17°

32°

Provincia-Emilia

Montagna fragile: il viaggio tra le frane di Provincia e protezione civile

Montagna fragile: il viaggio tra le frane di Provincia e protezione civile
1

Comunicato stampa
 

“Una montagna che vuole resistere ma che deve fare i conti con una fragilità che si manifesta e si è manifestata in modo diffuso”. Strade dissestate, frane, sponde erose. E poi gli alberi: spezzati, caduti, che ingombrano carreggiate e corsi dei torrenti. Il sopralluogo compiuto oggi dalla Provincia insieme ai tecnici dell’Agenzia regionale di Protezione civile e del Servizio Tecnico di Bacino è stato di fatto un viaggio dentro la fragilità del territorio parmense. Un viaggio nelle alte valli dell’Appennino, sotto la neve che cominciava a cadere ma che non ha fatto in tempo a coprire i disastri provocati dal maltempo che dal 23 al 25 dicembre si è abbattuto sulla montagna provocando danni stimati intorno ai 60 ml di euro.

Non c’è niente di appariscente e per fortuna nessuna persona coinvolta, ma danni diffusi un po’ ovunque, un moltiplicarsi di situazioni che non cessano di evidenziarsi e che coinvolgono quasi tutti i comuni. Basta pensare che nella zona “alta” del Taro e Ceno i soli danni sulle strade provinciali ammontano a 2,3 ml di euro con 32 dissesti verificati.
Questa mattina la colonna guidata dagli assessori provinciali alla Difesa del Suolo Ugo Danni e alla Protezione Civile Gabriele Ferrari, ha accompagnato Maurizio Mainetti responsabile della Programmazione, pianificazione e gestione emergenze dell’Agenzia regionale di Protezione Civile, lungo la provinciale 523. Con loro i dirigenti della Provincia Ermes Mari (Viabilità) e Gabriele Alifraco (Ambiente) insieme a funzionari del Servizio tecnico di Bacino. A Berceto è arrivato il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli, impegnato fin dai giorni successivi il disastro nel coordinamento delle verifiche per la richiesta di finanziamenti destinati a realizzare il piano provinciale per la messa in sicurezza del territorio.

“ E’ grave quello che è accaduto, su un territorio come quello della nostra montagna che ha bisogno di essere assistito e sostenuto nel progetto di difesa del suolo  – ha detto Bernazzoli - Per questo abbiamo già individuato le prime risorse necessarie. Per questo vogliamo coordinare gli interventi per non abbandonare i comuni da soli, continuare a sostenere la montagna, e insieme ottenere il massimo di risorse disponibili in questa fase straordinaria ma anche di farci riconoscere come seconda provincia d’Italia per il dissesto e quindi poter accedere alle risorse strutturali che il ministero dell’Ambiente ha a disposizione. E’ un progetto ampio che perseguiamo dal 2000 e sul quale vogliamo la collaborazione di tutti. La Provincia di Parma in questo si propone come coordinatore di un intervento duraturo nel tempo che ci permetta di ottenere i migliori risultati possibili”. 
La prima tappa del sopralluogo è stata a Casello di Compiano dove c’è una frana sulla provinciale, con un fronte di 40 metri fra la fondovalle e la strada comunale vicina alla cinta muraria del paese. Poi al Municipio di Bedonia dove si è fatto il punto della situazione con il vicesindaco del centro montano Pierluigi Granelli, quello di Tornolo, Alessandro Cardinali e il sindaco di Compiano Sabina Delnevo. A Bedonia sono localizzati 3 degli interventi di somma urgenza (due nell’alta Val Ceno e uno nell’alta Val Taro), una situazione di estrema emergenza per affrontare la quale arriverà dalla Regione un finanziamento annunciato dallo stesso Mainetti nel corso dell’incontro. “Stiamo intervenendo sostenendo l’impegno dei sindaci – ha spiegato Mainetti -  Dopo il sopralluogo di oggi autorizzeremo come Protezione civile 100mila euro per il Comune di Bedonia per gli interventi di somma urgenza che sostanzialmente sono già stati realizzati a tutela della sicurezza della popolazione interessata. Poi d’intesa con i presidenti delle  Provincie, le Prefetture, le amministrazioni locali, il presidente Errani  ha già richiesto lo stato di emergenza perché i danni sono così diffusi e gravi che servono mezzi e poteri straordinari che solo lo stato ci può dare”.

I danni maggiori si sono verificati sulla viabilità (4 ml di euro la conta sulle strade provinciali): Bruschi, Masanti, Nocivelia, Caneso, Gelana sono le frazioni di Bedonia dove la situazione è critica. E in continua evoluzione. A Scopolo questa notte si è verificato un’altro smottamento, terreno e piante che rischiano di finire dentro il torrente. Le cifre raccontano bene quello che è accaduto: 800mila euro di danni a Bedonia, poco di più a Tornolo, comune che ha già speso 30mila euro in somme urgenze destinate a ripristinare i collegamenti. Nel piccolo centro sono soprattutto due le situazioni che preoccupano: a Casale val Taro e Ponte Strambo e le frazioni della zona di Santa Maria del Taro. 400mila euro i danni stimati dal comune di Compiano dove la notte di Natale è stato necessario far evacuare una famiglia e chiudere la strada di collegamento con una frazione. Anche qui tanti gli smottamenti con il Rio Ravesa che è tracimato. Il racconto degli amministratori è di fatto un elenco di situazioni in cui, se non si interviene come hanno sottolineato gli assessori Gabriele Ferrari e Ugo Danni, si rischia una situazione sempre peggiore soprattutto considerando che l’inverno è appena iniziato e che in queste ore la neve ha ripreso a cadere. “Abbiamo un territorio così fragile che in montagna diventa friabile e ogni volta che le situazioni  precipitano diventa sempre più complicato risolvere i problemi”.

Dopo Bedonia il sopralluogo ha toccato Gotra di Albareto dove il Taro ha corroso la sponda accanto alla provinciale e raggiunto Berceto. Qui il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli e il sindaco Luigi Lucchi hanno percorso la strada per Corchia dove una grossa frana ha eroso parte della strada che arriva al borgo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • emanuele

    07 Gennaio @ 14.02

    A proposito di frane, la gente deve sapere che a Berceto, esattamente nelle frazioni di Fugazzolo e Casaselvatica, dove esistono due frane molto importanti per gravità, sono state fatte in Novembre delle gare di jeep e fuoristrada proprio all'interno dei terreni franosi. Le gare stesse sono state sostenute e organizzate anche dall'amministrazione bercetese, che in tale occasione ha dimostrato una totale insensibilità e imperdonabile leggerezza. Ho denunciato la cosa a diversi organi ed autorità competenti, tra cui Guardia Forestale, Ministero per l'Ambiente oltre che Provincia e Regione nelle sedi competenti. Io mi batterò sempre e per sempre affinchè una cosa del genere non accada mai più! Firmato: un "montanaro" terribilmente innamorato del proprio teriitorio!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

“Fame Reunion 2017”: il cast di “Saranno Famosi” sceglie ancora Salsomaggiore Terme

spettacoli

La reunion del cast di “Saranno Famosi” di nuovo a Salso. Grazie al crowdfunding

Glamour e sensualità per il red carpet di Twin Peaks

Cannes

Glamour e sensualità per il red carpet di Twin Peaks - Gallery

La domenica pomeriggio al Colle San Giuseppe

FESTE

Un pomeriggio al Colle... foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nove telegiornaliste che bucano il piccolo schermo - Laura Chimenti

L'INDISCRETO

Nove telegiornaliste che bucano il piccolo schermo

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Truffa ai danni di un'anziana

truffa

"Deve pagare la tassa rifiuti: lo dice la Ue": e si porta via 900 euro

SORBOLO

Scoperti i ragazzi che «giocano» a buttarsi sotto auto e treno

incidente

Schianto tra tre auto e una moto in A1: grave motociclista

SALA BAGANZA

Investito sulle strisce: gravissimo

2commenti

DOPO IL PALACITI

Nuova razzia in palestra. I ladri ripuliscono la Magik

VIA ALEOTTI

69enne travolto da un pirata

università

Lo sfogo di Gallese: "Ecco l'ultimo paradosso del Miur: escludere i migliori"

BASEBALL

Davide, il fuoriclasse che non dimenticheremo mai

VIA TOSCANA

Bertolucci, rubata una bici al giorno. E le telecamere?

1commento

RUGBY

Gavazzi, «ultimatum» alle Zebre

MUSICA

Il dj Luca Giudici: «Sarò al fianco di Clementino»

play-off

Lucchese (mercoledì): oltre 6mila biglietti venduti

Problemi on line, Majo: "Fisiologico quando c'è richiesta". Per il ritorno a Lucca: prevendita nella sede del Centro di Coordinamento

1commento

VIA BUDELLUNGO

Prima l'incidente, poi la lite e la "fuga" con il trattore: condannato agricoltore

1commento

Parma

Una lettrice: "Stazione, un uomo nudo nel piazzale ma nessuno interviene"

37commenti

PARMA

Ruba una borsetta nella chiesa dell'Annunziata: inseguita e bloccata 56enne parmigiana Video

1commento

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

Via Amendola: i pusher si allontanano, gli invitati restano. E si arrabbiano

18commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

La nostra vita blindata nell'epoca della paura

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

TORINO

Neonato abbandonato in strada, muore in ospedale

modena

Sniffano la "droga del diavolo" a una festa, due 30enni in coma

1commento

SOCIETA'

panama

E' morto Noriega, ex dittatore-presidente

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

SPORT

calciomercato

Voci dalla Liguria: "Faggiano in pole per il dg dello Spezia"

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

MOTORI

Volkswagen

Golf, è l'ora della variante a metano

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione