12°

Provincia-Emilia

Barocelli: «Creato un nuovo paese avviando grandi poli urbani»

Barocelli: «Creato un nuovo paese avviando grandi poli urbani»
0

di Federica Beretta

Chi era ragazzo negli anni '80 ricorderà bene Francesco Barocelli, l’ex sindaco di Noceto che è stato primo cittadino dal 1987 al 1992, dopo essere stato assessore e consigliere.
Com'era Noceto allora e quali interventi hanno fatto crescere il paese? 
«A quel tempo il paese era povero di strutture e servizi per la cittadinanza, l’amministrazione si era impegnata per creare un paese nuovo. Si sono costruite nuove strutture scolastiche, si è dato avvio a grandi poli urbani come quello sportivo del “Pioppo”, quello produttivo (quartiere industriale ed artigianale) e quello sanitario (è di questo periodo il progetto del poliambulatorio che sarebbe divenuto poi l’attuale Cup)». 
L’ex sindaco ha riferito anche di aver dato grande attenzione alle frazioni (Costamezzana, Cella, Borghetto, Pontetaro, le Ghiaie) affinché avessero una loro identità. 
«Ci siamo anche impegnati per fornire alle scuole nuovi strumenti: è così che sono nati i corsi di lingua straniera, quelli musicali e artistici. Una cosa di cui vado molto fiero è di aver dato inizio alle stagioni teatrali che, assieme ai cicli di film a tema, hanno costruito nei nocetani l’abitudine allo spettacolo. Per la viabilità abbiamo creduto nel progetto del ponte sul Taro che collega Noceto a Collecchio, che dopo 15 anni finalmente è stato realizzato». 
Oggi tantissimi ragazzi fin da piccoli praticano sport a Noceto, com'era il rapporto tra giovani e attività fisica? 
«In quegli anni abbiamo cercato di legare lo sport alla scuola. I giovani giocavano già a calcio e pallavolo. Fu il rugby però l’attività più sensibile al rapporto con le nuove generazioni. Negli anni '80 centinaia di ragazzi iniziarono questo sport ponendo forti premesse per il futuro».
Come ritiene che sia stato amministrato Noceto negli ultimi anni? 
«Di certo i problemi che dovevo risolvere durante il mio mandato erano ben diversi da quelli che attualmente esigono risposta. Io posso solo esprimere dei miei auspici affinchè nel paese, in continua crescita, si mantenga un equilibrio tra aree verdi e poli urbanizzati e che Noceto possa avere sempre una propria identità culturale. Per raggiungere questo obiettivo è necessaria una grande conoscenza della propria storia e delle proprie origini. Le nuove opere portate avanti dall’ultima amministrazione sono tante: il polo sportivo, quello scolastico e altre numerose infrastrutture che hanno cambiato il volto del paese. L’importante è che questa espansione rimanga sempre misurata e controllata. Vorrei anche sensibilizzare l’attenzione della popolazione sul lavoro: spero che, in futuro, la coscienza e il valore di questo siano sempre ricordati dai giovani nocetani». 
Rispetto agli ultimi anni, i Comuni avevano meno risorse? 
«Dal 1975 fino al 1995 ricordo che ad ogni Comune lo Stato consegnava un assegno annuale con cui il paese avrebbe dovuto far fronte alle proprie spese. Considerando che allora lo Stato drenava il 90% delle imposte dirette e indirette, le risorse non erano molte. I Comuni erano inseriti in una “gabbia”: da una parte la necessità di rinnovamento, dall’altra le decurtazione che lo Stato imponeva. Oggi sono aumentati i poteri dei Comuni per cui l’amministrazione decide e risponde del proprio indirizzo di spesa».
Quanti erano allora gli abitanti di Noceto? 
«Il paese era un centro popoloso agli inizi del ventesimo secolo (circa 13 mila abitanti), in seguito aveva subito un forte spopolamento: tra gli anni '70 e gli anni '90 erano solo 9.800 i residenti nel paese».
Quali motivi l’hanno spinta a candidarsi alla poltrona di sindaco? Si è mai pentito di questa scelta? 
«Il motivo era ideale, legato al mio impegno sociale che proveniva da anni spesi nei gruppi dell’Azione cattolica. Volevo essere al servizio di quella società che mi ha ospitato e che mi ha fatto crescere. Non mi sono mai pentito di aver intrapreso questa strada, mi dispiace solo di aver trascurato offerte di lavoro lontano dal paese, vista la necessità di presenza che mi vincolava al Comune. Purtroppo anche la mia giovinezza ne ha risentito perchè, tra un impegno e l’altro, è trascorsa in modo affrettato. D’altra parte in nessun altro modo avrei potuto vivere un’esperienza così a contatto con le persone e i loro problemi». 
Ha dei consigli per i giovani che oggi vogliano intraprendere la carriera politica? 
«Secondo me i giovani dovrebbero stimolare maggiormente centri come le istituzioni parrocchiali, la scuola e gli scout perchè sono fondamentali nella crescita e nell’educazione a quei valori etici e civici che hanno ispirato i momenti migliori della nostra società».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutto quello che c'è da sapere sui nuovi antifurto per auto

consigli

Antifurti: come mettere al sicuro la proprio auto

Lealtrenotizie

Duc

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

2commenti

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

3commenti

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

Vandalismi

Si sveglia e trova l'auto devastata

foto dei lettori

Borgo Giacomo: cadono le decorazioni Gallery

1commento

tg parma

Parma, rinnovi per Baraye e Nocciolini. Scaglia in attacco a Salò?

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

scuola

Contro le bufale dei social, educare a informarsi bene

Incontro all'Ipsia Primo Levi con gli studenti di sei medie superiori di Parma e provincia

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

3commenti

Finto tecnico

Truffa del termosifone: un'altra anziana raggirata

1commento

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

1commento

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

9commenti

Associazioni

Arci Golese, la casa comune di Baganzola

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

22commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

uno bianca

Alberto Savi dopo 23 anni esce in permesso premio. L'amarezza dei parenti delle vittime

1commento

roma

Raggi ha un malore, in ospedale per accertamenti

1commento

SOCIETA'

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

3commenti

libri

Esce in Giappone il nuovo libro di Murakami, un successo

SPORT

motori

Formula 1, svelata la nuova Ferrari SF70H Foto

Calcio

Il Leicester ha esonerato Ranieri

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

SALONE

A Ginevra 126 novità La guida