12°

Provincia-Emilia

Bertolaso: «Possiamo farcela in 24 ore»

Bertolaso: «Possiamo farcela in 24 ore»
Ricevi gratis le news
0

 Un «attentato alla salute dei cittadini e all’ambiente». Un fatto gravissimo per il quale il Governo, già probabilmente lunedì al Consiglio dei ministri, potrebbe decidere lo stato di emergenza «con somme ingenti».  Il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, con il sottosegretario, Roberto Menia, e il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, ha sorvolato le zone del disastro del Lambro e quelle del Po colpite dalla marea nera e ha parlato di un «fatto gravissimo» chiedendo il rapido accertamento delle responsabilità da parte dei magistrati. E il ministero dell’Ambiente si costituirà parte civile.  

Intanto il Governo, in aula alla Camera, con il sottosegretario Menia, traccia la cronistoria dell’evento e fornisce elementi nuovi sulla portata di questo «atto doloso estremamente grave» perpetrato da «mani esperte» spiegando che la marea nera non è stata subito visibile in quanto il gasolio «non è arrivato direttamente dai serbatoi al Lambro ma ha invece raggiunto le acque attraverso le fognature: dunque, diverso tempo dopo rispetto all’apertura dei serbatoi».  
Intanto si tirano le somme della quantità di massa oleosa che ha sconvolto tutto l’ambiente padano: tre milioni e mezzo di litri (3.500 metri cubi) di cui 600 mila ora sull'asta del Po.  
Ma il capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, ritiene che «non ci sia una situazione irreparabile. Credo che nelle prossime 24 ore la gran parte di questa massa sarà recuperata - ha detto Bertolaso - e poi, seguendo il corso del fiume, prima che arrivi all’altezza di Ferrara e ovviamente prima ancora che arrivi sul delta saremo in grado di recuperare tutto il resto. Si può intervenire come già si è fatto. Sono state realizzate diverse barriere lungo il Lambro e adesso qui a Piacenza - ha continuato Bertolaso in un vertice in prefettura - ci sono tre barriere che sono state messe in piedi. Di fatto quella di Isola Serafini è la migliore, perchè è una diga permanente ed è quella che può controllare meglio delle altre questa massa oleosa che si sta spostando».  E si sta pensando anche di individuare altri siti per sbarrare eventuali dilavamenti degli argini in seguito alle precipitazioni previste, ha riferito Menia.  
Sul fronte operativo la Protezione civile giudica adeguate le strumentazioni a disposizione per combattere l’«onda nera» nel Lambro e nel Po.  E' in arrivo anche una task-force di 5 navi-antinquinamento messe a disposizione dal ministero dell’Ambiente in grado di risalire il fiume e di intercettare la massa oleosa.  Sì perchè adesso l’emergenza si chiama delta del Po e conseguentemente Adriatico. Sono «50-70 le ore» che separano la chiazza oleosa dal mare. Altro fronte di intervento è l’acqua potabile. «Al momento - tranquillizza Menia - non è stato ravvisato un rischio concreto per la sanità pubblica e la Regione Lombardia, competente in materia, provvederà ad una accurata e periodica comunicazione alle diverse fasce di utenti in ordine all’evoluzione del fenomeno e degli eventuali rischi per la popolazione e per le coltivazioni agricole».  
Per quanto riguarda l’evoluzione dei primi minuti del disastro questo, riferisce Menia, «è accaduto tra le tre e le quattro di notte tra lunedì 22 e martedì 23 febbraio». «Per far fuoriuscire il gasolio dai serbatoi non basta aprire i rubinetti. In questo caso bisognava essere degli esperti: sono state messe in pressione le pompe che vengono utilizzate, ad esempio, per riempire le autocisterne. E questa operazione non può essere compiuta da uno che non sia un esperto». Il gasolio «non è arrivato direttamente dai serbatoi al Lambro: ha invece raggiunto - conclude Menia - le acque attraverso le fognature: dunque, diverso tempo dopo rispetto all’apertura dei serbatoi». 
Se verifiche successive dovessero rivelare che il petrolio ha interessato anche il fondale dei fiumi ci vorrà almeno un anno per riportare la situazione a livelli di normalità. Se invece l’idrocarburo è rimasto in superficie l’opera di bonifica richiederà circa una settimana. Sono le previsioni di MWH, azienda multidisciplinare specializzata nel campo della bonifica delle acque. Sul fronte delle indagini infine (il reato ipotizzato è disastro ambientale) è stato affidato alla Guardia di Finanza il compito di accertare la quantità di idrocarburi contenuta nei depositi della Lombarda Petroli al momento del sabotaggio e quanto nei sia rimasto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

'A Ciambra' escluso dalla corsa agli Oscar

cinema

"A Ciambra" escluso dalla corsa agli Oscar

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

1commento

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Montagna

Corniglio, «class action» contro Enel?

sciopero

Froneri, la solidarietà ai lavoratori sfila nel cuore della città Foto

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

1commento

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

3commenti

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Ex calciatore ucciso, fermati una donna e il figlio. Volevano sciogliere il cadavere nell'acido

IL CASO

La svolta: Ryanair riconosce i sindacati

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260