-2°

neviano

"Responsabilità anche oltre i cancelli di Villa Matilde"

Indagato il direttore di Villa Matilde
3

"Il comunicato stampa del Comandante dei carabinieri di Parma sui fatti avvenuti presso la Residenza per anziani “Villa Matilde” di Neviano Arduini (PR) che hanno portato all’incriminazione di 11 operatori di quella struttura (sette finiti ai domiciliari) si conclude con queste parole: “ l’indagine ha dato voce ai vulnerabili e indifesi anziani che hanno dovuto subire le condotte vessatorie, umilianti e intimidatorie di chi invece avrebbe dovuto avere il dovere morale e giuridico di assisterli amorevolmente e dignitosamente”. Non poteva esserci modo migliore di esprimere l’indignazione collettiva". A dirlo una nota della lista Tsipras Parma.  

"E tuttavia - continua la nota - leggendo le reazioni degli interlocutori istituzionali alla vicenda, c’è qualche cosa che stride. Stride lo stupore, stridono gli alti lai, gli invocati rigori, stridono le diagnosi parziali e le soluzioni banali di chi prima di tutto dovrebbe interrogarsi sulle proprie responsabilità. Ed è su questo che vale la pena soffermarci. Partendo da una premessa: le residenze assistenziali, le case protette, come tutte le comunità, sono in ultima analisi “istituzioni totali”. Al loro interno si stabilisce un’asimmetria di poteri fra chi si prende cura e chi è assistito, per definizione persona fragile, “non autosufficiente”, malato cronico grave e dove quindi il rischio di comportamenti violenti e umilianti è immanente e permanente. Dunque nell’analizzare il caso di Villa Matilde o di Villa Alba (ma quante Ville Matilde e Alba accadono in regione?), è troppo facile soffermarsi solo sulle responsabilità e sui reati commessi dagli 11 disgraziati operatori che ne risponderanno davanti alla giustizia. Questo non basta. Occorre analizzare tutta la catena di comando a monte di questi atti di violenza. Incominciando ovviamente dalla gerarchia interna alla stessa struttura residenziale, dove non c’è solo la manovalanza, gli “operatori socio assistenziali” (OSS) , ci sono le R.A.A., le coordinatrici assistenziali e sanitarie, i direttori e le direttrici. Costoro non sono responsabili di nulla? La cooperativa KCS Caregiver (un colosso nel campo dell’assistenza agli anziani presente in 15 regioni con 5.600 dipendenti) ci fa sapere che non si era resa conto di quanto accadeva nel reparto, che ha disposto la sospensione dal servizio di tutte le persone coinvolte e che si costituirà parte civile nel processo. Ridicolo! Nella scala gerarchica sono molti i responsabili di quanto avvenuto. Dunque la direzione della cooperativa KCS avrebbe dovuto sospendere non solo gli 11 dipendenti inquisiti ma anche chiunque altro non ha svolto adeguatamente la funzione di supervisione".
"Ma ci sono responsabilità anche oltre i cancelli di Villa Matilde - insiste il comunicato -. Che dire del Sindaco di Neviano Alessandro Garbasi ? Lui considera “incresciosi” (sic) i fatti avvenuti, si preoccupa di far sapere che la struttura coinvolta rappresenta una “eccellenza” e, non avendo controllato mai nulla, tuttavia si felicita per il fatto che dalle sue parti c’è una “precisa cultura del controllo per cui chi si comporta in modo scorretto viene scoperto (dai carabinieri) e punito”. Evviva, un primo cittadino che sa il fatto suo. Nessuna responsabilità?
E la catena delle responsabilità si allunga. Perché Villa Matilde è una struttura residenziale “accreditata” e “convenzionata” con l’Azienda Usl di Parma: 21 posti per anziani non autosufficienti (in parte per ricoveri temporanei ) e 25 posti per anziani psicogeriatrici in carico al dipartimento di salute mentale. Per l’Azienda USL interviene (sulla stampa) il direttore generale Elena Saccenti, anzi addirittura si scomoda in prima persona l’assessore regionale alla sanità, il supermanager prestato momentaneamente alla politica, Sergio Venturi che a Parma è di casa. Dichiara : “nessuno ha mai avuto sentore di nulla, nessuno ha mai sospettato e visto nulla malgrado gli innumerevoli controlli.” La sua indignazione è grande e la sua decisione, per gli anziani psicogeriatrici, è draconiana: sospensione della convenzione e trasferimento in altra struttura dei 25 ospiti. Per concludere con un classico “l’Azienda si riserva di agire a tutela dei propri assistiti e della propria funzione istituzionale”. Amen. Nessuna responsabilità diretta?".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la camola

    22 Marzo @ 15.53

    il pesce solitamente puzza ad iniziare dalla testa, attenti alle strutture con retta basse !!! su cosa risparmieranno ? gatta ci cova !

    Rispondi

    • Gio

      08 Aprile @ 10.47

      guardi che la retta per essere ospitati e assistiti al piano superiore di villa matilde era molto alta.

      Rispondi

    • Vercingetorige

      22 Marzo @ 18.05

      E le strutture con la "retta alta" chi le paga ? Le famiglie che arrivano appena alla fine del mese, se ci arrivano ? Poi , lei cosa intende per "retta alta" o "retta bassa" ? Può dirci quali erano le rette di "Villa Alba" e di "Villa Matilde" ? Quale sarebbe una "retta giusta" , secondo lei ?

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Un coro di no per la chiusura del supermercato di via D'Azeglio

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

1commento

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti