'erano state ulteriori molestie sulla piccola.

Identificato l'autore dell'episodio e ricostruito l'accaduto, nell'ottobre 2008 il 34enne è stato rinviato a giudizio. Il processo si è svolto con rito abbreviato e il giudice ha ritenuto colpevole l'imputato, condannandolo alla pena di 5 anni di reclusione per violenza sessuale aggravata, con l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. La sentenza è divenuta esecutiva, per cui i carabinieri di Berceto hanno arrestato il 34enne.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • morametto

    16 Luglio @ 12.33

    Cinque anni sono pochi, era gia stato cacciato dalla croce rossa di Berceto poichè molesto. Andava denunciato allora.

    Rispondi

  • adriano

    15 Luglio @ 14.28

    In IRAN l'avrebbero appeso ad una gru, come appena faTto con tre trafficanti di droga. Certo è che in quel paese la certezza della pena non manca !

    Rispondi

  • Gigi

    15 Luglio @ 14.21

    il problema è che sembra non vediamo l'ora di prendercela con qualcuno e/o dare giudizi e lezioni; tutte le volte che si parla di pedofilia o crimini affini nelle varie forme espressive più o meno violente (e pur sempre gravissime) non si tiene conto che è, volenti o nolenti, una malattia, solo che fino a che si tratta di tumori, infarti, ictus, ecc siamo prontissimi - e ci viene spontaneo - essere compassionevoli e comprensivi, mentre quando la patologia è di origine mentale (specie se a sfondo sessuale) ci allontaniamo e tendiamo solo a condannarla come se fosse qualcosa di diverso, che non ci appartiene...poi in qs caso e in altri simili, son proprio felice (forse sollevato?)che esistano giudici e strutture che si prendono cura della vittima ma anche del carnefice perchè, se fossimo noi a deciderere per qs ultmimo - N.B.: uso NOI perchè, malgrado la riflessione che scrivo, i miei stessi sentimenti son contrastanti - lo avremmo già evirato o appeso a un albero o chiuso in cella buttando via la chiave O ELIMINATO e cose del genere...non si tratta di giustificare nessuno ma almeno di provare a comprendere, anche perchè certe "pulsioni" ci sono vicine molto più di quanto ci possiamo immaginare. ciao

    Rispondi

  • Marco Finelli

    15 Luglio @ 12.49

    C'è qualcuno che vuole difendere e giustificare anche questo poverino?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5