19°

Provincia-Emilia

La gente del Po accorre al capezzale del «malato»

La gente del Po accorre al capezzale del «malato»
0

 Paolo Panni

La situazione lungo il Grande fiume inizia gradualmente a migliorare. Ieri, specie nella Bassa Ovest, le macchie oleose dell’onda nera che ha invaso negli ultimi giorni anche i nostri territori, erano meno evidenti. L’aumento di livello, di circa un metro, del Po, ha indubbiamente favorito questo. Fondamentale è stata poi la funzione dello sbarramento di Isola Serafini dove gran parte del materiale inquinante è stato trattenuto (il capo della Protezione civile Guido Bertolaso ha stimato nel 90 per cento la quota di inquinanti che non hanno sperato lo sbarramento della centrale idroelettrica piacentina) così come importanti sono state le difese attuate nella vicina provincia piacentina.
Se, forse, il peggio è passato, restano comunque le «ferite» inferte, dall’onda inquinante, anche nel territorio parmense. Per quantificarle, per determinarne le conseguenze, e per riportare tutto alla situazione originaria (che, per il fiume, era tutt'altro che rosea), come hanno riferito non pochi esperti, serviranno probabilmente anni. E, soprattutto, serviranno ingenti risorse per le opere di bonifica e di sistemazione: cosa più volte ripetuta, in questi giorni, anche dall’assessore provinciale all’ambiente Giancarlo Castellani e dall’assessore provinciale alla Protezione civile Gabriele Ferrari.
Se le macchie nere, nel Parmense, sono diventate meno evidenti, anche ieri si avvertiva nettamente l’odore sgradevole di idrocarburi nell’aria. Il segno evidente che il fiume, comunque, è ancora in grande sofferenza. Ed anche ieri, tante persone, approfittando fra l’altro del weekend, si sono recate al capezzale del «grande malato». 
La gente del Po ama il suo fiume e si sente intimamente ferita da quanto accaduto.
«Io - ricorda in modo toccante Cecilia Ziotti di Pieveottoville che si è portata sul Po in sella al suo amato cavallo - sono nata su queste rive e in questo fiume ho imparato a nuotare. Per noi il Po è come un fratello maggiore e ci dispiace veramente tanto quello che è successo. Ecco quindi che abbiamo deciso di venirlo a trovare in sella, per fargli un po' di compagnia. Ciò che è successo è veramente molto, molto grave e forse non ce ne rendiamo nemmeno conto anche se noi rivieraschi sentivamo già l’abbandono del nostro fiume».
Non meno toccanti le parole di Angelo Spagnoli di Zibello che ha sottolineato come «il nostro Po continui ad essere un grande ferito e ci sembra che sia dimenticato da tutti. E quando finalmente sembrava che qualcosa si stesse muovendo, anche a livello istituzionale, per renderlo fruibile come risorsa - ha aggiunto - ecco che qualcuno ha pensato di ferirlo. Ferire lui - ha detto non privo di commozione - significa ferire tutta la comunità che vive sulle sue sponde e, per noi che siamo nati e viviamo qui, è come se fosse stato ferito qualcuno della nostra famiglia. Ecco perché ci dispiace veramente vederlo soffrire in questo modo. Speriamo che qualcuno se ne accorga e che quanto successo serva da lezione in modo che, finalmente, si intervenga con grandi progetti».
Natalino Scarpioni di Busseto è un abituale frequentatore del Po. Qui si reca ogni giorno col suo cane a fare una passeggiata. «Un po' di materiale - ha fatto notare - purtroppo è sceso. Non certo un’esagerazione, ma lo sporco si vede, anche sulle rive. Tuttavia, rispetto a due o tre giorni fa va già meglio».
E da Busseto si è portato sul Po anche Francesco Zanelli, ex pescatore. «Non pesco più da anni - ha commentato - perché di pesce mangiabile non ne esiste più nel Po. Oggi - ha aggiunto - di petrolio non se ne vede ma si sente l’odore. In quanto agli interventi fatti, non condivido le polemiche e le critiche che alcuni politici hanno fatto. Non è mai facile intervenire su un’emergenza così improvvisa e di questa portata. Io credo che si sia fatto il possibile e che il danno comunque era inevitabile».
Ed infine Sergio Franzini si è detto preoccupato per il destino del pesce e degli altri animali che vivono nell’ambiente fluviale. «Anche oggi - ha osservato - si sente l’odore, quindi il problema dopo alcuni giorni non è certo passato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

MILTO 5

Fotografia

Un alieno a Parma: ecco chi è Milto5, "campione di selfie"  Video

3commenti

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria

Controlli

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria Foto

Stupefacenti anche nel parco Falcone e Borsellino

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Gazzareporter

Vetri in frantumi: auto prese di mira nel parcheggio di via Palermo Foto

1commento

Montechiarugolo

«Mio nipote sequestrato in Tunisia»

Droga

San Leonardo, stavolta niente «rito»

9commenti

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

Tragedia

«Giovanni adesso è insieme a Dio»

borgotaro

Oggi i funerali di Danilo Savani

Imprenditori

Morto Primo Ferrari, una vita per il latte

CALCIO

Buffon a quota 1000

Fidenza

Sottopasso, i residenti propongono un progetto alternativo

CONCERTO

Mario Biondi al Regio, voce e ricordi

PROGETTO

Sala, c'è una badante per te: apre uno sportello

LEGA PRO

Parma, Ferrari: "Crediamo nei play-off, servono nuovi stimoli" Video

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

2commenti

EMERGENZA CRIMINALITA'

La 48 ore dei ladri: quattro case svaligiate, razzie sulle auto e spaccate Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

L'ATTACCO

Il sindaco di Londra: sventati 13 attacchi in 4 anni Video

Luca Donadel

"La verità sui migranti": il video che fa discutere il web

5commenti

SOCIETA'

COLORNO

Con il Fai a scoprire l'appartamento del duca don Ferdinando Fotogallery

PGN

In campo con la Polisportiva gioco

SPORT

F1: SI PARTE

Il calendario 2017 e le dirette tv

LA POLEMICA

Cipollini disintegra il ciclismo italiano

MOTORI

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery

LA PROVA

Fiat 500L Living a metano