17°

30°

incidenti

Auto fuori controllo distrugge una cancellata

Auto fuori controllo distrugge una cancellata
6

Poteva avere ben più drammatiche conseguenze un incidente avvenuto nella prima mattinata di ieri a Salso in via Parma che ha visto protagonista un’autovettura condotta da un giovane e che solo per un caso fortuito non ha coinvolto altri mezzi o persone.
Erano le 7,30 quando, per cause che sono ancora in corso di accertamento da parte dei carabinieri della compagnia di Salsomaggiore Terme giunti sul posto con una pattuglia, un’autovettura Renault Kangoo condotta da un giovane che viaggiava in direzione di Fidenza è finita fuori dalla carreggiata. Il fatto è avvenuto all’uscita da una curva: l'automobile ha sbandato finendo sul marciapiede che costeggia la carreggiata, travolgendo una cancellata ed alcuni contatori del gas ed abbattendo un lampione prima di terminare la sua corsa ferma al centro della carreggiata.
 M.L..... Articolo completo e altre notizie da Salsomaggiore sulla Gazzetta di Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Maurizio

    15 Febbraio @ 12.42

    Se proprio vogliamo fare i sapientoni un danno del genere lo si può fare a 20 km orari, se vediamo atentamente la foto si nota la ruggine (un metalmeccanico dovrebbe vederla subito) su tutta la parte saldata quindi si suppone che la cancellata non fosse poi così resistente, passiamo poi all'ipotesi di una lastra di ghiaccio, velocità di 20 km orari leggera pressione sul freno e la macchina aumenta la sua velocità.... A supporto di questo ha mai notato quando c'è neve o ghiaccio (la settimana scorsa) che alle rotonde molte auto prendono velocità appena toccano il freno anche se fannio i 10 km orari? Io stesso ricorso molti anni fa di aver toccato il freno per svoltare in via emilia est andando pianissimo in una strada a senso unico e molto stretta, bene al bordo della via emilia si era formata una piccola cunetta di ghiaccio che non si vedeva dall'auto, freno come quando uno si ferma e improvvisamente atteraverso la strada velocemente, la mia fortuna è stata che non venivano auto da via emilia est e che di fronte avevo un'altra strada in cui sono finito...

    Rispondi

  • filippo

    14 Febbraio @ 21.34

    Io il mio lavoro lo so fare bene. Voi giornalisti pare meno bene visto che l'Italia è SETTANTATREESIMA (73) nella classifica della libertà di stampa. Arriverà prima o poi un politico che toglierà i fondi all'editoria, allora vediamo chi ci sa stare sul mercato: io metalmeccanico o Lei articolista. Nel merito dell'articolo mi pare evidente l'eccessiva velocità del veicolo, la probabile causa (come accade nel 95% dei sinistri) peraltro...basterebbe documentarsi un po. Ah dimenticavo: "auto impazzite" "lastre di ghiaccio" "malori improvvisi" "guasti meccanici" "allucinazioni" fanno parte del 5% rimanente. Buona sera.

    Rispondi

    • Michele E

      15 Febbraio @ 10.08

      filippo, concordando con le ultime 2 righe che hai scritto ti ricordo che un'auto a velocità tanto alta da non tenere la curva si sarebbe sicuramente cappottata, anche più volte, non sarebbe rimbalzata in strada. Una volta che prendi contro al marciapiede con una ruota (basta distrarsi a guardare il cellulare nel momento sbagliato), l'avantreno non lo comandi più. I danni riportati dall'articolo li fai tranquillamente ai 50/h, se la macchina è pesante anche a meno.

      Rispondi

    • 15 Febbraio @ 07.38

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - 1) Vista la presunzione con cui giudica noi, forse è bene che anche i giudizi sul suo lavoro li lasci ad altri 2) Le classifiche sulla libertà di stampa e le cronache sugli incidenti stradali credo non ci azzecchino molto. Il primo è un problema vero e serio, la sua critica è ridicola 3) Sul mercato ci stiamo dal 1735, e tuttora abbiamo un indice di penetrazione sul territorio che è da record italiano: pensa che dipendiamo dai fondi sull'editoria...? 4) L'eccessiva velocità appare evidente a lei come a chiunque legga l'articolo. E nella mia riposta infatti cito innanzitutto l'errore umano come causa di incidenti. Che non esclude altre concause, come ben sanno anche le assocurazioni. 5) Quindi, il suo supponente commento non aggiunge nulla a ciò che abbiamo detto, ma che correttamente abbiamo condito con la necessità di ulteriori accertamenti per capire tutte le cause dell'incidente. 6) Torni a concentrarsi sulla sua attività: voglio credere che la sappia svolgere bene, e sono altrettanto sicuro che le sia più congeniale che le dissertazioni su altri mestieri. In cambio, mi impegno a non darle lezioni sull'uso di saldatrici o simili. Buona domenica

      Rispondi

  • filippo

    14 Febbraio @ 13.38

    Cause in corso di accertamento: ha scavalcato il marciapiedi, distrutto una cancellata, divelto alcuni contatori del gas, abbattuto un lampione e tornata in strada........ FATICATE MOLTO VOI GIORNALISTI A DIRE LA VERITA' OGNI TANTO?

    Rispondi

    • 14 Febbraio @ 13.46

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - 1) Prima di rivològerti a noi con questi toni dovresti imparare almeno due cose: come funziona un mestiere che non conosci e come è fatta l'educazione 2) Dire che le cause sono in corso di accertamento è correttissimo: in ogni incidente ci può essere un errore umano, ci può essere un guasto tecnico, ci può essere un fattore esterno (buca, lastra di ghiaccio, attraversamento improvviso di animali) o ci può essere un malore. Oppure ci possono essere più cose di queste messe insieme. Oppure (Ma parlo in generale) ci può essere una guida in stato di ebbrezza. Oppure la manovra di un altro mezzo (quanti incidenti sono causati da pirati?). Morale: tu pensa a far bene il tuo, di mestieri. E come ti ripeto, dai anche una ripassata alla tua educazione.

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester

MUSICA

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester Video

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Vangelo di don Cocconiora diventa un libro

NOSTRE INIZIATIVE

Il Vangelo di don Cocconi ora diventa un libro

Lealtrenotizie

Ordinanza di riduzione dell’orario di vendita per asporto di bevande alcooliche e superalcooliche, nei confronti dell’esercizio commerciale ubicato in Parma, Via Trento n. 15/E.“

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

3commenti

lega pro

Parma, non far lo stupido stasera - Probabili formazioni

Play-off: alle 20.30 al Tardini arriva il Piacenza per il match di ritorno degli ottavi. Ai crociati basta non perdere

LA STORIA

Radio Deejay: love story autista bus - passeggera, impazza il gossip parmigiano

CALCIO

Parma-Piacenza: le modifiche alla viabilità. Vietata la vendita di alcolici

9commenti

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

allarme

Sorbolo, "quei ragazzini che fingono di finire sotto le auto"

5commenti

furto

Se i ladri rubano le magliette dedicate a un amico scomparso....

stradone

L'associazione dei writers: "Il Comune ci affidi il sottopasso: sarà spazio culturale"

2commenti

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

13commenti

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

1commento

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

Traversetolo

Spunta un villaggio neolitico sotto il futuro Conad

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

1commento

polizia

L' "ordinaria" sequenza di furti nei supermercati: denunciati in tre

1commento

motori

Abarth Day, a Varano oltre 5 mila fan dello Scorpione

Fidenza

Bar «Spiga d'oro», due furti in quattro giorni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Italia

Melania Trump fa autografi e selfie con i bambini

terrorismo

Manchester, la famiglia di Abedi avvertì della sua pericolosità. Identificate le 22 vittime

1commento

SOCIETA'

SEMBRA IERI

Sembra ieri: taglio del nastro per la nuova Curva Nord (1992)

1commento

salute

Morbillo, tre fratellini ricoverati ad Arezzo con loro mamma

7commenti

SPORT

calcio

Torna a splendere il "Filadelfia", qui giocava il Grande Torino Gallery

Giro d'Italia

Dumoulin e i problemi intestinali: tappa a bordo strada Video

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancora più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare