Provincia-Emilia

La Comunità montana ovest difende le scuole di montagna

La Comunità montana ovest difende le scuole di montagna
Ricevi gratis le news
0

 Franco Brugnoli

Un documento sui tagli alle scuole in montagna è stato inviato dalla giunta dei sindaci della Comunità montana ovest al Ministero dell’Istruzione, all’assessorato alla scuola della Regione Emilia Romagna, all’Assessorato alle politiche scolastiche della Provincia di Parma, all’Uncem nazionale ed all’Ufficio scolastico provinciale. 
«Sentite le forti preoccupazioni di amministratori locali, cittadini e insegnanti - si legge nel documento inviato - per le conseguenze che rischiano di comportare per il prossimo anno scolastico i provvedimenti del Governo in materia di Scuola,  preso atto che la preoccupazione maggiore riguarda gli ulteriori tagli degli organici del personale docente e «Ata», che vanno ad aggiungersi a quelli che, nella nostra Provincia, hanno comportato già, per l’anno scolastico in corso, una diminuzione di 132 docenti e di 73 unità di personale «Ata», la giunta  assume una decisa ed unanime posizione in difesa del sistema scolastico provinciale ed in particolare delle piccole scuole di montagna a rischio di sopravvivenza».
 La giunta ribadisce che intento della Provincia è quello di salvaguardare le realtà locali,  in modo da offrire a tutti le medesime opportunità di crescita e benessere. 
In questo quadro una attenzione particolare «va riservata proprio alla montagna in cui la scuola rappresenta il principale presìdio di sopravvivenza e di prospettiva nonchè la leva strategica per lo sviluppo sociale, civile ed economico delle piccole comunità locali al fine di contrastarne il progressivo spopolamento».  
E per questo si chiede «che sìano rivisti i criteri di assegnazione delle risorse in quanto l’attuale impostazione rischia di mettere in serio pericolo l’organizzazione e l’articolazione dell’offerta scolastica, soprattutto nei territori montani dove le distanze costituiscono un elemento di disagio rilevante».
Gli Enti locali della Provincia di Parma hanno destinato ingenti risorse in questi anni per qualificare il patrimonio scolastico, garantire il diritto allo studio, mantenere e spesso ampliare i servizi, consapevoli che la presenza della scuola è una ricchezza e una risorsa per i comuni di montagna.
La Provincia di Parma ha inoltre investito nell’innovazione realizzando i Poli Telematici, l’estensione della banda larga per collegare alunni e plessi distanti fra loro, progetti di «teledidattica» tra i quali Scuola@Bardi, convinta che le nuove tecnologie, adeguatamente supportate da attrezzature telematiche, siano una nuova modalità di insegnamento in grado di coniugare qualità dell’offerta didattica ed esigenze sociali, specie nelle realtà decentrate e di montagna. 
Per salvaguardare le scuole di montagna «è necessario intervenire sia con la modifica dei parametri di formazione delle classi e di assegnazione dell’organico docenti; che la Regione Emilia Romagna e la Provincia di Parma hanno operato nel tempo tutte le razionalizzazioni proposte tanto che il numero medio degli alunni per classe supera di oltre un’unità la media nazionale e le scuole di montagna sono state organizzate in istituti comprensivi che includono ognuno le scuole di quattro o cinque diversi Comuni.
In montagna non è sostenibile basare la programmazione sul sistema delle deroghe, «ma serve investire in modo stabile e strutturale per garantire la continuità e la qualità del percorso formativo nel tempo».
Nel documento la Giunta  chiede pertanto al Governo di prendere atto della situazione di grave disagio nella quale si trovano l’intero sistema scolastico e gli Enti Locali e chiede fermamente di intervenire modificando la legge Gelmini per quanto riguarda le scuole di montagna dando la stabilità e le certezze che queste meritano per garantire un percorso educativo adeguato e consono alle esigenze dei territori più deboli del territorio provinciale, così come stabilito nell’art. 8 del D.P.R. n. 81 del 20/03/2009 che recita testualmente: «nelle scuole funzionanti nelle piccole isole, nei comuni montani, nelle zone abitate da minoranze linguistiche, nelle aree a rischio di devianza minorile o caratterizzate dalla rilevante presenza di alunni con particolari difficoltà di apprendimento e di scolarizzazione, possono essere costituite classi uniche per anno di corso e indirizzo di studi con numero di alunni inferiore a quello minimo e massimo stabilito dagli articoli 10,11 e 16».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Colorno, arriva la piena. "Via dai piani bassi delle case". Piazza allagata Video

emergenza

Colorno, arriva la piena. "Via dai piani bassi delle case". Piazza allagata Video 1-2

La sindaca: "State lontani dagli argini"

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

ospedale

Arresto cardiaco durante l’ora di ginnastica: 15enne salvato al Maggiore

1commento

maltempo

Emergenza elettricità: tante frazioni isolate nel parmense

1commento

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

PIENA

Enza, a Casaltone il peggio è passato. "Ma restate lontano dagli argini" Foto

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

4commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

17commenti

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

sudafrica

Rissa in carcere, ferito Pistorius

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

fidenza

Coduro, 25 mici a rischio sfratto

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole