Provincia-Emilia

Felino, niente scuolabus per chi non ha pagato le rette

Felino, niente scuolabus per chi non ha pagato le rette
12
Chiara Cacciani
 
«Sono molto dispiaciuta, soprattutto per i bambini, che non hanno colpe. Ma dopo tutti i solleciti di pagamento e le richieste di contatto con le famiglie andati a vuoto, siamo stati costretti a farlo. Non si può venir meno al rispetto delle regole». 
La decisione del sindaco di Felino Barbara Lori e dell'assessore alle politiche scolastiche Fabrizio Leccabue è contenuta in una lettera raccomandata spedita mercoledì: una volta aperta, i genitori  che non hanno pagato le rette del servizio di trasporto scolastico per la materna, le elementari  e le medie scopriranno che dal 26 aprile - se la situazione non sarà cambiata - i propri figli non potranno più salire sul bus. E anche il servizio mensa alle materne del capoluogo e di San Michele Tiorre è a rischio per gli «evasori».
   Le rette non pagate per il trasporto scolastico, la mensa e l'accesso al nido coinvolgono una quarantina di famiglie (solo una piccolissima parte di origine extracomunitaria).  In numeri, l'ammanco nelle casse del Comune è di poco meno di 30 mila euro e riguarda soprattutto gli anni scolastici 2007-2008 e 2008-2009.
 
I particolari sulla Gazzetta di Parma oggi in edicola

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianfranco ferrari

    17 Aprile @ 18.19

    Le regole vanno rispettate, se i genitori degli indigenti si fossero recati dalle autorità prima, di insegnare a fare "i furbi" ai propri figlioli, penso che le cose sarebbero andate diversamente ! Penso, credo, e ne sono più che convinto, che non vi è nessuno quì in Italia che vuole mortificare un bambino, nessuno! Le autorità, sindaco o presidi di scuola, avrebbero fatto un veloce accertamento ed avrebbero attivato interventi adeguati e rispettosi della dignità degli scolari. Ma purtoppo c'è chi vuole prima fare il furbo, poi la vittima, e qualche partito abbocca e vuole farsi paladino ! e altri sprovveduti seguono.

    Rispondi

  • Il Feroce Saladino

    17 Aprile @ 15.05

    per avere un quadro preciso della situazione dovrei approfondire la notizia. però c'è da chiedersi quali accertamenti sono stati compiuti dal sindaco di centrosinistra di Felino per verificare l'effettiva possibilità di pagare da parte di queste famiglie. inoltre la tecnica di colpire i bambini è sempre poco attuabile. cosa pensa di fare il sindaco di Felino se i bambini cercano comunque di prendere il pullman quando escono da scuola? dice all'autista di tenerli giù? scarica la responsabilità della sorveglianza sugli operatori scolastici? e se il bambino si presenta alla fermata dello scuolabus, al mattino presto? l'autista è tenuto a non caricarlo...quindi lo lascia da solo in mezzo alla strada? penso che tutto ciò sia assurdo. posso capire sia una mossa estrema per cercare di ottenere il denaro prima di andare per vie legali, ma si configura come un gran bluff. diversamente, se venisse attuato sarebbe un atto scorretto, poiché colpirebbe i bambini, incivile scorciatoia (forse anche inutile. mi chiedo, poi le famiglie pagherebbero?) per non attuare le procedure di ingiunzione e pignoramento. se un genitore ha i soldi e non paga le rette del figlio, che gli sia pignorato il televisore. cosa c'entra il bambino? se un genitore non ha i soldi, invece....lascio a voi la risposta.

    Rispondi

  • Geronimo

    17 Aprile @ 14.04

    the clansman io avevo in classe persone che avevano le tasse scolastiche ridotte (o esonerate, non ricordo) a causa del reddito basso. Tra queste cerano 2 figli di avvocati, due figli di notai, un figlio di commercialista e un proprietario di un albergo. Come vedi non solo gli stranieri evadono. A me sinceramente rodono un pò i coglioni quando vedo queste cose ma non new faccio una questione di razza, anche perchè se è così secondo il tuo ragionamento dovremmo andarcene tutti dall'italia visto che erano italiani (non ho mai avuto in classe extracomunitari)

    Rispondi

  • CLAUDIO

    17 Aprile @ 12.53

    d'accordo; con chi sfrutta bisogna essere severi. ma chi non puo pagare perche non lavora, ed altri problemi di natura economica ,potreste rateizzare le cifre nel tempo. oppure potreste aiutare le famiglie con qualche iniziatva; magari coinvolgendo proprio i bambini. si divertirebbero e sarebbero utili a se stessi. si possono fare ed inventare manifestazioni ,per finanziare una parte le spese , insomma quello che dico e che in un modo o nell'altro i bambini devono essere tutelati bianchi neri, gialli che siano. un pò di buon senso da parte di tutti, sarebbe la giusta via da seguire. fatevi promotori di iniziative intelligenti. le soluzioni si trovano ,basta averne la voglia, e la convinzione. claudio zannoni (libero opinionista) DAL SUDAN

    Rispondi

  • parmense doc

    17 Aprile @ 09.58

    Ad ADRO nel bresciano, si è scoperto che 40 famiglie non pagavano la mensa, eppure NON HANNO CHIESTO AIUTO AL COMUNE ( perchè se sei in difficoltà ti aiutano i servizi) avendo uN REDDITO ED UN LAVORO non potevano......ho visto in TV anche chi era la gran parte degli scrocconi: famiglie di orgine araba che accompagnavano i figli col macchinone ma non avevano soldi per l a mensa..tanto a loro TUTTO è DOVUTO PER PRINCIPIO...poi sanno che trovano i pollli che li aiutano accusando gli altri di razzismo ect

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika su Rai Due

su Rai Due

L'Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Guida ai ristoranti 2017

nostre iniziative

Guida ai ristoranti 2017: ecco le novità

Lealtrenotizie

Parma Calcio

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

3commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

22commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà

Delineato il programma della nuova fiera che si terrà a Parma dal 12 al 13 aprile

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Gli errori, la sconfitta e la possibile rivincita

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

1commento

SOCIETA'

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

storia

Scoperta la mummia della regina Nefertari al Museo di Torino

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

ANIMALI

sos animali

Di chi è questo pappagallo?

sos animali

I due cagnolini Kay e Tata cercano una famiglia