15°

Provincia-Emilia

Casa Cervi: "Manca cultura sulla libertà di informazione"

0

Questo l'intervento dell'Istituto sul "diritto/dovere di conoscere, capire, scegliere": 

"Nei giorni in cui, nel nostro Paese, si discute così animatamente di libertà di stampa e di espressione, vale la pena tornare al senso di questa fondamentale acquisizione democratica. E’ un esercizio sempre difficile, per le generazioni venute dopo le grandi stagioni ideali, vivere all’altezza dei propri diritti. Specialmente se conquistati in una temperie civile come la Resistenza. A Casa Cervi, uno dei luoghi dove la storia dell’antifascismo e della Repubblica trova espressione compiuta, la prima missione pedagogica è proprio questa: fornire gli strumenti di conoscenza e di consapevolezza ai cittadini di oggi e di domani".

"Nel cuore del Museo dei sette fratelli Cervi, che racconta una vicenda di scelta e di responsabilità nell'Italia fascista e in guerra, c’è una grande macchina per la stampa clandestina. Non c’è reperto migliore oggi che questo, per spiegare cosa fosse la negazione della libertà di sapere, capire, pensare, scegliere ( in una parola l’informazione) ai tempi del regime. Perché non si può comprendere la dedizione di tanti resistenti, senza cogliere la portata delle privazioni (materiali e immateriali) causate dal fascismo. Nei regimi del secolo breve (sarà poi così breve?), la cultura di massa è addomesticata con la lenta asfissia della mente, che
assopisce togliendo l’ossigeno al pensiero. Nell’era della comunicazione, a noi modesti divulgatori di memoria, è sembrato il memento più moderno e attuale che una storia di ribellione culturale potesse insegnare. Ecco perché da qui (dai giornali e dai libri) parte la nostra narrazione sull’antifascismo di questi liberi contadini. Quel messaggio, e quell’urgenza, non sono cambiati. La necessità di vigilare sul nostro libero pensare non è mutata. Specie in un’epoca in cui le innumerevoli opportunità di conoscere sono almeno pari a quelle di ignorare. E’ un'allerta che va mantenuta in ogni direzione: verso il potere, nella formazione della “opinione
pubblica”. Verso ognuno di noi, “consumatori di cittadinanza” non sempre consapevole, portati a sottovalutare la responsabilità di essere informati. E verso i “produttori di opinione”, la classe di mezzo dei professionisti della comunicazione, a cui è chiesto di non essere proni all'omologazione, all’acquiescenza con la voce dominante, alla informazione precotta".

"Visto dalla casa dei Cervi, da un luogo di divulgazione democratica (per chi in fondo non fa un mestiere così diverso nel proprio piccolo), esiste un problema di “cultura della libertà di informazione” in Italia; un paese forse poco avvezzo a cimentarsi con uno dei capisaldi della civiltà occidentale. La vivacità della pubblica opinione, il bilanciamento tra le “agenzie morali” (la classe dirigente, il sistema dell’informazione, il pubblico): tutti anticorpi inseriti non a caso nel prontuario civile della Costituzione. E tutti indicatori di una società che non solo dispone della libertà di comunicare, ma la esercita consapevolmente. Nella volontà collettiva di conoscere, capire, scegliere (non proprio la stessa cosa di “credere, obbedire, combattere”). Ogni segnale di risveglio, ogni occasione di coscienza su questo tema è un passo in più verso una democrazia compiuta. Per questo sono positive le mobilitazioni pubbliche, e ogni riflettore acceso su questo tema. A questo coro di rinnovata coscienza (più che di indignazione) vogliamo unirci. Ma se davvero ci interessa vivere il senso compiuto delle conquiste civili, costate così care a chi le ha strappate alla storia, ciascuno deve essere cosciente della propria parte. Ogni libertà ha con sé un fardello di responsabilità individuale, se non “di categoria”, che è parte integrante del patto sociale. Costa fatica rimanere desti, non fermarsi alla superficie delle notizie, andare oltre la velina confezionata.
E’ di questo esercizio che dobbiamo esser degni, pagando un prezzo assai inferiore a quello che in ben altri tempi, e in ben altre circostanze, noi stessi Italiani abbiamo saputo scontare. A schiena dritta è più semplice tenere gli occhi aperti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

INCHIESTA

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

1commento

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

La pagella

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

1commento

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

2commenti

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

9commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

1commento

usa

Aereo Cessna si schianta sulle case: tre vittime

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia