Provincia-Emilia

Bertolaso: «Possiamo farcela in 24 ore»

Bertolaso: «Possiamo farcela in 24 ore»
0

 Un «attentato alla salute dei cittadini e all’ambiente». Un fatto gravissimo per il quale il Governo, già probabilmente lunedì al Consiglio dei ministri, potrebbe decidere lo stato di emergenza «con somme ingenti».  Il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, con il sottosegretario, Roberto Menia, e il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, ha sorvolato le zone del disastro del Lambro e quelle del Po colpite dalla marea nera e ha parlato di un «fatto gravissimo» chiedendo il rapido accertamento delle responsabilità da parte dei magistrati. E il ministero dell’Ambiente si costituirà parte civile.  

Intanto il Governo, in aula alla Camera, con il sottosegretario Menia, traccia la cronistoria dell’evento e fornisce elementi nuovi sulla portata di questo «atto doloso estremamente grave» perpetrato da «mani esperte» spiegando che la marea nera non è stata subito visibile in quanto il gasolio «non è arrivato direttamente dai serbatoi al Lambro ma ha invece raggiunto le acque attraverso le fognature: dunque, diverso tempo dopo rispetto all’apertura dei serbatoi».  
Intanto si tirano le somme della quantità di massa oleosa che ha sconvolto tutto l’ambiente padano: tre milioni e mezzo di litri (3.500 metri cubi) di cui 600 mila ora sull'asta del Po.  
Ma il capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, ritiene che «non ci sia una situazione irreparabile. Credo che nelle prossime 24 ore la gran parte di questa massa sarà recuperata - ha detto Bertolaso - e poi, seguendo il corso del fiume, prima che arrivi all’altezza di Ferrara e ovviamente prima ancora che arrivi sul delta saremo in grado di recuperare tutto il resto. Si può intervenire come già si è fatto. Sono state realizzate diverse barriere lungo il Lambro e adesso qui a Piacenza - ha continuato Bertolaso in un vertice in prefettura - ci sono tre barriere che sono state messe in piedi. Di fatto quella di Isola Serafini è la migliore, perchè è una diga permanente ed è quella che può controllare meglio delle altre questa massa oleosa che si sta spostando».  E si sta pensando anche di individuare altri siti per sbarrare eventuali dilavamenti degli argini in seguito alle precipitazioni previste, ha riferito Menia.  
Sul fronte operativo la Protezione civile giudica adeguate le strumentazioni a disposizione per combattere l’«onda nera» nel Lambro e nel Po.  E' in arrivo anche una task-force di 5 navi-antinquinamento messe a disposizione dal ministero dell’Ambiente in grado di risalire il fiume e di intercettare la massa oleosa.  Sì perchè adesso l’emergenza si chiama delta del Po e conseguentemente Adriatico. Sono «50-70 le ore» che separano la chiazza oleosa dal mare. Altro fronte di intervento è l’acqua potabile. «Al momento - tranquillizza Menia - non è stato ravvisato un rischio concreto per la sanità pubblica e la Regione Lombardia, competente in materia, provvederà ad una accurata e periodica comunicazione alle diverse fasce di utenti in ordine all’evoluzione del fenomeno e degli eventuali rischi per la popolazione e per le coltivazioni agricole».  
Per quanto riguarda l’evoluzione dei primi minuti del disastro questo, riferisce Menia, «è accaduto tra le tre e le quattro di notte tra lunedì 22 e martedì 23 febbraio». «Per far fuoriuscire il gasolio dai serbatoi non basta aprire i rubinetti. In questo caso bisognava essere degli esperti: sono state messe in pressione le pompe che vengono utilizzate, ad esempio, per riempire le autocisterne. E questa operazione non può essere compiuta da uno che non sia un esperto». Il gasolio «non è arrivato direttamente dai serbatoi al Lambro: ha invece raggiunto - conclude Menia - le acque attraverso le fognature: dunque, diverso tempo dopo rispetto all’apertura dei serbatoi». 
Se verifiche successive dovessero rivelare che il petrolio ha interessato anche il fondale dei fiumi ci vorrà almeno un anno per riportare la situazione a livelli di normalità. Se invece l’idrocarburo è rimasto in superficie l’opera di bonifica richiederà circa una settimana. Sono le previsioni di MWH, azienda multidisciplinare specializzata nel campo della bonifica delle acque. Sul fronte delle indagini infine (il reato ipotizzato è disastro ambientale) è stato affidato alla Guardia di Finanza il compito di accertare la quantità di idrocarburi contenuta nei depositi della Lombarda Petroli al momento del sabotaggio e quanto nei sia rimasto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)