-1°

Regione

Maltempo e alluvioni fra Parma e Piacenza: parte la conta dei danni

Arriveranno fondi nazionali, anche per l'alluvione di Parma del 13 ottobre 2014

Maltempo e danni in Val Ceno
0

Parte la ricognizione per il ripristino dei danni arrecati dall'alluvione che il 13 e 14 settembre ha colpito il territorio delle province di Parma e Piacenza. Lo dice la Regione Emilia-Romagna, che aggiunge: sarà calcolato il fabbisogno finanziario per interventi sul patrimonio pubblico e privato, le attività economico produttive e agricole e agroindustriali.
La Regione, dopo lo stato di emergenza deliberato lo scorso 25 settembre da parte del Consiglio dei Ministri, ha richiesto agli enti di avviare un’azione di ricognizione dei danni. Questa, dice una nota, «non costituisce riconoscimento automatico dei finanziamenti per gli stessi e si attiva nei Comuni che abbiano inviato segnalazioni anche tramite le Province, le quali possono estendere tale attività, qualora ne ravvisino la necessità, ad altri Comuni».
In attesa dell’ordinanza del capo dipartimento della Protezione civile nazionale, osserva nella nota Paola Gazzolo, assessore regionale alla Difesa del suolo, «abbiamo deciso di avviare subito la ricognizione per conoscere in modo puntuale gli effettivi danneggiamenti e poter attuare gli interventi più idonei a consentire il superamento delle situazioni più critiche». 


IN ARRIVO FONDI NAZIONALI PER LE ALLUVIONI (ANCHE QUELLA DEL 13 OTTOBRE 2014 A PARMA). Fondi nazionali per garantire in Emilia-Romagna gli interventi di ripristino per i danni causati da cinque calamità naturali tra 2013 e settembre 2015 a privati e attività produttive. Saranno compresi in uno stanziamento (circa un miliardo e mezzo di euro a livello nazionale) messo a disposizione dal Governo - fa sapere la Regione - con un provvedimento inserito nella Legge di Stabilità, che garantirà la copertura nazionale alle emergenze avvenute fino ad oggi.
Per l’Emilia-Romagna la stima dei fondi in arrivo è attesa tra pochi giorni. Le risorse saranno assegnate con il sistema delle ordinanze di Protezione civile, come in Emilia si è già fatto per il terremoto.
«Il presidente Renzi è stato di parola - sottolinea soddisfatto il presidente della Regione Stefano Bonaccini -. Ci aveva preannunciato il provvedimento nel corso della sua visita durante la recente alluvione di Piacenza. Anche per questa ultima calamità abbiamo già avviato la ricognizione ai privati. Possiamo garantire in raccordo col Governo tempi celeri».
«Siamo pronti - assicura l’assessore alla Difesa del suolo Paola Gazzolo - in questi anni l’Emilia-Romagna ha sempre effettuato la ricognizione dei danni, anche ai privati e alle attività produttive. Possiamo dire di aver fatto bene, perchè ora che si sono reperite le risorse necessarie saremo tra i primi a presentare la documentazione e ad accedere alle risorse».
Per l’Emilia-Romagna si parte dalla calamità avvenuta nella primavera del 2013 in tutta la regione e in particolare nelle aree collinari e di montagna; poi l’emergenza dell’ultimo periodo 2013 e fino a marzo 2014, sempre in tutta la regione; gli eventi del 12 e 13 ottobre 2014 a Parma e Piacenza; le mareggiate e gli allagamenti in Romagna e le precipitazioni nevose del febbraio-marzo 2015, fino agli allagamenti del 13 e 14 settembre a Piacenza e Parma. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

2commenti

parma

Ladro "seriale" dei supermercati colto sul fatto e denunciato

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

5commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

26commenti

anteprima

Come saranno utilizzati i vostri aiuti per i terremotati Video

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

1commento

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

uefa

25 anni di Champions: il Parma è 85°. 7° in Italia

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto