12°

Provincia-Emilia

Berceto torna a gemellarsi con la tribù degli indiani Lakota

Berceto torna a gemellarsi con la tribù degli indiani Lakota
1

Caterina Zanirato
 

Nel 2010 Berceto diventerà capitale dell’identità: il prossimo anno sarà proprio il piccolo comune sull'Appennino a ospitare il «Festival delle identità», progetto internazionale patrocinato dall’Onu, che si svolgerà anche a Roma, New York e Malta da marzo a novembre.
Il programma del festival sarà suddiviso in diverse sezioni: cinema, cultura, sport, imprenditoria, moda, fotografia, alimentazione, visti nel loro rapporto con l'identità.
«L'idea nasce dal gemellaggio, che risale a 20 anni fa, di Berceto con la tribù indiana Lakota del Sud Dakota negli Stati Uniti - ha spiegato ieri a Palazzo Sanvitale di Parma l’assessore Irene Pivetti, accompagnata dal sindaco Luigi Lucchi - Per questo Berceto è sembrato il luogo ideale per ospitare un progetto che valorizzi le identità locali».
 

Tutti i particolari nell'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • emanuele

    14 Dicembre @ 20.31

    "Stupenda iniziativa. Bene in questo caso l'Amministrazione. Non bene, come personalmente ho fatto notare alle autorità e ai soggetti interessati tramite raccomandata, la gara nazionale di jeep e fuoristrada organizzata a fine Novembre nelle frane di Fugazzolo e Casaselvatica. Non credo sia proprio in linea con il pensiero indiano di assoluto rispetto per la natura. A seguire la mia lettera di denuncia e una nota che aggiungo adesso: i weekend successivi alla gara i territori adibiti a tracciato di gara sono stati oggetto di visite di altri fuoristrada a 2 e 4 ruote, anche in orari di tarda serata. Faccio presente che i terreni franati non sono una pista. Faccio presente che i terreni nella frana hanno ancora dei proprietari come il sottoscritto, ai quali non è stato fatto sapere a tutti della gara percui non hanno dato nesuna autorizzazone. Ecco quanto critto settimane fa. Alla Gazzetta ho mandato e-mail. Fugazzolo di Berceto, 22 Novembre 2009 Le frane di Fugazzolo e Casaselvatica: la gara di jeep e fuoristrada per la loro valorizzazione… Lettera in copia a • Comune di Berceto • Corpo Forestale dello Stato • Servizio Tecnico Bacini degli Affluenti del Po (ex Genio Civile) • Regione Emilia-Romagna • Provincia di Parma e Comunità Montana Valli Taro-Ceno e Baganza • Segreteria del Ministero delle Politiche Ambientali • Gazzetta Di Parma Questa lettera deve doverosamente aprirsi con un plauso dal sapore amaro e sarcastico nei confronti di chi ha permesso che in data 21 e 22 Novembre 2009 prendesse il via una gara nazionale di jeep e fuoristrada in luoghi delicati come sono le frane di Fugazzolo e Casaselvatica (Comune di Berceto, Provincia di Parma). Le motivazioni che il sottoscritto può mettere su un tavolo ai fini di esprimere tutta la contrarietà verso l’organizzazione di tale evento in luoghi del genere, sono molteplici. In primis bisogna considerare come gli organizzatori , e mi rivolgo in particolare a chi internamente all’amministrazione del comune si è preso carico di portare avanti la cosa, abbiano acconsentito all’uso di tali luoghi per questa manifestazione: una buona occasione per riqualificare e valorizzare un luogo (la frana appunto) disastrato e abbandonato a se stesso. Mi viene ancora da ridere amaro a pensare a queste parole; come si può sostenere che un grosso dorsale di un monte che a causa di una frana è stato completamente distrutto possa essere valorizzato facendo in modo che decine di veicoli 4x4 possano percorrervi kilometri e kilometri continuamente e costantemente tracciandovi autostrade di fango, attraversando canali adeguatamente ritracciati per lo scolo delle acque, formando solchi impressionanti dove l’acqua adesso si ferma e ristagna e passando dove stanno ricrescendo boschi, i cui alberi aiuteranno a mantenere saldo il terreno per il prossimo futuro? Se qualche persona è in grado di portare le ragioni per cui un territorio franoso può essere valorizzato in questo modo, vorrei che lo dicesse alla gente ed in particolare a me e alle persone che come il sottoscritto abitano le zone limitrofe. Le persone che come me hanno perso terreni e boschi, che hanno vissuto i disagi e possono dire di provare un sentimento di tristezza per quello che la frana di Fugazzolo ha spazzato via, non possono stare in silenzio davanti a quello che è avvenuto in questi giorni, in maniera che il Comune e le autorità (mi rivolgo in particolare al Corpo Forestale dello Stato ed al Servizio Tecnico Bacini degli Affluenti del Po) possano rifletterci sopra e non permettere mai più che le frane di Fugazzolo e Casaselvatica possano diventare meta e oggetto di gare o manifestazioni del genere. Il sottoscritto, insieme ad altre persone del posto, circa 5 anni fa, senza aver avuto la possibilità di accedere a nessun tipo di finanziamento per mancanza di fondi, ha intrapreso un’opera privata di rimboschimento dei terreni franati a Fugazzolo, iniziando a piantare aceri, cerri, faggi e querce nei propri terreni e allargandosi nel tempo a tutte le zone franate. Non ci siamo preoccupati di spendere centinaia di euro di tasca nostra per tentare di ripristinare e veramente valorizzare i luoghi che una volta risplendevano per i lori campi coltivati, per i loro pascoli e per i loro boschi. Oltre a questo non si deve mancare di annotare le opere che sono state eseguite con mezzi propri (scavatori, ruspe e … le proprie braccia) al fine di tenere puliti i canali ripristinati per lo scolo fondamentale dell’acqua, trovandosi tale zona in un disequlibrio idrogeologico totale. In questi giorni questi luoghi franati, che a poco a poco stanno recuperando la loro fattezza equilibrata non più di campi e pascoli perché ahimè quelli ormai sono andati perduti per sempre, ma di boschi e macchia tipica, sono stati oggetto di una turpe, indegna e assolutamente negativa devastazione. Ho personalmente percorso alla fine delle gare i luoghi e questo è quello che annoto con tanta rabbia in cuore: • Autostrade di fango che come squarci dividono in tante parti un terreno già sofferente • Solchi profondamente tracciati in diverse parti del percorso, con il risultato ottenuto che l’acqua piovana ora qui si ferma e ristagna; direi un’ottima conseguenza per una frana che si imbeve di acqua che normalmente dovrebbe scendere veloce a valle per non causare altri futuri spostamenti/scivolamenti del terreno • Crinali nelle prossimità della frana, vicino ai luoghi che si sono salvati, completamente devastati dalle raspate e salite e discese continue di mezzi che arrancavano per riuscire a salire o scendere. Qui si scorgono ben visibili sassi e terreno che sono stati strappati alle coste sane o comunque in limite di frana. Una cosa assolutamente senza senso se si pensa che i lembi di terreno ai limiti delle frane sono quelli più soggetti al distacco per forza di gravità e scivolamento verso il basso. Detto in altre parole praticamente si è aiutato il distacco franoso del terreno ancora non franato e se ne è causato lo smottamento che verrà sospinto in seguito alle piogge frequenti e abbondanti tipiche del periodo. • Danneggiamento dei fianchi dei canali e fossi che hanno la fondamentale funzione di contenere l’impeto dell’acqua piovana quando scende a valle. Gli organizzatori, molto probabilmente, non si rendono conto di quanta acqua scenda a valle nei periodi più umidi oppure alla fine dell’inverno quando la neve è in scioglimento. • In aggiunta, e questo sarà di particolare interesse per eventuali sopralluoghi delle Guardie Forestali, parti del tracciato di gara entrano in boschi tagliati qualche anno fa e dove ad ora stanno – o meglio dire stavano – ricrescendo e ributtando dai ceppi diverse piante di cerro e quercia. Questi tracciati hanno fatto in modo che le jeep passassero nel bel mezzo di questi boschi con il risultato dello schiacciamento e rottura dei nuovi ricacci di piante utili. Un semplice sopralluogo sul posto potrà mettere in luce questo fatto che non credo sia regolare e comunque pare fortemente insensato. E purtroppo ho constatato che diverse piante che erano state piantate da me e altre persone del posto sono state tranciate, perché rientrate sfortunatamente nei tracciati di gara. • In ultima sede ma non per importanza, vorrei sottolineare che la frana di Casaselvatica, ben più anziana di quella di Fugazzolo, alcuni anni fa è stata oggetto di durature e pesanti opere di stabilizzazione e recupero dal punto di vista idrogeologico, attraverso importanti investimenti di denaro pubblico con intervento del Genio Civile. La frana è stata sottoposta a lavori di livellamento, canalizzazione, terrazzamento ed inerbimento attraverso idrosemina. Lascio all’umana comprensione trarre le conseguenze su come possa avere influito negativamente il passaggio dei tracciati di gara in queste zone, dopo che cotanti sforzi sono stati compiuti per raggiungere uno stato di parziale equilibrio. Io purtroppo sto ancora cercando di capire come questa gara di jeep, avvenuta in una zona franosa ma in lieve e lento recupero grazie a persone che come me amano la loro terra in tutto e per tutto, possa aver contribuito alla valorizzazione del territorio stesso e alla sua riqualificazione. Lascio ai destinatari di questa lettera le riflessioni del caso. Chiedo che vengano prese in considerazione le mie descrizioni e commenti, anche con sopralluoghi di qualunque persona, ente o autorità che voglia prenderne atto. Desidero sottolineare che le mie polemiche forti e decise non provengono da nessuna ispirazione politica ma vengono semplicemente dalla considerazione che non è certo quello descritto il modo per esprimere un attaccamento al territorio e una volontà di cambiare le cose in un comune montano come Berceto che ha bisogno di rinascere e di rimanere attaccato al passato, senza dover piombare nel futuro fatto di ruote che segnano solchi in una parte del comprensorio comunale già sofferente. Per contatti, risposte o altre cose in merito questo è il mio recapito. Emanuele Pizzigalli Località Castago 173 Fugazzolo di Berceto (PR) Mail: emanuelepizzigalli@libero.it "

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen Give Teen A Guitar Lesson On Stage

australia

15enne suona sul palco con Springsteen, con tanto di lezione Video

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Aggiudicazione provvisoria⁩

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

4commenti

presidente samb

Fedeli: "Parma più simpatico, proveremo a fermare il Venezia"

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

5commenti

autobus

Via Farini, da domani modifica temporanea del percorso del 15

Parma

Ancora animali avvelenati: un caso in zona Montanara Foto

La polizia municipale, su Twitter, invita a fare attenzione in via Torrente Manubiola

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

1commento

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

berceto

La bandiera dei Lakota sventola in municipio

Gazzareporter

Parcheggio "selvaggio" in via Marchesi

Rugby

Al Molino Grassi un super-derby Foto

Al fotofinish grazie alla mischia i gialloblù trovano la meta e superano i «cugini» dell'Amatori

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

5commenti

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

1commento

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

2commenti

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

Novara

Auto sui binari travolta da un treno: il conducente riesce a salvarsi

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

LA PEPPA

La ricetta: Whoopies arlecchino per il carnevale dei piccoli

SPORT

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

LA PROVA

Countryman: anche Mini ha il suo Suv