22°

Provincia-Emilia

Addio a Umberto Golini San Secondo nel cuore

Addio a Umberto Golini San Secondo nel cuore
0

 San Secondo piange uno dei suoi figli più affezionati, più autentici. Era conosciuto e benvoluto da tutti, Umberto Golini. Non avrebbe potuto vivere che a San Secondo: per lui, era l'ombelico del mondo. Qui è nato, qui è cresciuto, qui ha avuto tantissimi amici. E qui è morto, l'altra sera, in un letto dell'ospedale. Ha smesso di lottare contro una malattia che non si può sconfiggere.

Aveva 72 anni. Tutti spesi nella «sua» Bassa. L'ha girata in lungo e in largo: per lavoro e per divertimento. Per anni e anni ha fatto il commerciante di olio, in società con il fratello. Si metteva al volante dell'auto, o del furgone, all'alba. E girava per ristoranti, per mense, per case private. Ci sapeva fare: e infatti gli affari andavano molto bene. Era un venditore nato: per via della simpatia naturale, istintiva. La battuta sempre pronta, una storia sempre nuova da raccontare. Un venditore vecchio stampo: di quando gli affari si facevano con una stretta di mano, e il rapporto umano prevaleva. Sempre. Anche sugli aspetti economici.
A casa lo aspettava Marisa, la moglie. Una vita insieme: avrebbero festeggiato i 45 anni di matrimonio tra un paio di settimane. E i figli, che adorava, Katia e Giuseppe. Ne era orgogliosissimo. Katia è giornalista alla «Gazzetta»: il giorno in cui è stata assunta è stato uno di quelli che Umberto ha sempre ricordato tra i più belli della sua vita. Quante volte se n'è vantato, con gli amici: dall'epoca delle prime corrispondenze da San Secondo all'ingresso in redazione. Come il giorno della laurea. 
Lo stesso orgoglio per la passione di Giuseppe per i libri, per lo studio. Dalla medicina alla filosofia. Era fiero della sua cultura. E della sua passione politica: in buona parte gliel'aveva trasmessa lui. Quando Giuseppe, qualche anno fa, si era candidato per un posto in Consiglio comunale a San Secondo, il padre aveva fatto – con tenacia, con passione – la sua personalissima campagna elettorale. E ne aveva convinto molti, di amici, di conoscenti: davanti a un caffè, a un tavolino del bar Centrale. Una parte del merito della «vittoria» era sicuramente suo.
Nei paesi, i bar sono ancora forti centri di aggregazione. Per Umberto Golini erano il trampolino di lancio dei suoi racconti. Erano la voglia di stare con gli amici, di fare una partita a briscola o a tressette (era bravissimo: ha vinto parecchi tornei). E soprattutto erano il teatro privilegiato per le discussioni sul calcio. Ecco, il pallone: la passione di una vita. Il pallone e la Juve, che per lui erano una cosa sola. Da Boniperti, che lo aveva fatto innamorare da ragazzino, fino a Del Piero, l'ultimo suo eroe. Quando a San Secondo è nato un club di tifosi juventini – Juventus club San Secondo Bar Sant'Angelo – non poteva che essere lui il presidente. Impossibile mancasse a una partita della «Vecchia Signora». Tante volte era andato allo stadio, a Torino o in Europa. Ultimamente, dall'avvento di Sky, ogni partita era un'occasione per una cena tra amici. Nulla ha mai fatto traballare la sua fede bianconera, nemmeno la parentesi della serie B.  Neanche per sogno.
Amava vestirsi bene e curare il proprio aspetto: un giorno sì e un giorno no andava dall'amico barbiere (se era chiuso, apriva apposta per lui). Dal suo amore per San Secondo era nato l'impegno per la «Cassapanca», l'associazione che si è sempre battuta per la  valorizzazione turistica e culturale del paese e che per anni ha promosso il mercatino dell'antiquariato. Proprio Golini, con un gruppo di amici, l'aveva fondata, nel 1988, e aveva sempre fatto parte del consiglio direttivo. 
Da sansecondino doc, amava il Palio: non ha mai perso un'edizione. Circondato dagli amici: come sempre, nella sua vita. Era il più «corteggiato», per via della sua simpatia, della disponibilità, della generosità. Amava la vita, e ne era ricambiato. E gli amici non l'hanno mai lasciato solo, anche quando ha cominciato a non stare bene.
Adorava le serate alla «Villa Ecologica», pantagrueliche cene a base di salumi cullati per mesi dalla nebbia e anolini in brodo «di terza», grigliate e cacciagione. Un «club» al quale si accede solo per invito. E Umberto Golini era sempre il primo, a essere invitato. 
Alla prima occasione, saranno in tanti, in tantissimi ad alzare un calice in sua memoria. 
Ieri sera gli amici si sono stretti ai familiari durante il rosario, celebrato dal parroco, monsignor Nando Soncini. E oggi il paese darà l'addio al suo «figlio» orgoglioso: i funerali saranno celebrati alle 14,30 nella chiesa collegiata.
............................................
A Katia e ai familiari l'affettuoso abbraccio di tutta la «Gazzetta».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Atterraggio

olanda

Che atterraggio! Il cargo rimbalza sulla pista Video

Ligabue, necessario ricordare. Su Fb e Twitter, video della canzone 'I Campi in Aprile'

Liberazione

25 Aprile: Ligabue dal tour fa gli auguri cantando "I Campi in Aprile" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Corteo in centro: Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti: "Avanzano le paure ma dall'antifascismo sono nati gli anticorpi della civiltà"

25 Aprile

Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti ricorda il partigiano Annibale Foto Video 

Il sindaco: "Avanzano le paure ma dall'antifascismo vengono gli anticorpi"

1commento

parma in crisi

Ko (anche) con il Sudtirol: squadra in ritiro a Collecchio

Autostrade

Autocisa: 4 chilometri di coda. Traffico intenso in A1 fra Campegine e Fidenza

EVENTI

Concerti, bancarelle e street food: l'agenda del 25 aprile

pilotta

Planet Funk e Fast Animals and Slow Kids Chi c'era

foto dei lettori

Un turista si è perso, finendo in Pilotta Gallery

Monticelli

Tragica caduta in bici: muore 65enne

GIALLO

Trovato un cadavere in Po: si pensa che sia Bebe Brown, scomparsa a Pasqua a Boretto

La testimonianza: "Sua sorella l'aveva chiamata qui per darle un futuro migliore..."

Aveva 81 anni

Se n'è andato Franco Ferretti, re del packaging

Bassa

Castle Street Food: una giornata ricca di eventi a Fontanellato Foto

Salso

Bruciata l'auto di un salsese

BRESCELLO

Trasporta cavalli senza patente né permessi: maxi-multa per 25enne

tV parma

'Il cuoco perfetto": stasera iniziano le sfide dirette Video

Calcio

Figuraccia Parma, ko con il Sudtirol: pioggia di fischi Foto D'Aversa: "Così la B è difficile" Video

Davanti al Tardini, il ds Faggiano incontra i tifosi La foto -   Il commento di Pacciani: "Partita sconcertante" Video - Il Pordenone raggiunge il Parma. La squadra esce senza "salutare" la curva, poi torna indietro

11commenti

LA BACHECA

20 annunci per chi cerca lavoro

Denunciato

Falsi certificati per avere la patente

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

EDITORIALE

Eliseo: sarà una sfida tra due outsider

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

LIVORNO

Sale sul tetto di un treno: 18enne muore folgorato

Ferrovie

Una persona investita da un treno: circolazione bloccata per due ore e mezza sulla Piacenza-Bologna

SOCIETA'

3 mesi fa l'aggressione

Il primo selfie di Gessica Notaro (la miss sfregiata con l’acido dall’ex)

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

SPORT

calcio e veleni

Lite Spalletti-Panucci sulla sostituzione di Dzeko Video

parma in crisi

Marco Ferrari: "Tutti abbiamo voglia di svegliarci da un incubo" Video

2commenti

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"