Provincia-Emilia

Zibello e Polesine: l'Università studierà i dettagli della fusione

Zibello e Polesine: l'Università studierà i dettagli della fusione
3

Un percorso naturale, una scelta ampiamente discussa e condivisa: così i sindaci di Zibello Manuela Amadei e di Polesine Andrea Censi descrivono il progetto di arrivare alla fusione fra i Comuni di Zibello e Polesine Parmense. I due paesi potrebbero diventare un unico Comune, il che porterebbe benefici per i servizi e per le tasche dei contribuenti. Le caratteristiche "tecniche" che dovrà avere questa fusione saranno decise in base a uno studio di fattibilità affidato al Dipartimento di Economia dell’Università di Parma.

Questo percorso innovativo, il primo in Emilia-Romagna e fra i pochi (solo 5 per il momento) in tutta Italia, è stato presentato oggi in Provincia da Censi e dalla Amadei. Con loro c'erano il presidente Vincenzo Bernazzoli, i consiglieri regionali Roberto Corradi e Luigi Giuseppe Villani e il prorettore dell'Ateneo, Guido Cristini.

Le ragioni che hanno spinto i due sindaci su questa strada sono diverse. Protagonisti dell’Unione Civica Terre del Po, che gestisce dal 2002 in forma associata diversi servizi e funzioni, i due Comuni si sono trovati ad affrontare un tema posto dalla recente normativa regionale. Questa richiede che le Unioni, per poter continuare a beneficiare dei finanziamenti regionali, siano composte da almeno quattro Comuni, o da almeno tre con popolazione complessiva non inferiore a 15mila abitanti: una strada non percorribile per l’Unione civica terre del Po, perché i Comuni limitrofi della provincia di Parma fanno già parte di altre Unioni e perché la gestione associata di servizi con Comuni di altre province si rivela poco efficiente, per la non omogeneità di piani e programmi territoriali.
Da qui l’ipotesi della fusione di Polesine e Zibello, scelta che garantirebbe i necessari finanziamenti regionali utili per il mantenimento della quantità e qualità dei servizi attualmente garantiti. 

La normativa regionale e statale prevede, in caso di fusioni di Comuni, l’erogazione di incentivi finanziari quali contributi economici ordinari e straordinari e premialità in modo continuativo (15 anni i contributi regionali e 10 anni i contributi statali): finanziamenti che consentirebbero al nuovo ente pubblico di garantire e incrementare un’ampia serie di servizi a favore della collettività.

Il 15 maggio partirà la richiesta dei due Comuni alla Regione per accedere al finanziamento per la realizzazione dello studio che dovrà puntare a quattro macro-obiettivi:
- l’individuazione e la quantificazione dei benefici, delle economie e delle razionalizzazioni potenzialmente ottenibili attraverso la costituzione di un unico ente locale;
- il delineamento del percorso politico-amministrativo per l’eventuale modifica della circoscrizione territoriale mediante fusione dei due Comuni;
- l’evidenziazione delle criticità che potranno emergere, sia nella fase preliminare del percorso sia nell’avvio della gestione del Comune unificato;
- le prospettive in termini di possibilità di innovazione e sviluppo dei servizi offerti, anche tenuto conto delle forme di incentivazione previste per questo tipo di riorganizzazione sovracomunale.
L’iter ( per il quale si prevedono circa due anni) si concluderà con un referendum consultivo indetto dalla Regione e volto a verificare l’orientamento della popolazione: un passaggio fondamentale a seguito del quale le due Amministrazioni comunali decideranno se proseguire o meno nel progetto.

LE DICHIARAZIONI: PROVINCIA E REGIONE "BENEDICONO" L'INIZIATIVA
"Il percorso che viene portato avanti dai due sindaci è un esempio di grande intelligenza - ha detto Bernazzoli -. E’ positivo che casi di innovazione come questo vengano generati dal basso e in particolare da due comuni che come Provincia abbiamo sostenuto in modo che non fossero marginali allo sviluppo del territorio".
"Siamo i primi in regione a compiere questo passo e abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti - ha sottolineato Amadei -. Nell’interesse della cittadinanza, e sulla base di una ricerca dei benefici intraprendiamo un percorso lungo, al termine del quale sarà la volontà popolare a decidere".
"E’ una proposta che ha una forte vocazione istituzionale, ampiamente discussa e condivisa, votata all’unanimità dai due Consigli comunali.  Siamo consapevoli del fatto che oggi vinciamo i dubbi e le resistenze reciproche, nel nome del costante benessere che vogliamo garantire ai nostri cittadini", ha spiegato Censi.
"L’Università con il Dipartimento di Economia ha le competenze per poter supportare questo progetto e compiere una valutazione di merito sia sugli aspetti finanziari che di marketing  - ha detto Cristini commentando la positività di muoversi sulla base di uno studio - questo Paese può fare molto se dietro a un progetto c’è uno studio o un indirizzo che ne attesti la fattibilità".
Condivisione e appoggio è arrivata anche da parte dei Consiglieri regionali intervenuti all’incontro.
“Ci fa piacere che il primo esperimento di fusione in Emilia-Romagna parta da Parma, un laboratorio che opererà sulla base di risultati scientifici.   E ci fa altrettanto piacere che i comuni abbiano trovato il modo di superare il campanilismo in questi casi dannoso", ha osservato Corradi.
"Esprimo un plauso ai due sindaci e ai Consigli comunali per aver scelto programmi che possono unire, un percorso democratico dal quale ricaveranno risorse fresche per la loro attività - ha detto Villani -. C’è anche la soddisfazione di aver contribuito ad approvare la legge regionale che lo ha reso possibile, un nuovo strumento all’interno del quale sono previste appunto le fusioni".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Paolo Reggiani

    04 Maggio @ 09.12

    Gigi ha centrato il problema che diventerà dramma (economico ovviamente) con il federalismo all’italiana. Non c’era bisogno di spostare l’Università per vedere l’evidente: i Comuni, anche quelli più grandi, non ce la fanno più perché sono aumentati i compiti senza dare le risorse e anche se le avessero date non c’è popolazione e/o territorio da cui prelevarle. Guardate una carta dei Comuni italiani per rendervi conto che sono francobolli di territorio con pochi abitanti e tanti compiti e doveri da espletare. È automatico che debbano spennare i cittadini nei modi più fantasiosi possibili. Hanno però finalmente capito che bisogna ampliare gli orizzinti territoriali ed antropici inventandosi la fusione di Comuni. Ma nessuno si è accorto che questa esiste già da almeno 150 anni? Si chiama PROVINCIA che nel caso di Parma comprende 47 Comuni ed un territorio sufficentemente ampio senza esagerare. Certo è che l’sitituzione Provincia andrebbe riformata radicalmente per sostituire amministrativamente i Comuni senza però far perdere l’attenzione anche alle seigenze locali (la montagna e la bassa, il forese e la città hanno esigenze diverse che troverebbero la giusta rappresentanza nell’organo proivinciale). Il discorso è complesso e lungo da trattare per le implicazioni che ha: però chiediamoci ora per qual motivo si vorrebbero abolire le province, anziché rivederne la funzione, per lasciare i Comuni ai loro problemi? Complimenti ai politici che hanno avuto questa “pensata” ed alla loro lungimiranza del piffero. L’importante è cambiare tutto affinché nulla cambi.

    Rispondi

  • pier luigi

    03 Maggio @ 14.28

    Sarà un 'viaggio' lungo e travagliato, però se si vuole 'risparmiare' bisogna iniziare da queste amministrazioni, è inconcebibile avere comuni con 1000/1500 amministrati. Prima di eliminare le province, bisogna pensare a eliminare questi costi. Sarà difficile raggruppare comuni di montagna, ma se pensiamo ad Albareto,Tornolo, Compiano, Bedonia, Borgovalditaro hanno circa ventimila residenti e con un comune solo lascio a voi calcolare il risparmio.

    Rispondi

    • vanni

      04 Maggio @ 08.15

      sono perfettamente d'accordo, ma attenzione signori che avete delle serpi in seno........

      Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I 100 anni di Kirk Douglas

Youtube

I 100 anni di Kirk Douglas Video

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Il 10 giugno

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

Palanzano

Sandra, la «musicista» delle campane

Progetto

L'auditorium a Busseto? Per ora non si fa

Lega Pro

Oggi Parma-Bassano

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

LEGA PRO

D'Aversa per la panchina, ballottaggio Sensibile-Faggioni per il ds. E' questione di ore Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

4commenti

incidente

Auto si ribalta a Fidenza: un ferito grave

Anteprima Gazzetta

Terremoto: l'aiuto di Parma

Domani si parla anche di San Leonardo, di coca a Sorbolo, di un incredibile furto a un asilo

parma senza amore

Dieci frigoriferi (con materasso e rifiuti) sul marciapiede di via Boraschi

9commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

2commenti

Sorbolo

Addio a Roberta Petrolini, la voce della Cri

cantieri e eventi

Come cambia la viabilità a Parma in settimana 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

LETTERE AL DIRETTORE

Una piccola storia nobile

2commenti

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

PISA

Bimba di 6 anni muore soffocata da una spugna a scuola

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery