Provincia-Emilia

Odore di petrolio sempre più forte lungo il Po nel Parmense

Odore di petrolio sempre più forte lungo il Po nel Parmense
Ricevi gratis le news
5

La marea nera che attraversa il fiume Po non è più solo visibile ma il passaggio del petrolio comincia a sentirsi anche nell’aria. L’odore nauseante della massa oleosa di idrocarburi fuorisciti dal deposito di Villasanta di Monza, dal tardo pomeriggio di ieri è una costante in tutto il territorio rivierasco della provincia di Parma e la sensazione di disagio aumenta ora dopo ora.
La Protezione civile in queste ore cerca di preservare le sponde dall’onda nera. «Il primo compito in questo momento per noi è quello di evitare la contaminazione delle coste - spiega l’assessore provinciale alla Protezione civile Gabriele Ferrari -. Assieme al prefetto Paolo Scarpis ci stiamo attivando per posizionare lungo i comuni del nostro territorio le barriere di difesa spondale, quei "salsicciotti" in grado di assorbire il petrolio prima che si depositi sugli argini e sui terreni».
Intanto i Comuni rivieraschi hanno emesso ordinanze di divieto di prelievo di acqua superficiale dal Po e dagli irrigui. Massima attenzione anche nei pozzi privati e ovviamente divieto assoluto di pesca.

BERTOLASO A PIACENZA. Il capo della Protezione civile Guido Bertolaso è arrivato a Piacenza per fare il punto sull'emergenza Po, in un incontro in Prefettura con autorità, tecnici e amministratori locali. Dopo l’incontro il sottosegretario dovrebbe fare un sopralluogo all’Isola Serafini, dove è stato allestito uno sbarramento di 400 metri per contrastare il flusso degli idrocarburi arrivati dal Lambro. Bertolaso ha annunciato che nel pomeriggio ha in programma un altro vertice a Milano.
A Bertolaso è stato chiesto: gli idrocarburi presenti nel Lambro e nel Po possono inquinare le falde acquifere? «Al momento non risulta», ha risposto il capo della Protezione civile. «Le Arpa di Emilia, Lombardia e Veneto tengono la situazione sotto controllo facendo continue analisi delle acque - ha aggiunto Bertolaso -. Mi riferiranno, ma finora non ho avuto segnali allarmanti e questa è un’altra buona notizia».

Bertolaso inoltre ha reso noto che sono stati individuati siti di stoccaggio del materiale inquinante. «Ne abbiamo individuati alcuni ieri sera – a Ravenna, Cremona e Piacenza – e questo ci ha consentito durante la notte e questa mattina di portare via quello che è stato aspirato».  Quanto al danno subito dall’ecosistema fluviale, il sottosegretario ha sottolineato che questo «avrà avuto sicuramente qualche problema, soprattutto lungo il Lambro, sul Po è interessata soprattutto l’area di Piacenza. Ho detto fin da ieri che le autorità piacentine sono quelle che si sono sobbarcate il peso maggiore di questa situazione, ma è ovvio che poi si farà tutta quella bonifica che serve per scongiurare più gravi conseguenze. Per quello che riguarda il Delta, dove c'è l’ecosistema più delicato, al momento siamo tranquilli in virtù di tutto quello che è stato predisposto a monte».

«La notizia fondamentale - ha aggiunto Bertolaso - è che la massa oleosa di fatto l’abbiamo fermata a Isola Serafini e adesso ci sono gli skimmer che stanno recuperando la massa a monte della barriera della diga dell’Enel. Credo che al massimo sia sfuggito da questa barriera tra il 5 e il 10 per cento della massa complessiva, quindi questo è un dato molto significativo».  

VERTICE A MILANO. Bertolaso nel pomeriggio partecipa poi ad un incontro con i rappresentanti delle istituzioni milanesi e lombarde, in prefettura a Milano, per fare il punto della situazione riguardo allo sversamento di idrocarburi e petrolio nel fiume Lambro, che ha raggiunto il Po. Lo ha annunciato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, che ieri ha effettuato anche un sopralluogo in tutta la zona interessata, insieme al ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Luigi

    26 Febbraio @ 18.46

    I colpevoli, faranno si e no 6 mesi di galera, tra bonus e varie, saranno fuori per Natale, guardate Omar...è libero ! mentre dovrebbe marcire fino all'ultimo dei suoi giorni.

    Rispondi

  • michele

    26 Febbraio @ 16.08

    Io butterei loro nel Po, e la chiave in galera.

    Rispondi

  • vanja

    26 Febbraio @ 15.32

    E' incredibile come nel 2010 la razza umana invece di progredire e di prendersi cura di tutto quello che la circonda, faccia di tutto per scomparire. A volte penso che forse sia meglio così, se siamo arrivati fin qui per ampliare la nostra "intelligenza" in questo modo, forse è meglio scomparire e lasciare che il nostro pianeta si liberi di questa "intelligenza" capace di distruggere invece di preservare. Se siamo così stupidi da non capire che tutto è collegato al tutto, allora non saremo mai in grado di capire che le generazioni che verranno hanno il diritto di vivere in un pianeta che vive, e che ogni giorno va amato e curato, perchè la nostra intelligenza a questo dovrebbe servire. Ormai siamo ad un punto di non ritorno, ed è difficile pensare che non saremo in grado di lasciare niente ai bambini che stanno crescendo e a quelli che stanno aspettando di nascere. Preferirei avere attorno persone che pensano con più semplicità ma che sono capaci di stupirsi ancora di fronte alla bellezza, alla grande forza, al coraggio di Madre Terra. Vanja

    Rispondi

  • nadia

    26 Febbraio @ 14.46

    Ribadisco che al " criminale " che ha compiuto uno scempio simile, vanno dati 30 anni di galera e la chiave va buttata nel Po !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

    • michela

      26 Febbraio @ 16.49

      Basterebbe che per tutto il resto della sua vita utilizzasse le acque del PO!!!!

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Colorno, tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza"

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

1commento

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS