22°

Provincia-Emilia

I progetti per la polveriera? Nuove assunzioni e "porte aperte"

I progetti per la polveriera? Nuove assunzioni e "porte aperte"
Ricevi gratis le news
0

di Pietro Furlotti
Difficile pensare al tessuto sociale nocetano senza lo stabilimento militare ripristini e recuperi del munizionamento, meglio conosciuto come «polveriera».
Generazioni di nocetani, dal 1934 a oggi, hanno lavorato tra le mura dello storico stabilimento che, tra il '40 ed il '43, contava addirittura 2300 dipendenti. Alla fine degli anni Novanta, la voce che la «polveriera», situata in località «La Vigna», potesse chiudere per sempre i cancelli si era fatta sempre più insistente dato che non «era considerata strategica per la Difesa».
Ma nel 2001 avviene il passaggio epocale: la «polveriera» passa alle dipendenze dell’Agenzia industrie difese, diretta ora dall’ingegner Marco Airaghi, ed il direttore dello stabilimento, il  colonnello Gennaro Di Lauro contribuisce in modo determinante a conferire all’intero sistema un taglio di gestione «aziendale» che ha contribuito non solo a salvare la «polveriera», ma a rilanciarla sotto molti punti di vista.
«Occorreva una cambio di direzione - ha detto  Di Lauro -, una svolta che potesse fare rinascere lo stabilimento e l’abbiamo trovata in un nuovo mercato: quello della demilitarizzazione. L’impostazione di base è cambiata radicalmente ed il sistema è gestito come un’azienda vera e propria in cui affrontiamo piani di attività e budget».
«In questi anni - ha continuato il direttore dello stabilimento - il personale si è ridotto, ma è divenuto più specializzato e gli investimenti di pregio sono stati molti. Basti pensare al “forno” per la demilitarizzazione, unico in Europa e di progettazione italiana, che rispetta le normative ambientali e consente di operare in massima sicurezza».
Le materie prime ricavate dagli ordigni vengono riciclate: «Quello della demilitarizzazione - ha detto ancora Di Lauro - è un mercato molto vasto, che rende molto. Dai nostri processi di smaltimento ricaviamo materie prime come rame, ottone, plastica, alluminio e acciaio che subiscono l’attività di rottamazione nel massimo rispetto dell’ambiente per essere poi riutilizzati». E'così che il colonnello  e i suoi più stretti collaboratori  hanno salvato lo storico stabilimento, che sorge nell’immediata campagna nocetana.
Ora i progetti e le ambizioni future sono molteplici: «Sarebbe importante - ha concluso il direttore - che l’intero sistema venisse potenziato ancora, in modo da creare quelle condizioni di sviluppo che porterebbero all’assunzione di nuovo personale». Tra i progetti futuri c'è anche quello di aprire i cancelli dello stabilimento ai nocetani, soprattutto ai giovani, e un passo in questa direzione è già stato fatto due mesi fa quando gli alunni dell’Istituto comprensivo locale hanno inscenato uno spettacolo teatrale nel parco della «polveriera».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

1commento

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY

Rugbista colpito in faccia: sviene e va all'ospedale

Il terza linea Belli è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

16commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

43commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

1commento

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

SOCIETA'

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro