22°

Provincia-Emilia

Gestione del Po: l'Aipo rileva le competenze dell'Arni

Gestione del Po: l'Aipo rileva le competenze dell'Arni
2

 

E' avvenuto il passaggio di consegne delle funzioni fluviali finora gestite dall’abolita Azienda regionale di navigazione interna (Arni), all’Agenzia interregionale per il Po (Aipo): la convenzione Regione-Aipo che lo prevede è stata illustrata a Parma nella sede dell’Agenzia dagli assessori regionali Marioluigi Bruschini, che presiede Aipo, e Alfredo Peri (Trasporti).

La convenzione, in applicazione delle leggi regionali 9 e 24 del 2009, prende atto della soppressione dell’Arni, nata nel 1989, e assegna le sue funzioni all’Aipo per tre anni dal 1° febbraio 2010: attività di navigazione interna, gestione del sistema idroviario padano-veneto e del demanio fluviale. All’appuntamento, anche Luigi Fortunato (direttore Aipo) e Pier Giorgio Dall’Acqua, commissario liquidatore dell’Arni.

Si tratta, ha spiegato Peri, di una «integrazione di Arni in Aipo» che continua a valorizzare «il patrimonio di competenza tecnica ed esperienza presente nell’Arni», facendo compiere all’Aipo «un deciso passo avanti nella direzione di un governo unitario del bacino del Po», con «un’intesa sempre più stringente delle Regioni del Po sulle strategie da adottare», portando «a sintesi tutela ambientale, opportunità economiche, sviluppo della navigazione, sicurezza idraulica».

Bruschini ha precisato che la scelta risponde all’esigenza di affrontare quella «frammentazione istituzionale nella gestione del Po» espressa da più parti negli ultimi anni: ora si «consente un governo più unitario ed efficace del fiume» e «si completa il percorso di integrazione tra aspetti idraulici e navigabilità, già iniziato col conferimento ad Aipo di competenze sulla navigazione da parte di Regione Lombardia». Dall’Acqua ha ricordato che la nascita di Aipo, nel 2003, aveva aperto una nuova stagione di intesa tra le istituzioni per la gestione unitaria del Po e ora, con l’ingresso di Arni, questo processo positivo continua e «richiederà da parte delle Regioni del Po, dopo il turno elettorale, un aggiornamento».

La Regione Emilia-Romagna ha stanziato 3,4 milioni nel 2010 per l’esercizio in Aipo delle attività ex Arni (600mila euro di spesa corrente e 2,8 milioni di investimenti) prevedendo di valutare il nuovo assetto in sede di assestamento in luglio eventualmente con un «implemento delle risorse». I 69 dipendenti ex Arni vengono trasferiti a contratti invariati alla Regione Emilia-Romagna dal 1° febbraio 2010 e distaccati all’Aipo, «il cui organico è attualmente di 318 unità, compreso l’Ufficio gestione navigazione lombarda». Un "Gruppo misto di alta sorveglianza" verificherà l’applicazione di quanto previsto dalla convenzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianfranco ferrari

    02 Febbraio @ 21.22

    Ecco come vengono dilapidati e sprecat i danari dei cittadini, in cose inutili !

    Rispondi

    • CARLA

      03 Febbraio @ 15.05

      Vorrei sapere cosa c'entrano i soldi dei cittadini con questo articolo, prima di commentare sarebbe necessario pensare cosa si scrive. Due enti esistenti che si uniscono non mi sembra uno spreco di soldi.

      Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Parma 360»:uno speciale sul festival

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Uccide la moglie malata e si suicida: il dramma di Felegara Foto Video

I corpi senza vita ritrovati dai figli in camera da letto

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

2commenti

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

elezioni 2017

Salvini domani a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

omicidio

Delitto Habassi, chiuse le indagini: "C'è stata premeditazione"

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

6commenti

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

3commenti

tribunale

Abusi nelle assunzioni a Stt, tutti prosciolti tranne Costa

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

11commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

Mondo

Debbie devasta l'Australia Video

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

SOCIETA'

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

roma

Omofobia, Shalpy: "Sputi e insulti per strada: un trauma"

1commento

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon