-5°

Provincia-Emilia

Rivive la "sottile linea nera"

Rivive la "sottile linea nera"
0

Una riflessione storico-politica sugli anni di piombo e sul terrorismo ha aperto la 6ª rassegna che unisce letteratura poliziesca e gastronomia «I sapori del giallo». Luigi Notari, rappresentante del Siulp (Sindacato italiano unitario lavoratori polizia) e da sempre curatore della manifestazione, ha introdotto insieme a Gianni Riccò, cultore di storia locale ed ex sindaco di Langhirano, i primi due scrittori ospiti di questa edizione 2009: Mimmo Franzinelli e Umberto Ambrosoli. La prima parte della serata si è sviluppata intorno alla storia degli anni di piombo, raccontata in maniera puntuale dallo storico Franzinelli, autore de «La sottile linea nera».
E la linea sottile, nera, nervosa e tormentata che legava i protagonisti del neofascismo e della strategia del terrore è riemersa concretamente dalle parole di Franzinelli, ma anche dalle immagini che lo stesso ha proiettato per ripercorrere quegli anni tremendi, e ancora di più dalle musiche evocative di Mauro Slaviero e Federico Bianchi che hanno accompagnato l’autore nella sua esposizione. L’attentato nella sede della banca dell’Agricoltura a Milano nel '69 e quello di piazza della Loggia a Brescia nel '74: ecco le due stragi che segnano i punti culminanti della stagione eversiva nera, responsabile, in quei 5 anni, dell’85% dei circa 4 mila attentati politici che colpirono l’Italia.
Nel suo libro, Franzinelli analizza e interpreta le carte dimenticate, i documenti, le testimonianze e gli indizi riconducibili a quegli episodi, facendo chiarezza sulle complicità e le strumentazioni reciproche che legavano gruppi di estrema destra, criminali, servizi segreti nazionali e internazionali, rappresentanti dello Stato. «Su tanti fatti non è ancora stata scritta la parola “verità” - ha spiegato Franzinelli -. In prossimità della banca dell’Agricoltura ci sono due lapidi dedicate all’anarchico Pinelli: in una si dice “morto tragicamente”, nell’altra “ucciso tragicamente”. Rappresentano il simbolo di una verità difficile da ricomporre». La seconda parte della serata è stata tutta dedicata a Giorgio Ambrosoli, ucciso in una notte di luglio di trent'anni fa mentre rientrava a casa. Il figlio Umberto, incalzato dalle domande della rappresentante di «Libera», Alessia Frangipane, ha offerto al pubblico un ritratto del padre quanto mai umano e vicino: «Il nostro paese ha tanti eroi, tanti che hanno fatto il proprio dovere accettando i rischi del proprio mestiere. Questi eroi non sono tanto diversi da noi. Mio padre era un libero professionista: accettò un incarico mettendo il proprio lavoro al servizio dello Stato. Prese questo impegno, che tanti avrebbero rifiutato, vedendolo come un’opportunità. E’ stato trasformato in un eroe...ma è meglio definirlo come un esempio: un esempio di ciò che tutti noi possiamo essere davanti alle responsabilità della vita».  Ucciso da un sicario ingaggiato dal banchiere siciliano Michele Sindona sul quale l’avvocato milanese stava indagando, Ambrosoli non si fece intimorire dalle minacce neanche quando si fecero concrete: «Era consapevole di operare nel giusto - ha sottolineato il figlio, autore di “Qualunque cosa succeda”, libro dedicato al padre -. Nemmeno la solitudine deve portare a smettere di fare ciò che è giusto». E poi ha esortato: «Il nostro compito è indirizzare la vita politica, la rassegnazione è il peggior sentimento che possiamo permettere si affermi».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

1commento

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

3commenti

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

Lega Pro

Parma tra novità e cerotti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

21commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

Rigopiano

Francesca che dall'ospedale aspetta il suo Stefano

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto