Provincia-Emilia

Quei dispersi in Russia. La verità dopo 67 anni

Quei dispersi in Russia. La verità dopo 67 anni
Ricevi gratis le news
8
Chiara Cacciani
 
Raccontano la stessa dolorosa attesa, gli stessi pellegrinaggi instancabili e sempre vani («No, nessuna notizia») all'Associazione combattenti e  reduci  di tanti altri padri, madri, fratelli, nipoti.  Ma a distanza di 67 anni c'è qualcosa di più che unisce le famiglie di Francesco Lori e  Salvatore Delmaestro, partiti da Felino e Albareto e dispersi sul fronte  russo: un epilogo  insperato e sorprendente. 

E' il 29 luglio scorso quando un gruppo di camperisti partiti da Castelbolognese arriva a  Miciurinsk, in Russia. Sono in visita ai luoghi in cui hanno combattuto i soldati italiani nella Seconda guerra mondiale, cercano il campo di prigionia di Uciostoje ma sbagliano strada. E incontrano un uomo «speciale»:  con il  metal detector  ha ritrovato in  una fossa comune decine e decine di  piastrine identificative dei «nostri» militari. Tra i camperisti ci sono Antonio Respighi, dell'Ana di Milano, e la moglie Gianna, che parla il russo. Insieme riescono a convincere l'uomo a donar loro le piastrine per restituirle ai familiari.

E così è stato: nei mesi scorsi il telefono ha squillato in diversi comuni del parmense, alla ricerca dei parenti rimasti. E dopo una commovente cerimonia di riconsegna a Castelbolognese, Francesco  e Salvatore hanno ritrovato la strada di casa.  

Le storie complete nel pdf in fondo all'articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gazzettadiparma.it

    20 Aprile @ 12.53

    Danila, dal primo giorno sostengo che uno dei pregi del giornalismo web è il confronto alla pari, incalzante e stimolante, con i lettori. Quindi, anche nel suo caso, rispetteremo le critiche. Però mi permetta, dopo 30 anni di mestiere, qualche osservazione, perchè a volte leggo commenti un po' superficiali, e mi sento di dire che questo è anche il suo caso. Da una parte, infatti, credo che nessuno possa giudicare meglio di chi ha vissuto o vive vicende analoghe: e sia il parere dei diretti interessati che di altri (come in un commento qui sotto) è stato favorevole all'articolo e ai suoi toni. Più in generale, credo che il giornalista non sia un notaio, e possa/debba partecipare - pur nel rispetto dei fatti, che sono la cosa più importante - anche con le proprie emozioni. A volte mi pare che la gente abbia del nostro mestiere la stessa percezione che si ha per il CT della Nazionale: tutti ci sentiamo in grado di farlo o di insegnarlo. E se per entrambi i casi è giusto che ci sia questo esame pubblico, che nessuno si sognerebbe per un chirurgo o un panettiere, a volte si dimentica che anche questo mestioere ha tecniche e regole: noi siamo "solo" cronisti di provincia, ma tanti fatti, dalle guerre ad altri eventi, sono entrati in noi anche e soprattutto grazie a come sono stati raccontati. Ma ripeto: è solo un'opinione (e un po' anche uno sfogo), che nulla toglie alla legittimità della sua, anche se non la condivido. (Gabriele Balestrazzi)

    Rispondi

  • danila

    20 Aprile @ 10.12

    io credo che il "problema" dei giornalisti sia sempre lo stesso (anche di quelli televisivi) non saper usare le parole giuste x descrivere un avvenimento di qualsiasi tipo dovrebbero solo attenersi ai fattil e non riempire colonne.

    Rispondi

  • Andrea

    19 Aprile @ 16.17

    guarda Franz, capisco le tue difficoltà nel comprendere cosa ci possa essere di "insperato". Tu non hai trascorso 67 anni a interrogarti con dei "ma, forse, magari" e quindi non puoi sapere che la speranza si evolve nel corso del tempo. Esiste la speranza del ritorno, poi la speranza di una morte meno atroce possibile, alla fine la speranza di un ricordo tangibile. Queste fasi sono comunque legate da uno stato di sospensione, nel quale il fatto di non sapere e di non avere prove, fa rimbalzare tra la disperazione e la vana convinzione di un ritorno, ahimè impossibile. Quello che in conclusione ti voglio suggerire, ripetendomi, è di non giudicare qualcosa di cui non puoi cogliere pienamente il significato, poichè ti garantisco, conosco persone che baratterebbero molto delle loro vite per una piastrina.

    Rispondi

  • PAOLO

    19 Aprile @ 14.45

    Sottoscrivo quello detto da andrea, mi pare la cosa giusta, il non avere certezze, anche se si puo ben immaginare che fine abbia fatto un disperso nel 99,9 % dei casi, è terribile,riavere almeno la pistrina di chi è morto in guerra da comunque un senso di pace.

    Rispondi

  • Andrea

    19 Aprile @ 12.36

    Caro Franz, alle volte è meglio osservare un rispettoso silenzio prima di dare aria alla dentatura, immaginando un finale alla "De Filippi" per una storia come questa. Il fratello di mia nonna non ha più fatto ritorno dalla campagna di Russia e posso assicurare che un'intera vita passata sospesi nel ricordo non è facilmente sopportabile. Se i miei cugini, che tanto si sono prodigati, fossero riusciti a recuperare qualche testimonianza o anche solo la piastrina, come nel caso in discussione, tutto ciò sarebbe stato allo stesso tempo una misera scoperta ma un grande messaggio di quiete che avrebbe dato loro un briciolo in più di serenità.

    Rispondi

    • Franz

      19 Aprile @ 12.54

      Andrea, io non immagino un finale alla Defilippi o meglio alla Raffaella Carrà, che iniziò il genere negli anni '90... lo lascia immaginare l'articolo che annuncia "un epilogo insperato e sorprendente"... poso capire la sorpresa, ma cosa c'è di "insperato" nella avvenuta certezza che il nonno è morto fra le atroci sofferenze del lager staliniano ed è stato gettato dai becchini cosacchi in una fossa comune? Peggio di così al nostro povero soldato non sarebbe potuta andare! Condivido con Andrea che è meglio riflettere prima di dare aria alla... tastiera.

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene record, perché e come è succeso

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è succeso

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perchè Parma non capì il suo talento?

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS