-2°

Provincia-Emilia

Gettati nuovi veleni nel Po - Bertolaso torna a Piacenza

Gettati nuovi veleni nel Po - Bertolaso torna a Piacenza
6

Il capo della Protezione civile Guido Bertolaso tornerà oggi a Piacenza per fare il punto della situazione sul Po con i tecnici e le istituzioni locali. Il vertice è in programma alle 16 nella Prefettura di Piacenza. La Protezione civile sottolinea che il peggio è passato ed è sicura di aver fermato l’«onda nera», arginando un possibile disastro ambientale di più grandi proporzioni.

GETTATI NUOVI VELENI IN ACQUA. In questo periodo di emergenza ambientale nel Po c'è anche chi cerca di approfittare della situazione per buttare nel fiume nuove sostanze tossiche, sperando di farla franca. I sindaci di alcuni Comuni del Polesine, tra cui Porto Tolle, hanno dovuto vietare l’utilizzo di acqua potabile e per scopi alimentari, a causa di sostanze inquinanti che non c'entrano con la «marea nera» arrivata dal Lambro. È invece opera di sciacalli, come ha detto il direttore della sezione Rischi della Protezione Civile nazionale e coordinatore dell’Unità di crisi Nicola Dell’Acqua, interpellato dall'agenzia Ansa.
Secondo il tecnico in acqua sono state riscontrate tracce di «1.2 dicloroetano» o cloruro di etilene sostanze disinfettanti probabilmente, secondo Dell’Acqua, «liberate da qualche furbetto che ha deciso di approfittare della situazione. Le sostanze tossiche rilevate non c'entrano per nulla con ciò che si è verificato in Lombardia. Stiamo operando con aerei che fotografano la situazione con macchine a raggi infrarossi - conclude il tecnico della Protezione civile - e siamo certi di individuare tutti i furbi che stanno scaricando veleni. Si tratta di autentici sciacalli che buttano di tutto nel Po».
La nuova emergenza non riguarda la città di Rovigo, «perché non pesca dalle falde del Po». Incide però su un comprensorio di circa 10mila abitanti.

GALAN: "GLI SCIACALLI SARANNO SCOPERTI".  «Stiano tranquilli che saranno scoperti coloro che hanno approfittato dell’emergenza idrocarburi nel Po per liberarsi di altre sostanze inquinanti». Il presidente del Veneto Giancarlo Galan non ha dubbi sulle cause del nuovo allarme inquinamento affiorato sul Po polesano: «I dicloroetani non c'entrano con gli idrocarburi - conferma Galan - è evidente che qualche sciacallo ne ha approfittato. Ma fin dal primo momento di questa emergenza la Protezione civile ha attivato voli per acquisire foto aeree e consentire analisi agli infrarossi. Sarà quindi possibile risalire ai punti di immissione in Po dei dicloroetani e ricercare i responsabili, che saranno senz'atro trovati». Nelle analisi delle acque destinate al consumo potabile di alcuni Comuni polesani, sono stati rinvenuti solventi chimici, i dicloroetani, in quantitativi superiori alla soglia di potabilità pari a 3 microgrammi litro per questo, ricorda il presidente, «è stata pertanto emessa, dai sindaci interessati, un’ordinanza di divieto dell’impiego dell’acqua che esce dai rubinetti limitatamente agli usi alimentari. La guardia rimane alta, per garantire la sicurezza e la salute dei cittadini».

20 MILIONI PER IL LAMBRO. Il presidente della Lombardia, Roberto Formigoni, ha annunciato che la Regione stanzierà 20 milioni di euro per il recupero del Lambro colpito dal petrolio uscito dalle cisterne della raffineria «Lombarda Petroli» di Villasanta. Il governatore del Veneto Giancarlo Galan ha invece reso noto che domani darà disposizione affinché la Regione del Veneto si costituisca parte civile «per i danni che ha causato o causerà il gravissimo inquinamento in corso lungo il fiume Po». Analogo intenzione è già stata annunciata ieri dal presidente dell’Emilia Romagna, Vasco Errani. Poi c'è un «indigeno», il presidente del Consorzio di sviluppo di Rovigo Angelo Zanellato, che abita proprio a Polesine Camerini, alla foce del grande fiume, e fissa preoccupato le acque che danno lavoro solo con pesca e acquacoltura a più di 4mila persone: «La situazione alla foce è preoccupante - afferma - il problema è più grande di quello che si vuol far credere».

APERTA UN'INCHIESTA A LODI. Con le accuse di disastro colposo e avvelenamento di acque a carico di ignoti anche la Procura di Lodi ha aperto un’inchiesta per l’inquinamento del Lambro provocato dalla fuoriuscita di oli combustibili dai depositi della Lombarda Petroli di Villasanta avvenuta lunedì scorso. Le indagini, coordinate dal Procuratore della Repubblica Giovanni Pescarzoli e dal pm Paolo Filippini, sono state avviate venerdì scorso in quanto l'onda nera si è propagata anche nel lodigiano. I due magistrati stanno raccogliendo i rapporti della polizia giudiziaria per capire che tipo di danni all’ambiente e al fiume ha provocato il passaggio della massa oleosa in provincia di Lodi. All’esito di tali accertamenti gli atti verosimilmente verranno trasmessi, per competenza, alla Procura di Monza la prima ad aprire un fascicolo sulla vicenda.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • mic

    01 Marzo @ 18.16

    PURTROPPO LA MADRE DEGLI IMBECILLI RESTA INCINTA CON MOLTA FACILITA'. CONTRO L'IGNORANZA DI QUESTI INDIVIDUI CI VOGLIONO LE RADELLATE. CHE MONDO MESCHINO LASCIAMO AI NOSTRI FIGLI !!!!!!

    Rispondi

  • maria

    01 Marzo @ 17.27

    Voglio rimanere sul volgare come quelli che hanno fatto questo atto di delinquenza per dire che all'imbecillità non c'è mai fine.

    Rispondi

  • pino

    01 Marzo @ 15.08

    Perchè il signor Bertolaso fa il punto della situazione a Piacenza? La sede dell'Aipo è forse stata spostata a Piacenza?

    Rispondi

  • Luca

    01 Marzo @ 11.33

    Chi consapevolmente inquina attentando alla salute pubblica va sbattuto in galera per 20 anni (minimo) in compagnia di assassini e stupratori. Certe sostanze finiscono nella catena alimentare per decenni, provocando tumori e disfunzioni gravi.

    Rispondi

  • R

    01 Marzo @ 10.40

    Una giusta pena per i colpevoli di questi atti: imbottigliare tutta questa acqua inquinata, e fargliela bere tutta...

    Rispondi

    • Roberto

      01 Marzo @ 11.08

      E che purtrropo questa aqua celtroviamo tutti noi nelle bottilie di plastica che compriamo all centro comerciale.

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

8commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

11commenti

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

14commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Parmense

Breve blackout a Salsomaggiore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017