23°

Provincia-Emilia

Il Consiglio comunale di Berceto si fa promotore della beatificazione di padre Pelerzi

Ricevi gratis le news
0

Con voto unanime il Consiglio comunale di Berceto, nella seduta del 30 aprile, chiede la beatificazione di padre Eugenio Pelerzi, missionario saveriano nato a Pelerzo di Berceto nel 1881 e morto in Cina. È la prima volta che un Consiglio comunale propone una beatificazione.

Ecco il testo della lettera inviata al vescovo Enrico Solmi:

"L'Amministrazione Comunale di Berceto, le sotto elencante associazioni e singole persone fanno formale richiesta d’introduzione della pratica di beatificazione del Padre Eugenio Pelerzi, missionario saveriano, nato a Pelerzo di Berceto il 20 agosto 1881 e morto in Cina.

Questa istanza desidera sottolineare l’impegno cristiano del Padre Pelerzi, rivolto ad convertire e confortare con il pane della cristianità, i più poveri e bisognosi, come umile missionario, divulgatore di sani principi etici e morali, apostolo della pace e della fede.

Figlio di Giovanni e di Maria Beltrami, contadini. Esempi di vera cristianità di cui si è perduto lo stampo. Primus et Genialis Pelerzi - questo il suo nome di battesimo - dopo avere terminato le scuole elementari, fu inviato alla scuola che il parroco tenne per i giovani della parrocchia che mostravano ingegno e buona volontà e davano speranza di vocazione ecclesiastica. Compiuti gli studi ginnasiali e liceali nel Seminario di Berceto, nel 1902 passò a Parma, a quello delle Missioni Estere. Fu ordinato sacerdote da Monsignor Magani il 22 settembre 1905 e partì da Napoli per la missione di Loyian in Cina il 23 gennaio 1906, dove rimase per trentasei anni.

Energico, d'intelletto vivace, attivissimo ed entusiasta dei suoi altissimi compiti  si gettò fra i popoli  della Cina con perfetta letizia e si dedicò alla loro cristiana redenzione con quell'ebbrezza eroica che fa gli apostoli, i martiri ed i santi.  In sei anni convertì e battezzò 1200 persone, costruì la chiesa, la scuola e molte opere di assistenza. Il suo spirito pieno di iniziative e di risorse trovò sempre aiuti provvidenziali anche là dove tutto mancava. In mezzo a tante dolorose avventure, egli conservava sempre un invidiabile serenità e - ringraziato Dio che lo aveva protetto - si gettava a capofitto lieto in nuovi cimenti ed in nuovi pericoli, per arrivare all'anima del popolo cinese con la grazia del Signore e la sua parola redentrice. Il Pelerzi si batté contro il colera, la fame ed i briganti che assediavano la zona in cui operava. In riconoscimento delle sue benemerenze in queste congiunture, Padre Eugenio ricevette dal governo cinese l’onorificenza della Spiga d’oro, e qualche anno più tardi fu fatto Cavaliere della corona d’Italia dal re Vittorio Emanuele di Savoia. Per gratitudine dei servizi e dei meriti che profuse agli affamati nella grande carestia che afflisse in quel tempo le popolazioni di cinque città cinesi, gli eressero un monumento. Un altro fu innalzato collettivamente da quindici Prefetture sempre soccorse dal "grande Europeo". Nel 1925 tornò in Italia per un anno e poi dal 1934 al 1937. Ma Padre Pelerzi in Italia si sentiva come un uomo alla catena ed anelava, cavaliere di un grande ideale, scalatore indomito di iperboliche vette, larghissimo cuore sorridente ai vasti campi della fede nel mondo, anima traboccante di apostolico fervore, con visibile nostalgia, alla sua missione lontana. Contava più di seimila battesimi, oltre quattromila catecumeni avviati da lui medesimo alla luce della verità cristiana ed un complesso  magnifico di opere sante da lui compiute. Per la sua terra di missione sentiva un richiamo fortissimo, l'impeto del pionere audace, la passione dell'innamorato. Tornato in Cina, durante la seconda guerra mondiale venne arrestato come spia e incarcerato e - condannato a morte - venne riconosciuto innocente solo alla vigilia dell’esecuzione.

"Chiuse la sua splendida giornata e sciolse l'ultimo canto di lavoro e di amore per Iddio e per le anime il figlio umile e grande della nostra piccola frazione di Pelerzo.." il 5 giugno 1942 a Tientsin.

Su di una lapide posta sulla sua umile casa natia si leggeva:
Da questa umile casa ove nacque il 20 agosto 1881 spiccava il volo alle conquiste della fede nel mondo il P. Cav. Egenio Pelerzi dell’Istituto Parmense S. Fr. Xaverio il quale con la parola, con le opere e con gli scritti per 36 anni intrepido missionario di Cristo alfiere d’italianità tra i barbari all’ampia regione Cinese del Loyan sul fiume Giallo profuse tesori di verità e di carità cristiana e coll’aureola di molte migliaia di battezzati e di catecumeni plaudenti al grande Europeo nella luce di magnanime prove e di gesta onorande il 5 giugno 1942 chiudeva santamente i suoi giorni nell’ospedale di Tien-tsin sotto l’incalzare degli eserciti nipponici in guerra contro la Cina.
Scrivere in poche righe tutto quello di cui è stato capace quest'uomo semplice, questo missionario di montagna dal fisico robusto e dall'animo aggraziato è impresa impossibile. Certamente, anche se noi piccoli uomini riuscissimo in quest'opera di beatificazione, nulla avremmo fatto al suo confronto.
Con la viva speranza che la vocazione chiami a sè altri Primus et Genialis...".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

Cane veglia per ore "amico" morto in strada. La foto commuove il web

ANIMALI

Un cane veglia per ore il suo "amico" morto in strada: commozione a Roma (e sul web)

Angelina Jolie, perdono Brad se ha imparato lezione

cinema

Angelina Jolie: "Perdono Brad se ha imparato la lezione"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

52 offerte di lavor

LA BACHECA

79 offerte per chi cerca lavoro

Lealtrenotizie

Madregolo, schianto tra un'auto e una moto: un ferito grave

incidente

Madregolo, schianto tra un furgone e una moto: un ferito grave

ladri in azione

Sorbolo, foto-cronaca da un tentato furto in abitazione

carabinieri

Lite con coltello in via Lazio: e così viene incastrato per furto

3commenti

basilicagoiano

Spaccata al bar: videopoker svuotati in un casolare

Calcio

Per il Parma un altro ko

13commenti

Criminalità

Via Traversetolo, porta di un bar sfondata con un tombino

1commento

Via Paradigna

Dipendenti Iren minacciati con la pistola

6commenti

OPERAZIONE

Patrimoni nascosti all'estero, domani gli interrogatori

san leonardo

Vivono coi figli tra topi e rifiuti

16commenti

IREN

Acquedotto: ancora una notte di disagi a Sorbolo e Mezzani

Interruzioni o cali di pressione possibili anche in via Beneceto a Parma

Lutto

Addio a Giordana Pagliari, un'istituzione del teatro dialettale

1commento

Scuola

Al Rasori inaugurate le aule dei ragazzi del Bocchialini

Il caso

Neviano, guerra ai «furbetti» dei rifiuti

Fidenza

Addio a Orlandelli, il «Mariner»

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

42commenti

TRAVERSETOLO

Alla scoperta dell'India con le foto di Natale De Risi

Mostra dal 22 settembre al 30 novembre

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

spagna

Blitz della Guardia Civil contro il governo catalano: 14 arresti. Tensione altissima a Barcellona

1commento

terremoto

Città del Messico, un edificio si sbriciola in diretta Video

SPORT

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta

Moto

Valentino Rossi annuncia: "Ad Aragon ci sarò"

SOCIETA'

MUSICA

"Wise - Lettere di scuse": canzone parmigiana della band "The Opposite" Video

lite a seattle

Svastica al braccio: steso con un pugno da un afroamericano

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

PNEUMATICI

Michelin ha una "Vision". Ed è in 3D