-6°

Provincia-Emilia

Bore, «caccia» ai bambini da iscrivere: la materna salva per un soffio

Bore, «caccia» ai bambini da iscrivere: la materna salva per un soffio
0

Ilaria Moretti

Salva per un soffio. Forse. Perché sul destino della scuola materna di Bore nessuno si è ancora pronunciato ufficialmente.
Soltanto un paio di settimane fa il servizio sembrava quasi spacciato: un vero e proprio fulmine a ciel sereno piombato sulle teste degli abitanti del paese. Poi la corsa «matta e disperatissima» per cercare di aggiustare le cose e la soluzione arrivata praticamente in extremis. «Confidiamo proprio di avercela fatta», incrocia le dita il sindaco Fausto Ralli, ma, ripete, «finora non ci è stata data nessuna conferma ufficiale».  Il pericolo chiusura per l’anno 2010-2011 si era materializzato nella forma di una lettera inviata dall’Ufficio scolastico provinciale sia in Comune che all’Istituto comprensivo Val Ceno, di cui le scuole di Bore fanno parte. Citando la circolare ministeriale numero 37 del 13 aprile scorso, la missiva, datata 13 maggio, spiegava che le sezioni della materna dovevano essere composte da un minimo di 18 bambini. «Dall’esame dei dati relativi agli alunni - c'era scritto - si evince che la scuola dell’infanzia di Bore non rientra nei parametri fissati dal nuovo regolamento». Da qui l’invito al sindaco e al dirigente scolastico dell’istituto comprensivo «di valutare l’adozione di soluzioni diverse, anche mediante il trasporto degli alunni nei comuni vicini».
Ipotesi che Ralli ha scartato fin dal primo momento. «Avevamo diciassette iscritti, per un solo bambino in meno rischiavamo di vedere chiudere la scuola - ripercorre il primo cittadino - e il fatto è che negli incontri precedenti, ed anche all’ultimo tavolo istituzionale in Provincia, non erano mai emerse particolari problematiche». A Bore, insomma, nessuno sospettava l’incombere di una tale «minaccia».  A quel punto è stato Ralli a prendere carta e penna, e, preparata una lettera listata a lutto insieme ai suoi assessori (con la dicitura «per voi numeri, per noi persone») l’ha spedita, tra gli altri, al Capo dello Stato, al ministro Mariastella Gelmini, al dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale Armando Acri e ai presidenti di Regione e Provincia Vasco Errani e Vincenzo Bernazzoli. L’intenzione di non arrendersi impressa nero su bianco nelle due pagine della missiva (posizione condivisa anche dal dirigente dell’istituto comprensivo Aluisi Tosolini) si è concretizzata nei fatti. «Siamo stati costretti ad andare “a caccia” di bambini - racconta ancora Ralli -, alla fine siamo riusciti a iscriverne due in più convincendo i loro genitori che fino a quel momento non avevano nessuna intenzione di portarli alla materna». Il numero degli iscritti è salito dunque a 19, oltre la soglia di sopravvivenza.
«Chiudere - ricorda il sindaco - significherebbe portare bambini di 3-5 anni a Bardi, Varsi, Varano o Pellegrino (e quindi a 18, 22, 25 e 17 chilometri da Bore). Dovremmo farli alzare alle 6 e caricarli su un pulmino con il ghiaccio e la neve dell’inverno. Il risultato? Le famiglie giovani, che sono quelle che hanno in mano le attività del paese, se ne andrebbero. Sarebbe la morte sociale». C'è una cosa che però il sindaco tiene a precisare: nessuno incolpa il dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale Armando Acri di quanto successo: «E' una persona squisita e disponibile e capisco che debba sottostare alle circolari ministeriali. Piuttosto, non capisco chi le fa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Il ritratto

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

VIABILITA'

Cascinapiano, i residenti: "Chieste strisce pedonali e più luci: inascoltati"

2commenti

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: un ferito grave

tribunale

Molestò operaia durante la campagna del pomodoro: condannato caporeparto

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

1commento

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

DOPPIO ENRICO VIII

Sorpresa al Regio: Spotti recita "muto", Zanellato canta

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

1commento

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

gazzareporter

Piazzale Borri, quelle dichiarazioni di (zero) amore...

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali Foto

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

1commento

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

maltempo

Tra terremoto e neve: il Centro Italia in ginocchio

mafia del brenta

Sequestrato il "tesoro" di Felice Maniero

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video