17°

32°

Provincia-Emilia

Medesano, la famiglia querela i "bulli"

Medesano, la famiglia querela i "bulli"
Ricevi gratis le news
17

Ha sporto querela la famiglia dell’undicenne che frequenta la media di Medesano, vittima nei giorni scorsi dei tre pestaggi av­venuti sul pullman Sant'Andrea BagniMedesano. Sfocia dunque nel giudiziario il caso del ragaz­zino vittima di alcuni episodi di bullismo.
  Il ragazzino per ora è ancora a casa da scuola. La prossima set­timana, sentita la psicologa e la sua volontà, sarà presa una de­cisione in merito.
  Nel frattempo è stato sospeso dalle lezioni per tre giorni il ra­gazzo che ha colpito con un pu­gno allo sterno una compagna di classe, sempre nella stessa scuola media.

Altre informazioni sulla Gazzetta di Parma 13-2-2010
La vicenda

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • maryg

    17 Febbraio @ 11.21

    Gli atti offensivi perpetrati ai danni di persone o cose DEVONO essere puniti indipendentemente dalla razza, colore, religione e cittadinanza di chi li compie. Chi rompe deve pagare di sua tasca e contro chi offende o lede devono essere presi provvedimenti disciplinari che possono portare anche alla bocciatura in modo che anche i genitori imparino ad educare i loro figli a a non volerli difendere ad ogni costo anche quando è evidente un comportamento scorretto. Il "Vangelo" andrebbe letto in ciascuna classe all'inizio dell'anno scolastico e in presenza dei genitori come monito per possibili provvedimenti che DEVONO essere presi anche per dimostrare che le regole esistono e devono essere rispettate da tutti.

    Rispondi

  • roberto

    14 Febbraio @ 17.54

    Nonostante fabrizio si arrampichi sugli specchi per disminuire quanto accaduto a Medesano di fatto c'è una querela e se non lo sa da allora i carabinieri indagano. Ci saranno colpevoli o assolti, responsabili o danneggiati Ma a questa sentenza ci si deve arrivare per la credibillità delle istituzioni e della stessa scuola con il suo contenuto educativo. E da li che salterà fuori la verità di questa storia. Se ad un fatto chiamiamo di pestaggio, di scazzottata, di bullismo, ecc. è scoppiato tutto, ne era probabilmente giunto il momento e chi fino a ieri aveva timore oggi, per fortuna, inizia a parlare. Comunque sia e comunque vada, i fatti raccontati dalla Gazzetta mi pare abbiano i contenuti della verità in quanto ammessi per tre gionrni di seguito dalla stessa dirigente scoalstica. Questi fatti conunque evidenziano un comportamento incivile di uno o più ragazzi verso coetanei. E questo è da condannare. Sempre! La cosa ancor più grave è che chi doveva non ha capito il perchè di certi fatti e a prevenirli.

    Rispondi

  • Bonora Alberto

    14 Febbraio @ 16.56

    >Abitando a Parma non conosco le realtà di Medesano, ma dato che siamo a pochi Km. di distanza, penso che la situazione non cambi più di tanto...purtroppo siamo ancora una volta di fronte ad un grave fatto di violenza passata alle vie di fatto, perpetrata, che piaccia o no, da ragazzini stranieri EDUCATI da genitori STRANIERI che non gli frega nulla delle nostre regole comportamentali a scuola oppure in autobus, anzi in autobus viene ancora meglio la vigliaccata.....e per quanto riguarda i genitori Italiani che non parlano, capisco benissimo i loro silenzi, NOI non siamo abituati a fare giustizia sommaria personalizzata (PER ORA), abbiamo timore delle relative conseguenze.......pertanto, ripristino del RIFORMATORIO ai minorenni Italiani che NON rispettano le leggi dello Stato Italiano, a quelli stranieri, rientro immediato al loro paese accompagnati dai rispettivi genitori con l'OBBLIGO di NON RIENTRO in Italia !!.....

    Rispondi

  • fabrizio

    14 Febbraio @ 09.40

    Credo che la questione debba essere vista con la testa e non con la pancia. innanzitutto vista l'arrabiatura generale di tanti lettori e abitanti di Medesano mi chiedo come mai nessuno di loro abbia mai sentito nulla in merito al presunto "bullismo" e mi domando anche se qualcuno di coloro che scrivono non abbiano figli o cugini o nipoti che frequentano la scuola a Medesano. - Possibile che nessuno ha mai saputo nulla sulla vicenda del bullismo, visto che adesso è "cosa diffusa" nelle scuole di Medesano? Possibile che tutti gli scolari di Medesano subiscano da anni atti di bullismo e nessun genitore ha mai fatto nulla? QUANTO ACCADUTO E' UN FATTO INCRESCIOSO,MA PER CARITA' NON CHIAMIAMOLO BULLISMO!!!!! Chi di noi quarantenni o cinquantenni ha mai fatto a botte con un compagno di scuola? O con gli amici quando si giocava a pallone? io personalmente non mi sono mai rivolto al Sindaco o ai Carabinieri, non so voi!!!! Vorrei commentare invece quanto scritto da quei professori che insegnano da quarant'anni e che oggi denunciano sul forum la situazione...... bravi!!! state zitti a scuola e sfogatevi sui forum chiedendo giustizia! VOI siete pagati per tutelare i nostri figli a scuola e segnalare per primi alle forze dell'ordine quando qualcosa non va. prima di mandare a casa gli stranieri, bisognerebbe licenziare i docenti che si comportano in questo modo. Anche sulla vicenda del "pestaggio" credo che non ci si debba affidare solo a quanto scritto dalla gazzetta, poichè gli articoli riguardano solo quanto affermato dalla famiglia del bambino aggredito. CHI SA PARLI!!!!! e se poi saltasse furi che il bambino aggredito di fatto a rotto ripetutamente le scatole a chi lo ha aggredito? o se per caso l'aggressore sia stato provocato dalla " vittima" ? Voi che scrivete quesate belle frasi sul forum avreste poi il coraggio di fare pubblica ammenda.se le cose risulteranno diverse? Un male tutto italiano e che le persone sono colpevoli prima ancora di aver subito un processo. Secondo quanto detto dalla gazzetta i pestaggi sono avvenuti sullo scuolabus, quindi una volta appurato che il proprio figlio aggredito sia EFFETTIVAMENTE esente da ogni responsabilità sull'accaduto ( cioè non abbia provocato la reazione dell'altro bambino), occorrerà che la TEP faccia più vigilanza durante il trasporto; chi paga il biglietto ha diritto di viaggiare tranquillo, senza che per questo si cerchi attinenza con i discorsi di case popolari o extracomunitari o ammnistrazioni comunali. Un comune deve dare dei servizi pubblici, non garantire la siicurezza di quelli privati, a quello ci deve pensare l'azienda titolare del autobus. Sicuramente occore più vigilanza da parte dei docenti e del trasporto pubblico, ma non chiediamo l'intervento delle forze dell'ordine alle scuole. Non siamo uno stato di polizia !!!!!!!! Per quanto rigurarda il razzismo, credo che vi sia la stessa considerazione della parola bullismo; guardate cosa significa razzismo sul dizianario e forse vi accorgerete che sino ad oggi avete usato in modo improprio questa parola. Essere razzisti non significa asvere un comportamento di scherno dgli altri ma di fare azioni, anche violente, per proteggere la razza ( non per niente il termine viene usato per descrivere gli atteggiamenti dei tedeschi contro gli ebrei A PROTEZIONE DELLA RAZZA ARIANA). cOSA CENTRA UN PUGNO DI UN BAMBINO CON IL RAZZISMO? E' STATO UNO SPREGEVOLE GESTO MA CHE NON HA NULLA DI RAZZISTA, ANCHE SE A FARLO ERA MAGARI UN RAGAZZO DI MEDESANO. CON QUESTO NON GIUSTIFICO, ANZI CONDANNO IN PIENO, QUESTI GESTI VIOLENTI DEI BAMBINI CHE POTREBBERO INVECE ESSERE IL SEGNALE DI UN DISAGIO SOCIALE CHE MEDESANO STA VIVENDO E FORSE NESSUNO DI NOI HA MAI COLTO QUESTI SEGNALI ED OGGI SI TROVA IMPREPARATO A CONSIDERARLI E VALUTARLI. Credo giusto che le famiglie dell'aggressore paghino come responsabili del loro figlio, credo che 3 giorni con obbligo di frequenza siano una barzelletta, credo che il raggazzino che ha fatto l'aggressione ( provocato o meno) non debba più viaggiare sullo scuolabus, MA PER CARITA' FERMIAMOCI QUI !!!!!!! Riportiamo la questione e verità e giustizia finalizzata all'evento e non imbarchaiamoci in considerazioni stupide e sterili che sono degne dei tedeschi che accettavano, ipso facto, quanto diceva il furher. Siamo tutti persone intelligenti, anchi chi dice "TUTTI FUORI" ma diamo il giusto peso alle cose, altrimenti la società perderà la capacità di valutare esattamete le viecende e fare errori madornali e figure di ......... Il rispetto delle nostre leggi deve partire da noi italiani e forse qualcuno oggi ha perso l'occasione di farlo. Vi saluto tutti cordialmente. Fabrizio. Dopo di che chi vuole

    Rispondi

  • giovanni

    13 Febbraio @ 22.48

    altro che tre giorni di sospensione.. io avrei rifilato una bella bocciatura in tronco per tutti questi "furbetti", e anche qualche calcio nel sedere

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

12commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

3commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

calcio

Parma, oltre 7.200 abbonamenti. In attesa del colpaccio

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti