17°

Provincia-Emilia

Il ragazzino pestato dai "bulli" - La madre:"Chi sa deve parlare"

Il ragazzino pestato dai "bulli" - La madre:"Chi sa deve parlare"
68

I tre pestaggi denunciati pub­blicamente da una mamma di cui è stato vittima il figlio undicenne hanno scosso tutto il paese di Medesano. La mamma asseriva che i problemi, che si verificano alla scuola me­dia e sul pullman della Tep, sono stati denunciati con una lettera la prima volta l’11 e poi il 23 no­vembre scorso da alcuni genitori e rappresentanti di classe. Un elenco di situazioni preoccupanti con indicati anche i punti di cri­ticità del trasporto scolastico. Il ragazzino è stato picchiato sul pullman scolastico della Tep che da Medesano va fino a Sant'An­drea Bagni. In dicembre, per un pestaggio, è stato ricoverato per cinque giorni in Pediatria e poi seguito da uno psicologo. In se­guito è stato afferrato per il collo e infine, venerdì scorso, preso a cal­ci. Autori cinque coetanei extra­comunitari.

«Mio figlio ha paura e non vuole più andare a scuola ­racconta la mamma . Mi preoc­cupa che i problemi psicologici che si è ritrovato dopo le tre ag­gressioni si aggravino ulterior­mente. E. vorrei fare un appello: chi sa parli per evitare che altri ne siano coinvolti».

Tutti i particolari sulla Gazzetta di Parma oggi in edicola

La vicenda (10-2-2010)

Un ragazzino di undici anni non va a scuola da venerdì, per­chè, secondo il drammatico rac­conto della madre, viene rego­larmente picchiato, sia davanti all'edificio che sul pullman del trasporto scolastico. Gli atti di bullismo sarebbero iniziati a no­vembre, ai danni anche di altri alunni della scuola media di Me­desano.
  A dicembre, lo studente della classe prima è stato pestato du­ramente e aggredito da altri ra­gazzi. E' stato ricoverato in Pe­diatria per cinque giorni e poi è stato seguito da una psicologa. In gennaio è stato preso per il collo sull'autobus. Venerdì scorso è stato preso a calci. Da qui, la de­cisione della madre di non man­darlo più a scuola, fintanto che la situazione non sarà rientrata nel­la normalità. «Il bambino dice la mamma ha paura a salire sul­l'autobus e di incontrare chi lo picchia, gli sputa in faccia e lo minaccia di angherie». Altri stu­denti potrebbero seguirlo.
  I «bulli» sarebbero un grup­petto di cinque ragazzini extra­comunitari, di cui due più de­terminati degli altri.


 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • parmense doc

    12 Febbraio @ 17.06

    le autorità che aspettaNO? sono ancora mobilitate per il caso Bonsu...

    Rispondi

  • maria rosa

    12 Febbraio @ 09.29

    ALLORA...... qualcosa si muove o no! Dove sono le istituzioni, aspettiano il fatto grave, la tragedia prima di muoversi. I genitori del ragazzo pestato sono lasciati soli a combattere e nessuno si prende la responsabilità di fermare i "bulli". Cosa si sono sentiti rispondere questi genitori, quando hanno denunciato il fatto ai carabinieri, sindaco, preside. Possibile che nessuno abbia preso provvedimenti seri nei confronti dei colpevoli. IO non grido contro lo straniero perchè tra i "bulli"ci sono anche i nostri ragazzi: Nelle scuole purtroppo si verificano atti di bullismo più o meno gravi, i colpevoli non sono solo gli extracomunitari, il bullo purtroppo non ha colore, ma solo la stupidità e la prepotenza contro i più deboli. Tra le responsabilità di ogni genitore c'è anche quello di educare i figli al rispetto degli altri, quando poi i figli si comportano in maniera violenta i genitori devono essere i primi a prendersi la responsabilità. Da cittadina mi aspetto che le autorità si muovano in fretta visto che il fenomeno a Medesano dilaga, prima che succeda quacosa di irreparabile.

    Rispondi

  • moni

    12 Febbraio @ 08.16

    e c'era bisogno di farlo aggredire TRE volte? dopo la prima si fa salire sullo scuolabus e davanti alla scuola poliziotti in borghese si beccano i "bulli"(io li chiamerei in un altro modo!") e con le loro belle famigliole li si rimanda a casa loro non prima di avere dato loro una bella lezioncina fisica. vedrete che i bulli poi li vanno a fare da un'altra parte, una societa' che non e' capace di difendere un bimbo di undici anni FA SCHIFO!!!!

    Rispondi

  • massimo

    12 Febbraio @ 01.36

    Al dilà del mandiamoli tutti a casa e del "sono tutte brave persone" di mauro è giusto fare delle proposte e che queste proposte abbiano un seguito con sondaggi e vengano inviate a chi di dovere. LE MIE PROPOSTE SONO: DARE UN PESO LEGALE ANCHE ALLE DENUNCE E NON ALLE SENTENZE. RADDOPPIARE LA PENA AI CITTADINI STRANIERI COME AGGRAVANTE ( L'ITALIA OFFRE SCUOLE, SISTEMA MEDICO GRATUITO E AIUTI SOCIALI). NEL CASO CHE MINORENNI COMPIANO ATTI CRIMINOSI O ANTISOCIALI(NON RISPETTO DELLA CULTURA ITALIANA E IL TRATTARE DI IMPORRE LA PROPRIA) ALLA SECONDA AMMONIZIONE REVOCA DEL PERMESSO DI SOGGIORNO DEI GENITORI E QUINDI DEL PROPRIO NUCLEO FAMIGLIARE. NEL CASO DI VIOLENZA SESSUALE CASTRAZIONE CHIMICA E PENA DA SCONTARE NEL CARCERE NEL PROPRIO PAESE, NEL CASO CHE NON FOSSE POSSIBILE LE SPESE CARCERARIE VERRANNO ATTRIBUITE AL PAESE DEL CRIMINALE. TRIBUNALI RAPIDI SPECIALIZZATI IN REATI DI FURTO VIOLENZA IN GENERALE IN GRADO DI EMETTERE UNA SENTENZA IN POCO TEMPO. AIUTO ALLE MADRI SOLE.

    Rispondi

  • Roberta

    11 Febbraio @ 22.27

    Sono molto addolorata per quello che e' successo al ragazzino di 11 anni sullo scuolabus della tep. Purtroppo mio filgio era in classe da tre anni con uno di questi extracomunitari colpevoli del fatto e ha avuto per anni in classe con il gentile consenso delle insegnanti delle elementari dello stesso trattamento di questo ragazzino. Purtroppo nessuno vedeva nulla compreso i docenti, anzi lo lasciavano dormire, insultare e rubare. Denunce su denunce a vigili, sindaco e dirigente scolastico del tempo, ma omerta' assoluta. Auguro alla mamma piu' fortuna di me e tanta solidarieta' Dimenticavo mio figlio non puo' permettersi di prendere l'autobus.............o sono botte dall'extracomunitario del fatto. Grazie

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105, è morto Leone Di Lernia - VIDEO

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia