12°

Provincia-Emilia

L'alpino che morì per non lasciare l'amico

L'alpino che morì per non lasciare l'amico
0

di Chiara Cacciani

Si incrociarono   durante la  ritirata. Francesco Galloni avanzava a piedi nella neve, con la colonna; il compaesano Giuseppe Longis era su una slitta carica di soldati. «Sali,  vieni via» gli disse Giuseppe, riconoscendolo. Ma Francesco  rifiutò: non c'era posto per il commilitone  che da giorni camminava al suo fianco, e gli bastarono pochi secondi per decidere cosa fare.   Non tornò mai più a casa l'alpino di Scurano, e   toccò proprio a Longis  «consegnare» ai familiari quell'ultimo, straordinario atto di coraggio e di amicizia  del 24enne  disperso in Russia. «Un gesto che dimostra tutto lo spirito di questa gente semplice, portatrice di valori profondi - commenta oggi il nipote Massimo Salsi - Anche se   mia madre Santina quel rifiuto  a salvarsi non gliel'ha mai perdonato: era legatissima al fratello e non poteva accettarlo».  E' stato  proprio il nipote  a contattare la Gazzetta appena letto dell'incredibile vicenda delle piastrine di Francesco Lori e  Salvatore Delmaestro,  restituite ai familiari dopo 67 anni. «Le hanno davvero riconsegnate tutte?»   aveva chiesto, pima di riavvolgere il filo di una storia familiare che è ancora lì, a rimescolare ricordi e emozioni.           Francesco  era nato  il 1° gennaio del 1918  («ma chissà se è davvero quella la data:  nei paesi di montagna  spesso aspettavano  lo scioglimento della neve per andare a comunicare le nascite»), primogenito di Luigi  Galloni e di Giuseppina Carnevalini. Una famiglia di  stampo patriarcale, quella a cui appartenevano i genitori: figli, generi, nuore e nipoti riuniti  nella casa del nonno Giuseppe,  tutti impegnati a coltivare un  appezzamento di poche biolche.  Per  Francesco i campi erano una vera passione, e una delle preoccupazioni principali anche lassù, al fronte. Dopo essere stato richiamato nel 1939 alle armi, fu inviato con le penne nere dell'8° reggimento  Brigata Julia, 69ª Compagnia, battaglione Gemona,  in Albania, in Grecia e infine in Russia. «Di quel periodo  restano alcune foto e un pacchetto di lettere e cartoline dalla grafia sempre peggiore a mano a mano che il tempo passava»,  racconta il nipote Massimo, che ieri ha partecipato alla cerimonia di Felino in ricordo di Francesco Lori. Scriveva tanto e spesso, l'alpino di Scurano: scriveva al nonno  e ai genitori, scriveva alle sorelle Santina, Alba e Diega, scriveva anche a Giovanni, il bambino che - come si usava una volta - era stato accolto per il periodo dell'allattamento e poi era rimasto per tanti anni in famiglia con una sorta di affido, e che sentiva davvero come un fratello. «In alcune lettere chiede di inviargli  i francobolli, difficili da recuperare - ripercorre Massimo Salsi -, si informa del raccolto del grano, dei lavori alla casa, della vigna, e dà notizie degli altri compaesani che erano con lui». E  con dovizia di particolari raccontava ai genitori di quel «deserto di monti e rocce» dove fu allestito l'accampamento in Albania: «Gli abitanti lavorano come lì, hanno  bovini e ovini e cavalli piccoli come pecore  che usano per andare a fare spesa in città. E' tutta gente barbara, vanno vestiti come le bestie e usano ancora il mercato delle donne». Via lettera il morale lo teneva sempre alto, Francesco. Solo da piccole frasi lasciava trapelare quanto fosse profonda la nostalgia di casa:  «Scrivete subito e molto, non con tre parole...».  E' all'arrivo in Russia nel 1942  che la corrispondenza si interrompe e tutto si fa buio. Le carte ufficiali fermano la  storia di Francesco Galloni  al 17 gennaio del 1943 a Seleni Yar: risulterebbe caduto in combattimento  all'inizio della drammatica ritirata. Ma c'è la testimonianza di Giuseppe Logis a far credere al nipote Massimo che in quei giorni il 24enne fosse ancora vivo e che la sua strada si sia interrotta più in là, dopo aver rinunciato alla salvezza per non abbandonare un amico. «Nel Dopoguerra mio padre Dante, che  è stato un partigiano ed era iscritto al Pci, cercò di avere notizie dall'Urss interessando il gruppo parlamentare - continua Salsi -. La risposta giunse nel '47, molto  burocratica: “Non ci sono prigionieri italiani in Unione Sovietica”. Da allora non abbiamo più saputo nulla, e mia madre  ha aspettato il ritorno di zio Francesco per vent'anni, fino a rassegnarsi». «Ora però - assicura il nipote -  continuerò le ricerche: sapere la verità  significherebbe potergli dare finalmente una sepoltura».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

«Leone di Lernia, non mollare»

E' grave

«Leone di Lernia, non mollare»

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Carnevale della Pappa

LA PEPPA

Ricette in video: Nodini dell'amore per carnevale Video

di Paola Guatelli

Lealtrenotizie

Via Venezia, pensionata scippata

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

Finto tecnico

Ancora un'anziana truffata

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

Vandalismi

Si sveglia e trova l'auto devastata

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Associazioni

Arci Golese, la casa comune di Baganzola

Estorsione

Chiede soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

5commenti

Il fatto del giorno

L'ultima verità sulla legionella

2commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

4commenti

Giustizia

Tar in via di estinzione? I ricorsi calano del 20% all'anno Video

Intervista: Sergio Conti, presidente del Tar di Parma, fa il punto nel giorno dell'apertura dell'anno giudiziario

3commenti

Marche

Due parmigiane fra le macerie per salvare le opere d'arte: "Situazione inimmaginabile"

PARMA

Si fa prestare lo scooter e scippa tre anziane: arrestato giovane indiano

Una delle vittime, cadendo, è finita al Maggiore con il bacino fratturato e oltre un mese di prognosi

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Discoteca offre 100 euro alle donne senza slip, è polemica

tv

Rai: anche per gli artisti arriva il tetto degli stipendi

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

Europa League

Harakiri Fiorentina: il Borussia vince 4-2 e passa il turno

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

SALONE

Ginevra, 126 anteprime La guida