-4°

Provincia-Emilia

Pontremolese, disagi infiniti

1

 Ancora disagi per i pendolari sulla linea ferroviaria Pontremolese: ieri mattina i treni soppressi diretti a Parma sono stati tre. Una situazione di grande difficoltà che va avanti da prima di Natale, in concomitanza con l'intensa nevicata che ha provocato guasti a diversi convogli, tutti finiti in manutenzione. Le soppressioni di almeno nove treni (elencati nella tabella qui a lato) andranno avanti sicuramente fino a domenica, dopodiché la situazione dovrebbe - ma il condizionale è d'obbligo - finalmente normalizzarsi. 

Intanto però, dopo le ripetute proteste dei pendolari e l'intervento deciso della Regione, un primo risultato è stato ottenuto: già da oggi sarà ripristinato il convoglio maggiormente martoriato dalle cancellazioni, il regionale 6754 proveniente da Pontremoli e che ferma a Borgotaro alle 6.08. «Trenitalia - spiega l'assessore regionale ai Trasporti Alfredo Peri - ci aveva assicurato che avrebbe fatto il possibile per riportare le condizioni alla normalità già dal primo giorno di gennaio. Non è stato così. A fronte di una situazione inaccettabile, ci siamo attivati». Il ripristino del treno delle 6.08, aggiunge, «è un primo, parziale riscontro da parte di Trenitalia: continueremo a insistere per il rispetto e la garanzia di un servizio che chiediamo, e che paghiamo».
I treni cancellati ieri mattina sono stati tre: il regionale 6752 che ferma alle 5.27 a Borgotaro, che ha terminato la corsa a Borgotaro anziché proseguire fino a Parma; il «solito» regionale 6754 (La Spezia-Parma) che ferma alle 6.08 a Borgotaro; il regionale 2036 (Livorno-Milano) che ferma alle 8.03 a Borgotaro.
E ovviamente sale la protesta da parte dei pendolari, esasperati in particolare dalla carenza di informazioni: «Potevano mettere un avviso nelle stazioni - osserva Fabio Campisi, pendolare - per dire che il servizio verrà sostituito con pullman, oppure che non verrà sostituito: almeno così uno lo sa, e non deve andare tutte le mattine in stazione e solo lì scoprire che il treno non c'è. È questo che fa innervosire i viaggiatori, la mancanza di informazioni».
Dalle Ferrovie dello Stato spiegano che «la durata e le modalità delle autosostituzioni non sono pianificate a lunga scadenza, perché mano a mano che ci viene riconsegnato un mezzo (e sui tempi delle riconsegne non avevamo delle certezze) immediatamente lo rimettiamo in circolazione. Da questo è nata la difficoltà di dare informazioni che avrebbero richiesto una tempistica delle riconsegne. I tempi purtroppo non sono stati brevissimi e di questo non possiamo che scusarci. Pensiamo che con l'inizio della prossima settimana la situazione dovrebbe essere normalizzata». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • BONZILLI GRAZIA

    09 Gennaio @ 12.12

    Ringrazio l'assessore Peri, visto che anche lui viaggia spesso con il 6754, salendo a Collecchio. Da 36 anni viaggio e non mi sono mai trovata in una simile situazione. mi domando solamente, chi mi pagherà tutte le ore perse sul lavoro a causa di ritardi, cancellazioni ecc.. Sicuramente non Trenitalia, in quanto i suoi dirigenti non si preoccupano di come e in che condizioni viaggiano i pendolari. Rinpiango tantissimo il vecchio treno detto "Gambadilegno" per i sedili in legno. Neve, acqua, gelo, era comunque sempre pronto, questo grazie anche al personale che eseguiva la manutenzione e controllava la linea. Spero lunedì di non dover ancora correre alla ricerca della prima corriera utile.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

7commenti

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

sisma e gelo

Catastrofe nel Centro Italia: Parma in prima linea nei soccorsi Video

Il Soccorso Alpino di Parma opera sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

4commenti

terzo furto

Ladri e vandali in azione a "La Bula" che chiede aiuto Video

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

6commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

4commenti

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Le immagini terribili dell'hotel Rigopiano Gallery

INGV

Le onde sismiche della scossa 5.5 nel Centro Italia Video

SOCIETA'

futuro

L'auto volante diventa realtà, prototipo entro il 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta