12°

neve e disagi

E ora è rischio ghiaccio. Il Comune ai cittadini: "Spalate davanti a casa". Rabbia da città e provincia:"Da 35 ore senza luce, gas e acqua".

E ora è rischio ghiaccio.  Il Comune ai cittadini: "Spalate davanti a casa".  Rabbia da città e provincia:"Da 35 ore senza luce, gas e acqua".
Ricevi gratis le news
47

Nuovo vertice in Prefettura dedicato all'emergenza neve. La situazione più drammatica è in provincia e nelle frazioni, con tantissime utenze senza l'energia elettrica. Il Comune di Parma fa appello ai cittadini: "spalate davanti a case e negozi e non esponete rifiuti".

Il tavolo è stato coordinato dal Prefetto Giuseppe Forlani. Ed è una nota del Comune a dare conto delle situazioni affrontate.
“La nevicata è stata eccezionale – ha affermato in apertura il Prefetto - e la risposta è stata quella che la situazione poteva consentire. Ora si tratta di completare l’opera e di prevenire, per quanto possibile gli effetti che potrebbero manifestarsi nei prossimi giorni”.
Il riferimento è al rischio ghiaccio, in considerazione delle previsioni che parlano di abbassamento della temperatura, quindi è necessario approfittare del tempo disponibile per tenere il più possibile pulite le strade e soprattutto i marciapiedi.
Da qui l’appello del sindaco Pizzarotti ai cittadini di assicurare la loro collaborazione tenendo puliti i marciapiedi davanti a negozi e abitazioni o pertinenze, come previsto dai regolamenti in funzione.
Un’altra raccomandazione riguarda i rifiuti: la forte nevicata (circa 50 centimetri) che si è abbattuta sulla città ha impedito ad Iren di procedere alla raccolta programmata nelle giornate di ieri e oggi. Da lunedì tutto tornerà alla normalità secondo la programmazione ordinaria, mentre per le due giornate saltate si rende necessario attendere il prossimo turno previsto in calendario da Iren.

Viabilità e alberi

Dal punto di vista della transitabilità delle strade quasi tutto è tornato alla normalità: l’autostrada è in funzione, i treni e gli autobus viaggiano regolarmente, le strade provinciali al momento sono tutte pulite e transitabili. Anche in città non si registrano grossi problemi di traffico, ma ancora oggi 150 persone sono al lavoro, insieme alle macchine operatrici, per fare gli interventi necessari in diversi punti della città, soprattutto nel centro storico (45 trattori, 18 spalatori, 5 squadre con bobcat) per ultimare la ripulitura di strade e borghi: “Sul territorio comunale – ha precisato l’assessore Michele Alinovi – abbiamo circa 1.000 chilometri di strade e 2.000 chilometri di marciapiedi, il Comune non può arrivare dappertutto,quindi chiediamo ai cittadini di fare la loro parte”. A fare paura, ora è la possibile formazione di ghiaccio, laddove acqua e neve restino depositate sulla pubblica via. La priorità negli interventi viene data agli accessi alle scuole.
Un altro problema che si è presentato è quello degli alberi e dei rami che sono precipitati sotto il peso della neve, ingombrando la sede stradale e danneggiando numerose auto in sosta: già da lunedì il Comune di Parma raccoglierà le richieste di risarcimento dei cittadini colpiti e le girerà all’assicurazione. Intanto, in queste ore le ditte appaltatrici del verde pubblico e le squadre della protezione civile stanno lavorando per rimuovere rami e tronchi che hanno invaso le strade della città.

I parchi Giardino Ducale, Cittadella e Giardino di San Paolo resteranno chiusi anche per tutta la giornata di lunedì per consentire una valutazione della situazione.

Energia elettrica

Nelle ore della grande nevicata molte utenze sono rimaste senza energia elettrica a causa delle interruzioni di rete. In città Iren sta lavorando per risolvere le ultime situazioni problematiche a Eia, Coloreto e Vigatto, oltre che in diverse utenze sparse rimaste senza luce per guasti alle cabine e alle linee di bassa tensione, ma la situazione appare in via di normalizzazione.
Va meglio anche in provincia dove, secondo l’ENEL, le utenze fuori servizio nella mattinata di oggi sarebbero circa 4.700. Per le situazioni più acute arriveranno in giornata alcuni gruppi elettrogeni, ma intanto si continua a lavorare. Una delle situazioni più problematiche è quella segnalata nel comune di Torrile, dove circa 230 persone sono ancora senza luce: il sindaco ha preso contatto direttamente con Enel e si conta che la situazione venga affrontata nelle prossime ore.

Numero verde

Anche il Comune di Parma si sta comunque attrezzando per affrontare eventuali emergenze dovute a black-out: insieme alla Protezione Civile ha individuato il Palasport come punto di accoglienza.
In ogni caso si ricorda che per tutti i problemi legati all’emergenza neve in città è attivo il numero verde 800484896.

La valanga di telefonate dei lettori a Gazzettadiparma.it: "Da 30 ore senza luce, gas e acqua"

Ore 8.40 di questo sabato circondati dalla neve. "Siamo da 30 ore senza luce, senza gas, e senza acqua". La voce è disperata. La telefonata arriva da Torrile e la signora chiede aiuto alla Gazzetta: "Perchè ormai non so più chi chiamare: all'Enel non si riesce a mettersi in contatto con nessuno. E dalle 3 di venerdì che la situazione è così e non ci danno notizie".

Altra telefonata, pochi minuti dopo. Questa volta dalla zona Botteghino, e stavolta il sentimento che esplode al di là della cornetta è la rabbia: "Dalle 5 di venerdì  siamo senza luce e riscaldamento, è una vergogna. E Iren non ci dà comunicazioni". (La stessa lettrice ci ha poi richiamato per dire che la situazione è tornata alla normalità poco prima delle 10, ma dopo aver cercato più volte e inutilmente di contattare il numero verde Iren).

Terza telefonata, ore 9: "Chiamiamo da Toccalmatto e Cannetolo: siamo da 30 ore senza elettricità e senza acqua. Ma nessuno sa darci informazioni su cosa fare".

E poi via via si aggiungono Vigatto, Eia, Basilicanova ("Basterebbe che ci dicessero qualcosa: siamo disponibili a cercare un albergo, piuttosto che restare al freddo". E anche Coltaro: "Sembra che non gliene freghi niente a nessuno - racconta amara la signora - Siamo senza luce dalle 3 di venerdì. Nell'arco della giornata di ieri coi cellulari ancora carichi abbiamo chiamo più volte l'Enel. Hanno preso nota e detto ogni volta che mandavano un operatore, mi hanno mandato fuori al gelo opiù volte a controllare il contatore, quando sapevano benissimo che c'era un cavo tranciato: ed è ancora lì. Ci sono 10 gradi in casa e non sappiamo più cosa fare. Qui in paese siamo senza negozi e le scorte le abbiamo nei congelatori. E fra poco sarà tutto inutilizzabile".

Nella serata di ieri erano oltre 12 mila le utenze - tra quelle Enel e quelle Iren - in tutta la provincia rimaste ko.


"A Fontanelle di Roccabianca, nella zona dove abito io siamo senza luce dalle 01.00 di venerdì - scrive Sonia - .Capiamo la criticità della situazione ma non si possono lasciare delle famiglie per 35 ore senza luce e gas. Nel caso ci fossero dei bimbi come nel nostro caso ... abbiamo 14 gradi in casa. Al momento (ore 12.30 di sabato) la luce non è ancora tornata.
Ci siamo dovuti spostare dai miei genitori che possiedono un generatore. Ieri sera i tecnici dell'Enel hanno lavorato fino ad un certo orario, poi però se ne sono andati, beati loro in una casa calda, dicendo che sarebbero tornati oggi.
Scusate ma se noi tardiamo di un giorno il pagamento l'Enel ce lo fa pagare, e in questo caso chi ci risarcisce? Non era possibile mandare un'altra squadra per sostituirli?".

Continua intanto a suonare il telefono dei vigili del fuoco. Già alle 9 c'erano una settantina di interventi in coda tra città e provincia per cavi elettrici strappati e rami crollati. 

Fidenza: albergo per chi è al freddo

“Il Comune di Fidenza estende l'attività di soccorso organizzata per la scorsa notte, garantendo il trasferimento delle persone in difficoltà in albergo per tutto il tempo necessario fino al ripristino dell'energia elettrica. La notte scorsa circa 600 utenze di Fidenza sono rimaste senza corrente elettrica. Enel continua a lavorare per riportare l'energia dopo 30 ore di black out che ha colpito 9.000 utenze in tutta la provincia di Parma, 20.000 nel reggiano e via crescendo fino al bolognese. Enel confida di ripristinare tutto entro sera, almeno nella grande maggioranza delle zone interessate dalla mancanza di energia”.
Lo rende noto il sindaco di Fidenza, Andrea Massari, chiedendo anche oggi ai media e ai cittadini – utilizzando la comunicazione istituzionale e la sua pagina facebook www.facebook.com/andreamassarifidenza – di diffondere la notizia affinché siano segnalati casi rimasti isolati e in stato di bisogno (famiglie, bambini, anziani, malati, disabili, ecc.) a causa del black out che è perdurato per buona parte del giorno e per tutta la notte in alcune frazioni di Fidenza e in tutta la fascia collinare.
Per attivare i soccorsi e il trasferimento in albergo, il primo cittadino invita a contattare la centrale operativa della Polizia Municipale (0524.205011) oppure il numero verde 800.451 451.
All'appello lanciato ieri sera dal Sindaco per mappare i casi più critici o le zone sparse ancora al buio, hanno risposto tantissimi fidentini, anche sui social con commenti e condivisioni, che hanno favorito la diffusione dei numeri da chiamare in caso di necessità.

Ore 9,30, l'aggiornamento di Iren: Vigatto, Eia, Marore e Coloreto ancora senza elettricità

Ecco il comunicato di Iren con la situazione aggiornata alle 9.30 di questa mattina:

"L'intensa precipitazione nevosa di queste ore sta determinando severe difficoltà nella distribuzione dell'energia elettrica in città e nelle delegazioni, e nella erogazione degli altri servizi gas, acqua e ambientali.

Situazione aggiornata alle ore 9.30:

- La linea a media tensione a 15 Kv che serve la frazione di Eia e le zone limitrofe, dopo essere stata ripristinata nella serata di ieri, è entrata nuovamente in avaria. Stanno intervenendo le squadre di emergenza per localizzare il nuovo guasto.

- Sulla linea a media tensione a 15 Kv che serve la frazione di Vigatto sono intervenute le protezioni: le interruzioni sono localizzate principalmente in strada Puglia e nelle aree limitrofe. Sul posto sono al lavoro i tecnici di Iren - AEM distribuzione e le ditte esterne incaricate dei lavori.

- La linea a media tensione Coloreto - Budellungo che alimenta le frazioni di Marore, Coloreto, aree limitrofe ed una parte della periferia sud-est è in avaria: si sta localizzando il guasto e si prevede di rialimentare in giornata.

Si verificano poi interruzioni minori di utenze sparse a macchia di leopardo in tutta la citta, che sono in via di risoluzione, in quanto dalla serata di ieri non se ne sono aggiunte altre.

Le squadre di tecnici di Iren - AEM distribuzione e le ditte esterne incaricate dei lavori sono impegnate per ripristinare le linee. Gli interventi incontrano tuttavia difficoltà nella effettuazione in quanto le cabine sono sommerse dalla neve che deve essere rimossa per potervi entrare ed effettuare le operazioni di riarmo e sostituzione dei componenti danneggiati.

La situazione in città e nelle aree di competenza è tenuta costantemente monitorata dal centro di telecontrollo di Strada Santa Margherita.

I maggiori problemi nella erogazione dell'acqua si sono avuti in provincia, a causa del perdurare delle interruzioni elettriche sparse a macchia di leopardo che non consentono il regolare funzionamento delle stazioni di pompaggio. Per questo motivo la frazione di Torre Caiara in comune di Traversetolo è ancora sprovvista di acqua. Con tutte le difficoltà immaginabili si sta cercando di fare pervenire accanto alla centrale di captazione un gruppo elettrogeno per consentire il rispristino in via provvisoria della erogazione dell'acqua potabile.

Per quanto concerne la raccolta dei rifiuti, come già previsto dai calendari distribuiti agli utenti, in caso di forti nevicate la raccolta viene rimandata al turno successivo. Pertanto oggi la raccolta dei rifiuti non viene effettuata.
Il Numero Verde ambientale 800-212607 potrà subire rallentamenti nelle risposte e nello smistamento delle chiamate.

Con successive comunicazioni la situazione verrà aggiornata".

La Regione chiede lo Stato di emergenza

(ANSA) - RAVENNA, 7 FEB - Due milioni e mezzo di euro per interventi urgenti per far fronte alle emergenze prioritarie dopo il maltempo che ha colpito da ieri l’Emilia-Romagna. E una ricognizione in tempi stretti dei danni per avanzare la richiesta di stato di emergenza nazionale al Governo. E’ quanto è stato stabilito nel corso dell’incontro convocato questa mattina dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, nella sede del Comune di Ravenna.

 Tanti problemi ancora a Torrile

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Wait

    07 Febbraio @ 21.23

    Se tutti avessero la decenza di togliere un po' di neve davanti a casa, i marciapiedi sarebbero in condizioni decenti. In questo Paese purtroppo si pensa troppo a far lavorare gli altri! Il comune deve pulire i marcipiedi, i trattori non devono mettere la neve sui marciapiedi (e dove c**** la mettono?!) e così via.. Questa mattina ho girato in tantissime strada di Parma per lavoro, ho visto "tante" persone spalare; il 90% di queste cercava di liberare l'auto parcheggiata, il restante dieci per cento (e nemmeno tutto) cercava di fare una rotta davanti casa, sul marciapiedi. Invece di lamentarvi e basta perché non spalate, almeno vi lamentereste con il diritto di farlo. Non trovo corretto attaccare il comune senza aver spostato un solo cm di neve. Se la giunta non ha fatto il suo lavoro o lo ha fatto male, è un altro discorso, ci tengo a precisarlo. Dopo nove ore di lavoro ho spalato la neve che nessun condomino (nemmeno quelli a casa al sabato) aveva voglia di togliere da davanti ai cancelli, poi ho messo il sale. Se ognuno facesse, nel suo piccolo, il suo dovere altro che città percorribile e marciapiedi puliti! E invece tutti al caldo a lamentarsi sul sito della Gazzetta! Non voglio difendere il comune, voglio seplicemente prendere le distante da tutti coloro che non sanno far altro che lamentarsi, che non sono mai contenti. P.S. mi pare più che ovvio che un cardiopatico non debba spalare! Direi che qualcuno lo può far per lui.. Cos'è chi è in sedia a rotelle spala o monta le catene? Ma per favore.. un po' di lucidità mentale e buon senso nel commentare (in queste ultime righe non voglio, in nessun modo, sminuire l'intervento di vercingetorige che ritengo assolutamente corretto; il mio obiettivo erano altri commenti..)

    Rispondi

  • roberto

    07 Febbraio @ 20.42

    È' da ieri che spaliamo davanti a casa, se poi i tuoi trattori di m..... La smettessero di rimettere la neve sul marciapiede te ne saremmo grati Federico.. Ti salutano gli angeli della neve.,

    Rispondi

  • Mario Bertoli

    07 Febbraio @ 20.11

    LA NEVE NON DEVE ESSERE "PALLEGGIATA" DA UNA PARTE ALL'ALTRA MA BISOGNA GETTARLA NEI TOMBINI COME SI FACEVA UNA VOLTA...MA FORSE E' TROPPO DIFFICILE CAPIRLO...PER GLI ADDETTI AI LAVORI. MARIO BERTOLI

    Rispondi

  • giuliano

    07 Febbraio @ 19.38

    E i marciapiedi dei perimetri dei parchi pubblici che appartengono al comune e che non sono stati puliti? Il comune è il primo a non rispettare i suoi stessi regolamenti. Vergognatevi!

    Rispondi

  • Vercingetorige

    07 Febbraio @ 19.37

    NO ! Spalate davanti a casa solo se siete certi di essere adulti sani. SE SIETE CARDIOPATICI , avete una cardiopatia ischemica , un' insufficienza coronarica , uno scompenso cardiocircolatorio , un' aritmia , se siete stati sottoposti ad interventi cardiologici o cardiochirurgici di plastica o sostituzione valvolare , di by - pass , di angioplastica coronarica , di impianto di pace - maker e defibrillatore , SFORZI FISICI PROLUNGATI AL FREDDO PER VOI POSSONO ESSERE PERICOLOSI ED E' SCONSIGLIABILE CHE VI METTIATE A SPALARE NEVE ! Particolarmente a rischio possono essere coloro che sono cardiopatici , ma non lo sanno , e ce ne sono diversi. NON PAGATE MULTE ! Ricorrete al Giudice e portategli le vostre cartelle cliniche , Vedremo quale Giudice potrà imporvi di rischiare la vita .

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fausto Leali sui social, "io derubato da 4 slavi"

MONZA BRIANZA

Fausto Leali sui social: "Derubato da quattro slavi"

Quiz, lo sapete come si affrontano le piste ciclabili?

GAZZAFUN

Quiz, lo sapete come si affrontano le piste ciclabili?

La canzone di Libera contro la mafia dei ragazzi dell'Udu e dei pensionati Cgil

Tg Parma

Studenti e pensionati nella canzone di Libera contro la mafia

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Plagiata e poi schiavizzata: vi racconto il mio incubo»

La testimonianza

«Plagiata e poi schiavizzata: vi racconto il mio incubo»

Il Giardino

Il Parco Ducale «occupato» da spacciatori e alcolizzati

17commenti

PARMA

Stanziati 930mila euro per il "Lauro Grossi"

Via libera della giunta comunale al progetto definitivo per interventi di ristrutturazione della tribuna coperta e degli spogliatoi del Centro di atletica

Shopping

Black Friday, scatta la corsa agli acquisti anche a Parma Ecco cos'è

Traversetolo

Tre anni di carcere al bullo che rapinava i coetanei

1commento

Tribunale

Pusher tentò di uccidere un carabiniere: condannato a 7 anni

3commenti

VERSIONE DIGITALE

Black Friday: la Gazzetta a 0,50€ al giorno

Calcio

Insigne, fratelli da primato

1commento

Borgotaro

Tre furti in tre abitazioni lo stesso giorno

MUSICA

Gli Snakes cantano per beneficenza

San Leonardo

Carne e pesce scaduti: denunciato il titolare di un negozio di alimentari

Inflitte anche multe per oltre duemila euro

1commento

Tg Parma

Smog, per tre giorni consecutivi Pm10 fuori norma Video

1commento

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

4commenti

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

3commenti

LUTTO

Addio a Gianmaria Piccinini, fonico del Regio e tifoso del Parma Video

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi di Berlino. Cosa sconta la Merkel

di Domenico Cacopardo

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

striscia

Brumotti aggredito dai pusher anche a Padova

2commenti

FIORENZUOLA

Prostituta legata, imbavagliata e gettata fuori dall'auto: arrestato 52enne

SPORT

SUDAFRICA

Pistorius: pena aumentata a 13 anni in appello

IL CASO

Violenza sessuale: 9 anni a Robinho, ex del Milan

SOCIETA'

SALUTE

Quando il design aiuta le mani impacciate Gallery

Francia

Ustionato al 95%, vive per il trapianto di pelle dal gemello

MOTORI

motori

Confronto tra KTM 390 Duke, Honda CB 500 F e BMW G 310 R

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery