-2°

Provincia-Emilia

Omaggio in musica a Cantoni, "papà" del concerto a fiato

Omaggio in musica a Cantoni, "papà" del concerto a fiato
0

Rino Tamani
Mezzani ha reso omaggio a Giuseppe Cantoni, fondatore dell’omonimo e celeberrimo concerto a fiato, nel centenario della sua scomparsa.  La commemorazione è iniziata a Parmetta di Casale di Mezzani con la posa della targa sulla casa dei Cantoni. Il sindaco di Mezzani, Romeo Azzali, ha definito la manifestazione «doverosa, perché, a Casale, Giuseppe ha fondato il concerto a fiato, ha vissuto buona parte della vita ed è morto all’età di 69 anni».
Dopo lo scoprimento della targa da parte di Serino Cantoni,  93 anni, ultimo depositario dell’eredità della famiglia, il concerto a fiato, diretto da Eugenio Martani, ha eseguito «La bicicletta», un brano composto da Giuseppe nel 1861.
Al cimitero di Casale per l’omaggio musicale a Giuseppe, tutti si sono commossi alla lettura dell’annuncio della morte di Giuseppe, causata da «una paralisi violenta, che ha fiaccato la sua forte fibra, ormai abituata ad ogni sorta di sventura». Sventura che Cantoni mitigò col «lavoro indefesso per il quale seppe allevare 14 figli e creare una scuola di banda musicale». Il concerto ha quindi eseguito «Una lacrima», composto da Paride Cantoni per la morte di Giuseppe.
Alla cena, organizzata dai soci del circolo Anspi, ha fatto seguito lo spettacolo musical-teatrale sulla figura di Giuseppe Cantoni, rappresentato nella piazza di Casale, scritto e diretto da Martani.  S'inizia ai primi dell’Ottocento, quando nella Bassa Ovest, a Roncole di Busseto, a ridosso dell’Ongina, nasce Giuseppe Verdi e dall’altra parte, a ridosso dell’Enza, nasce Giuseppe Cantoni. I due, come raccontato in scena, un giorno s'incontreranno. Egidio Bandini ha letto pagine tratte da «L'Anno di Don Camillo» di Giovanni Guareschi, che descrivono Giuseppe Cantoni «un uomo con la musica dentro il cervello che scriveva valzer, polke e marcette per sé e per i componenti della famiglia. I Cantoni erano una famiglia patriarcale, in cui il “vecchio” pensava per tutto e per tutti; ma in quella famiglia uomini, donne e bambini, tutti suonavano qualche strumento a fiato».
 Gli attori della Compagnia Dialettale Sissese, insieme agli strumentisti dell’Antico Concerto a fiato si sono calati nella parte dei fratelli Cantoni che, al ritorno a casa dalla fatica dei campi, ritrovano papà Giuseppe, interpretato magistralmente da Gianni Govi, che ha preparato per loro il consueto antipasto «in musica». Nonostante la pesante giornata lavorativa, il padre non risparmia nessuno dalle prove e apostrofa pesantemente i figli, che vorrebbero riposarsi un poco e tuona, in dialetto: «Fin che sarò al mondo io, queste sono le regole di casa Cantoni».
Tra gli altri interpreti,   il fisarmonicista Gigiòn, interpretato da Corrado Medioli, e due aspiranti allievi di musica, Mauro Adorni e Pietro Giandebiaggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

1commento

Viabilità

Pericolo nebbia sulle strade: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Scontro fra due auto: chiusa la statale 63 del Cerreto nel Reggiano

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

1commento

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

fidenza

Si schianta ubriaco, s'inventa un rapimento e che è stato costretto a bere

4commenti

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

2commenti

Solidarietà

Il pranzo per i poveri raddoppia

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

6commenti

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

5commenti

Intervista

Rocco Hunt: «Sono un po' meno buono»

cinema

Il DomAtoRe di RaNe al cinema Astra

La proiezione del documentario su Lorenzo Dondi

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

LA GT

Renault, arriva la Twingo «cattiva»