21°

35°

Provincia-Emilia

Preoccupazione per la scuola in montagna

Ricevi gratis le news
0

 Nei giorni scorsi, convocati dal presidente della Comunità Montana Parma Est Giordano Bricoli, si sono incontrati i sindaci dei Comuni di Corniglio, Massimo De Matteis, di Monchio, Claudio Moretti, di Tizzano, Amilcare Bodria, l’assessore alla scuola di Palanzano Linda Montali e l’assessore alla scuola della Comunità Montana Mariagrazia Conciatori.

Nell’incontro sono emerse le forti preoccupazioni di amministratori locali, cittadini e insegnanti per le conseguenze che rischiano di comportare per il prossimo anno scolastico i provvedimenti adottati in tema di assegnazione degli organici. Infatti con  l’applicazione dei nuovi parametri di formazione delle classi non sono autorizzate tre classi di scuola primaria (una a Beduzzo, una a Lagrimone e una a Tizzano), una classe di scuola secondaria di 1° grado a Corniglio e il tempo pieno richiesto nei rispettivi plessi. Tale determinazione comporta la formazione di pluriclassi con più di 18 alunni  nonostante la normativa preveda che 18 sia il numero massimo. Prevista inoltre una riduzione di alcune unità di personale Ata.
In questo quadro le scuole di montagna si trovano, ancora una volta, a rischio di sopravvivenza. Non va dimenticato che in montagna la scuola rappresenta il principale presidio di sopravvivenza e di prospettiva nonchè la leva strategica per lo sviluppo sociale, civile ed economico delle piccole comunità locali al fine contrastarne il progressivo spopolamento.
E’ necessario rivedere i criteri di assegnazione delle risorse in quanto l’attuale impostazione rischia di mettere in serio pericolo l’organizzazione  scolastica nei territori montani dove le distanze costituiscono un elemento di disagio rilevante e dove garantire il diritto allo studio è doveroso. Si chiede una approfondita verifica per cercare di arginare le predette riduzioni degli organici sia per i docenti che per il personale Ata che nelle piccole realtà svolge un ruolo di sorveglianza molto importante.
Si ritiene necessario intervenire sia con la modifica dei parametri di formazione delle classi che di quelli di assegnazione dell’organico docenti non solo per il prossimo anno scolastico ma in modo stabile e strutturale per garantire la continuità e la qualità del percorso formativo nel tempo. La scuola, soprattutto in montagna, deve poter essere organizzata sul medio-lungo periodo per offrire maggiori garanzie sia in termini di servizio alle famiglie che fanno la scelta di vivere in questi territori sia per garantire continuità didattica e programmazione. Deve essere superato il sistema delle deroghe che rappresentano solo un rimedio temporaneo. C’è bisogno di politiche e scelte coraggiose per far sopravvivere la montagna proprio partendo dalla scuola. Le comunità locali e le istituzioni locali stanno facendo la loro parte in attesa che anche chi può decidere in questo senso faccia la propria parte.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe

PISCINE

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe Foto

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

documentario

William, Harry e quell'ultima breve telefonata con Diana

Ascolti; Ciao Darwin 7 in replica vince il sabato sera

Televisione

Ascolti in tv: "Ciao Darwin 7" in replica vince il sabato sera

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Incidente a Scarampi

varano

Incidente a Scarampi: grave un motociclista

PINZOLO

Baraye e Calaiò (triplette) protagonisti nella prima uscita stagionale: 14-0

Bedonia

Con la moto in una scarpata al passo del Tomarlo: grave un 45enne

incidenti

Auto contomano in via Cappelluti, frontale: ferita una donna

traffico

Coda tra gli svincoli Autocisa e A1

IL RICORDO

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

1commento

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro nella notte

Scontro attorno all'una e trenta

motori

Grande festa al Paletti di Varano per la Formula Sae Italy Gallery

coldiretti

Agricoltura: siccità ma anche nubifragi, danni in regione per 150 milioni

traversetolo

I segreti della trebbiatura a Castione Gallery

PARMA

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

1commento

Anga

Arare la terra? A Collecchio fanno a gara: foto

1commento

domenica

Tra spaventapasseri, polenta e canoe di cartone: l'agenda

BASSA

Pensionato scomparso: continuano le ricerche nel Po

Da venerdì non si hanno notizie di un 68enne di Soragna

LA TESTIMONIANZA

«Ha aggredito un ragazzo, poi se l'è presa con me»

3commenti

Il caso

Le liti stradali? Dilagano. Anche a Parma

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I misteri delle bollette: le multe al tempo della crisi

di Michele Brambilla

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

ITALIA/MONDO

venezia

Donna accoltellata dall'ex marito che poi chiama i carabinieri e confessa

Moto

Tragedia nel motocross: morto a 13 anni

SPORT

nuoto

Mondiali: Italia subito sul podio, Detti bronzo nei 400sl

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

Malore

Frassica in ospedale per una bevanda ghiacciata

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori