Provincia-Emilia

Legambiente: "I torrenti Parma, Crostolo e Lambro sono gli affluenti del Po più inquinati"

Legambiente: "I torrenti Parma, Crostolo e Lambro sono gli affluenti del Po più inquinati"
2

«Operazione Po», la campagna di Legambiente per la tutela e la valorizzazione del fiume e dei territori rivieraschi, ha presentato i dati dei rilevamenti fatti dalla sorgente fino a Revere (in provincia di Mantova). I dati mostrano un graduale miglioramento della qualità delle acque. Ma il Po si presenta ancora come terra di confine, assediata dall’illegalità e dalle ecomafie.
Lo annuncia la stessa asssociazione ambientalista, in una conferenza stampa a Boretto.
«Il Po è il più importante e sfruttato fiume d’Italia - ha detto Massimo Serafini, portavoce di Operazione Po - ma su di esso non mai stata realizzata una politica unitaria e convincente: si è così assistito alla proliferazione di enti ed istituzioni che con scarsi risultati cercano di far fronte alle piene e ai momenti di scarsa portata. “Operazione Po” ha come obiettivo l’avvio di misure concrete che affrontino decisamente i problemi del grande fiume a partire dall’avvio delle azioni necessarie a tutelare la sicurezza idraulica delle città e dei paesi situati sulle sue sponde e a perseguire il risanamento e la qualità delle sue acque, nonché la valorizzazione delle grandi risorse naturali, paesaggistiche, culturali che possono sostenere la rinascita economica e garantire un futuro migliore per le popolazioni rivierasche.
Gli inquinanti di origine antropica, gli scarichi derivanti da insediamenti produttivi, dall’agricoltura e dalla zootecnica rendono ancora lontana la realizzazione del nostro sogno: quello di vedere il Po nuovamente balneabile. Non si tratta di un sogno impossibile, ma è necessario un maggiore sforzo per migliorare i sistemi di depurazione degli scarichi, industriali e civili, ed un particolare impegno per affrontare il problema dei reflui zootecnici».

L'analisi dei dati dei rilevamenti fatti in collaborazione con i tecnici della Struttura Oceanografica Daphne dell’Arpa Emilia-Romagna e il confronto con i dati rilevati lo scorso anno in condizioni di portata sostanzialmente equivalenti mostrano un lento ma graduale miglioramento della qualità delle acque, ma il vero problema sono ancora gli affluenti, che continuano a riversare nel corso principale i loro carichi inquinanti (fosforo e azoto).

«I dati rilevati dal Piemonte fino alle province di Reggio Emilia e Mantova - ha detto Giulio Kerschbaumer, biologo di bordo di Operazione Po - mostrano come i principali imputati siano gli affluenti del grande fiume, che riversano nel corso d’acqua i loro carichi inquinanti. Le distribuzioni dei valori del fosforo evidenziano tre picchi principali individuati infatti nel fiume Lambro, nel torrente Parma e nel Crostolo, mentre i restanti valori si attestano su concentrazioni molto inferiori».

La conferenza stampa è stata l’occasione per denunciare varie forme di illegalita: «Emerge sempre più come il fiume sia terra di frontiera - ha detto Massimo Becchi, dell’ufficio di Presidenza di Legambiente Emilia-Romagna - lo avevamo già visto con le escavazioni abusive di sabbia in cui la mancanza completa di controlli ha permesso per anni di asportare dall’alveo del fiume milioni di tonnellate di inerti. Per lo stesso motivo attualmente sul fiume è avvenuta una vera e propria lottizzazione attuata soprattutto dai tedeschi che affittando barche e posti letto nei loro campeggi si sono spartiti il lucroso mercato della pesca del siluro. Viene imposta una tassa ai loro connazionali che vengono anche autonomamente sulle sponde del Po. A questo si affianca una cattura indiscriminata e illegale di numerose specie ittiche tra cui appunto il siluro che vengono commercializzate soprattutto all’estero».

«L'Emilia-Romagna anche nel rapporto Ecomafia 2009 si conferma come una regione sotto attacco della criminalità ambientale - ha concluso Antonio Pergolizzi - Si segnalano infatti fenomeni di racket e controllo sempre più pesante in particolare del mercato edilizio, con moltissime aziende titolari di appalti e subappalti sottoposte a infiltrazioni e pressioni criminali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Sergioker

    05 Settembre @ 19.49

    Che schifo, ormai nel canale Naviglio di Parma (che si getta nella Parma) non c'è più nessuna forma di vita, a cominciare dai batteri da tanto è inquinato. La città e i suoi tecnici, geometri ed ingegneri dovrebbero vergognarsi di continuare a progettare... Abbiamo il Lambro pre-depuratore di decenni fa.

    Rispondi

  • riccardo

    05 Settembre @ 14.43

    Ma l'Arpa cosa fa? L'unica soluzione sarebbe quella di mettere del cemento rapido nelle tubature che scaricano nella parma e nei vari fossi della pianura...così la "cacca" torna al legittimo proprietario.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ucciso da forma di parmigiano: condannato produttore "spazzolatrice"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

5commenti

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

2commenti

16 dicembre

Valter Mainetti professore ad honorem dell'Università di Parma

Il conferimento alle ore 11 nell’Aula Magna dell’Ateneo

Curiosità

Al seggio col colbacco del «no»

tg parma

Ventenne travolto a Lemignano: è in Rianimazione Video

QUESTURA

Bici rubate trovate al parco Falcone e Borsellino: qualcuno le riconosce? Foto

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Cambridge

Trovata morta ricercatrice italiana: cause naturali

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

pazzo mondo

Venezia: si lancia con il surf da Ponte degli Scalzi

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

calcio e tragedia

L'omaggio agli "angeli-campioni": Coppa sudamericana alla Chapecoense

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)