-2°

Provincia-Emilia

Il Consiglio comunale disegna la Langhirano del futuro

Il Consiglio comunale disegna la Langhirano del futuro
0

 Giulia Coruzzi

E’ stato approvato, lunedì sera durante il consiglio comunale, con i voti a favore della maggioranza e le astensioni dell’opposizione, il Documento di programmazione urbanistica. L’assessore all’Urbanistica Marco Contini e l’architetto Aldo Caiti hanno illustrato gli ultimi studi condotti in materia di progettazione, in particolare il documento redatto dalla Consulta. Dallo studio del territorio all’individuazione delle sue criticità, dai punti di forza agli interventi necessari: Langhirano è stato analizzato con grande attenzione, ancora una volta, come già si fece in fase di stesura del Piano delle strategie. 
«La Consulta ha permesso di unire competenze diverse - ha sottolineato Contini -. Fondamentale, per il nostro paese, è la salvaguardia del territorio, ma anche del tipico. Ci sono zone che necessitano di attenzione particolare: Torrechiara, Pilastro, Cascinapiano, ma anche il capoluogo. Torrechiara merita una grande concentrazione di forze, è la porta della Val Parma, ma la sua rilevanza è internazionale; Pilastro ha bisogno di consolidamento nei servizi; Cascinapiano deve ritrovare necessariamente una propria identità; infine Langhirano merita un ripensamento delle aree pubbliche e della viabilità». 
L’incontro ha permesso di fare un excursus sulla storia del paese, ripercorrendone le fasi di crescita. Da piccolo borgo, con impronta agricola e commerciale, a centro importante di produzione per la vallata e la provincia. «Langhirano non solo ha saputo dar vita a un ottimo prodotto, ma ha saputo anche venderlo: ecco il segreto del suo sviluppo» ha aggiunto Contini. 
Ci sono due grandi aree centrali a Langhirano, una dismessa da tempo - la ex Galbani - e una in via di dismissione - la Illa -, che presto andranno incontro a una radicale trasformazione. Queste zone, tangenti al centro storico e un tempo nuclei di produzione fondanti per il paese, stanno per rientrare in un’unica grande area di riqualificazione, in una nuova prospettiva di ridefinizione di spazi pubblici e privati. 
Ma in consiglio si è parlato anche di scuola. Servono circa 12 mila metri quadrati di area e 8 milioni di euro per la realizzazione di un nuovo plesso. Al vaglio ci sono ancora le zone del parco Allende, del Bruno Monica, delle medie e dell’Itsos e della «Bruno Ferrari». 
«La Galbani va indubbiamente riqualificata - ha espresso Giovanni Torri di Lega Nord -. Non condivido però le ipotesi prese in considerazione per la nuova scuola: noi continuiamo a sostenere lo spazio del “Pertini”. Per quanto riguarda Pilastro siamo d’accordo: va ripensato, facendo a stralci qualcosa di utile». Positivo il commento di Andrea Costi (Pdl) sul lavoro della Consulta: «L'organo ha lavorato bene. Questo documento non rimanga lettera morta, si inizi a lavorare concretamente in tempi celeri». Anche Riani si è astenuto ma ha espresso il suo commento positivo: «Prendo atto del cambiamento di approccio alla progettazione, ben venga il lavoro condiviso». L’assessore alla Scuola Lara Albanese ha concluso riportando l’attenzione sull'iter di costruzione del nuovo plesso: «E' fondamentale che siano rispettati i tempi concordati: lo studio di fattibilità deve partire entro il mese di giugno. Sarà poi indispensabile trovare fondi, specie dalla Comunità Europea».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

3commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

6commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

Parma

Incendio di canna fumaria a Porporano

Sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

13commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

10commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017