15°

Provincia-Emilia

Odore di petrolio sempre più forte lungo il Po nel Parmense

Odore di petrolio sempre più forte lungo il Po nel Parmense
5

La marea nera che attraversa il fiume Po non è più solo visibile ma il passaggio del petrolio comincia a sentirsi anche nell’aria. L’odore nauseante della massa oleosa di idrocarburi fuorisciti dal deposito di Villasanta di Monza, dal tardo pomeriggio di ieri è una costante in tutto il territorio rivierasco della provincia di Parma e la sensazione di disagio aumenta ora dopo ora.
La Protezione civile in queste ore cerca di preservare le sponde dall’onda nera. «Il primo compito in questo momento per noi è quello di evitare la contaminazione delle coste - spiega l’assessore provinciale alla Protezione civile Gabriele Ferrari -. Assieme al prefetto Paolo Scarpis ci stiamo attivando per posizionare lungo i comuni del nostro territorio le barriere di difesa spondale, quei "salsicciotti" in grado di assorbire il petrolio prima che si depositi sugli argini e sui terreni».
Intanto i Comuni rivieraschi hanno emesso ordinanze di divieto di prelievo di acqua superficiale dal Po e dagli irrigui. Massima attenzione anche nei pozzi privati e ovviamente divieto assoluto di pesca.

BERTOLASO A PIACENZA. Il capo della Protezione civile Guido Bertolaso è arrivato a Piacenza per fare il punto sull'emergenza Po, in un incontro in Prefettura con autorità, tecnici e amministratori locali. Dopo l’incontro il sottosegretario dovrebbe fare un sopralluogo all’Isola Serafini, dove è stato allestito uno sbarramento di 400 metri per contrastare il flusso degli idrocarburi arrivati dal Lambro. Bertolaso ha annunciato che nel pomeriggio ha in programma un altro vertice a Milano.
A Bertolaso è stato chiesto: gli idrocarburi presenti nel Lambro e nel Po possono inquinare le falde acquifere? «Al momento non risulta», ha risposto il capo della Protezione civile. «Le Arpa di Emilia, Lombardia e Veneto tengono la situazione sotto controllo facendo continue analisi delle acque - ha aggiunto Bertolaso -. Mi riferiranno, ma finora non ho avuto segnali allarmanti e questa è un’altra buona notizia».

Bertolaso inoltre ha reso noto che sono stati individuati siti di stoccaggio del materiale inquinante. «Ne abbiamo individuati alcuni ieri sera – a Ravenna, Cremona e Piacenza – e questo ci ha consentito durante la notte e questa mattina di portare via quello che è stato aspirato».  Quanto al danno subito dall’ecosistema fluviale, il sottosegretario ha sottolineato che questo «avrà avuto sicuramente qualche problema, soprattutto lungo il Lambro, sul Po è interessata soprattutto l’area di Piacenza. Ho detto fin da ieri che le autorità piacentine sono quelle che si sono sobbarcate il peso maggiore di questa situazione, ma è ovvio che poi si farà tutta quella bonifica che serve per scongiurare più gravi conseguenze. Per quello che riguarda il Delta, dove c'è l’ecosistema più delicato, al momento siamo tranquilli in virtù di tutto quello che è stato predisposto a monte».

«La notizia fondamentale - ha aggiunto Bertolaso - è che la massa oleosa di fatto l’abbiamo fermata a Isola Serafini e adesso ci sono gli skimmer che stanno recuperando la massa a monte della barriera della diga dell’Enel. Credo che al massimo sia sfuggito da questa barriera tra il 5 e il 10 per cento della massa complessiva, quindi questo è un dato molto significativo».  

VERTICE A MILANO. Bertolaso nel pomeriggio partecipa poi ad un incontro con i rappresentanti delle istituzioni milanesi e lombarde, in prefettura a Milano, per fare il punto della situazione riguardo allo sversamento di idrocarburi e petrolio nel fiume Lambro, che ha raggiunto il Po. Lo ha annunciato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, che ieri ha effettuato anche un sopralluogo in tutta la zona interessata, insieme al ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Luigi

    26 Febbraio @ 18.46

    I colpevoli, faranno si e no 6 mesi di galera, tra bonus e varie, saranno fuori per Natale, guardate Omar...è libero ! mentre dovrebbe marcire fino all'ultimo dei suoi giorni.

    Rispondi

  • michele

    26 Febbraio @ 16.08

    Io butterei loro nel Po, e la chiave in galera.

    Rispondi

  • vanja

    26 Febbraio @ 15.32

    E' incredibile come nel 2010 la razza umana invece di progredire e di prendersi cura di tutto quello che la circonda, faccia di tutto per scomparire. A volte penso che forse sia meglio così, se siamo arrivati fin qui per ampliare la nostra "intelligenza" in questo modo, forse è meglio scomparire e lasciare che il nostro pianeta si liberi di questa "intelligenza" capace di distruggere invece di preservare. Se siamo così stupidi da non capire che tutto è collegato al tutto, allora non saremo mai in grado di capire che le generazioni che verranno hanno il diritto di vivere in un pianeta che vive, e che ogni giorno va amato e curato, perchè la nostra intelligenza a questo dovrebbe servire. Ormai siamo ad un punto di non ritorno, ed è difficile pensare che non saremo in grado di lasciare niente ai bambini che stanno crescendo e a quelli che stanno aspettando di nascere. Preferirei avere attorno persone che pensano con più semplicità ma che sono capaci di stupirsi ancora di fronte alla bellezza, alla grande forza, al coraggio di Madre Terra. Vanja

    Rispondi

  • nadia

    26 Febbraio @ 14.46

    Ribadisco che al " criminale " che ha compiuto uno scempio simile, vanno dati 30 anni di galera e la chiave va buttata nel Po !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

    • michela

      26 Febbraio @ 16.49

      Basterebbe che per tutto il resto della sua vita utilizzasse le acque del PO!!!!

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

David: i candidati ai premi per attori e attrici

cinema

David: ecco chi sarà in corsa

parodia con Parma/Karma canzone vincitrice sanremo

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

Aereo intercettato sui cieli della Germania

germania

Il pilota non risponde: volo di linea scortato da jet da guerra

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

È il momento di rinnovare casa sfruttando le agevolazioni fiscali

COSTRUIRE ARREDARE

Agevolazioni fiscali: è il momento di rinnovare casa

Lealtrenotizie

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

tg parma

Multe dei varchi: il Comune propone una risoluzione bonaria Video

ente

Provincia, assegnate le deleghe. Bodria è vicepresidente

2commenti

CORTE DEI CONTI

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

4commenti

Sicurezza

Parma, blitz nelle cattedrali del degrado

2commenti

FISCO

Condomini, è guerra contro le scadenze impossibili

Corsa contro il tempo per comunicare le spese di ristrutturazione e di risparmio energetico

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis che fine ha fatto?

Fidenza

Concari, quando la medicina è una missione

carabinieri

Lite tra vicini, donna esplode colpi in aria a Boretto

E' stata denunciata, ha usato una scacciacani

quartieri

Ventuno progetti per Parma

Le proposte dei consigli dei cittadini volontari

1commento

A TEATRO

«Mar del Plata», il rugby contro la dittatura

L'INTERVISTA

Cerri, che gioia il primo gol in A

1commento

CULTURA

Tahar Ben Jelloun a Parma: "Più educazione per sconfiggere l'Isis"

Palazzo del Governatore gremito

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

4commenti

Collecchio

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco. Video: l'arresto dei ladri

Il servizio del Tg Parma: la testimonianza di un giovane - Video

3commenti

Via Mazzini

Le baby gang fanno paura: negozianti sotto assedio

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

5commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

6commenti

ITALIA/MONDO

avetrana

Omicidio di Sarah, confermato l'ergastolo per Cosima e Sabrina. E Michele Misseri torna in carcere

1commento

il caso

Killer del catamarano: De Cristofaro è scomparso dal Portogallo

SOCIETA'

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

3commenti

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

SPORT

Vietnam

Rigore inesistente: la squadra resta immobile per protesta

LEGA PRO

Parma- Samb 4-2: il film del match Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

nuovo kit

Mercedes Classe A Next, un passo più avanti