-2°

Provincia-Emilia

«Salviamo le scuole di montagna»

«Salviamo le scuole di montagna»
1

 Beatrice Minozzi

Sono quasi 750 le firme raccolte dai genitori e dai cittadini di Tizzano per chiedere alle istituzioni di mantenere vigile l’attenzione sulle scuole di montagna. «Siamo ormai giunti all’iscrizione per il nuovo anno scolastico ed ancora non sappiamo se l’istituto comprensivo di Corniglio continuerà ad esistere così com'è ora o se verranno effettuati i tanto temuti tagli - si legge nella petizione stilata dai genitori degli alunni che frequentano le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Tizzano e Lagrimone -. Per l’anno attualmente in corso abbiamo ottenuto la solita deroga, di cui si conosce l’avvenuta concessione solo all’ultimo momento».
 Gli insegnanti, i genitori, ma anche i loro bambini, sono preoccupati per il clima di incertezza che grava sul futuro delle loro scuole, e chiedono a gran voce di «trasformare in legge tali deroghe che da anni sono indispensabili per garantire il funzionamento delle nostre scuole». I firmatari chiedono inoltre che venga approvato il progetto di sperimentazione «Fare scuola per costruire il futuro», che pone l’attenzione sulla scuola come momento di socializzazione e non solo di istruzione. «Nelle zone montane - spiega Serena Brandini, assessore alla scuola del Comune di Tizzano - i bimbi hanno poche proposte ricreative. La scuola si deve porre come luogo dove svolgere non solo le attività educative classiche, ma anche tutte quelle attività che possono contribuire allo sviluppo della personalità. E’ necessario che venga garantito il tempo pieno perché la scuola riesca a svolgere questa duplice funzione». La sperimentazione, che include laboratori di musica, lettura, attività teatrali, educazione ambientale e ricerca scientifica, propone di offrire la possibilità, agli insegnanti che non raggiungono un numero minimo di ore, di poter svolgere la loro attività sui quattro comuni dell’Istituto comprensivo anziché su due come previsto ora dalla legge. Ma qual è la situazione attuale delle scuole di Tizzano e Lagrimone? «Sia gli alunni delle elementari che quelli delle medie sono divisi in pluriclassi - spiega la Brandini -. Quest’anno gli insegnanti sono riusciti a «sdoppiare» le classi, garantendo così un buon livello di istruzione. Sono convinta che le pluriclassi non siano totalmente negative, a patto che il numero di bambini non sia eccessivo». Ma c'è un altro problema sottolineato sia dalla Brandini che da genitori ed insegnanti. «Viviamo nell’incertezza - spiega l’assessore -, solo all’ultimo momento veniamo a conoscenza di ciò che ci riguarda. La scuola di montagna deve uscire dall’ottica delle deroghe ed ottenere un proprio status». L’amministrazione comunale continua, intanto, a fare pressioni a tutti i livelli per fare in modo che non cali mai l’attenzione sul «problema scuola». «Da parte nostra dobbiamo cercare di essere propositivi - conclude la Brandini -. Dobbiamo offrire qualità per distinguerci come scuola d’eccellenza. Come amministrazione comunale continueremo a supportare le nostre scuole, ma siamo convinti che il ministero debba farsi carico degli oneri che gli spettano». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianfranco ferrari

    16 Marzo @ 12.39

    Non è che si vogliono chiudere le scuole di montagna, ma i soldi per tenerle aperte dove sono? forse, eliminando inutili sprechi come ad esempio: le provincie, le comunità montane,i consigli di circoscrizione , le consulenze agli amici, le profumate pensioni dei consiglieri regionali e parlamentari dopo pochi anni di lavoro, l\'invio di danari alla regione Sicilia (vedi ultima puntata di Report). Ecco,i risparmi potrebbero servire per la sopravvivenza di queste scuole e per altre lodevoli iniziative.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

3commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

6commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

Parma

Incendio di canna fumaria a Porporano

Sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

13commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

10commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017