20°

34°

Provincia-Emilia

L'alpino che morì per non lasciare l'amico

L'alpino che morì per non lasciare l'amico
Ricevi gratis le news
0

di Chiara Cacciani

Si incrociarono   durante la  ritirata. Francesco Galloni avanzava a piedi nella neve, con la colonna; il compaesano Giuseppe Longis era su una slitta carica di soldati. «Sali,  vieni via» gli disse Giuseppe, riconoscendolo. Ma Francesco  rifiutò: non c'era posto per il commilitone  che da giorni camminava al suo fianco, e gli bastarono pochi secondi per decidere cosa fare.   Non tornò mai più a casa l'alpino di Scurano, e   toccò proprio a Longis  «consegnare» ai familiari quell'ultimo, straordinario atto di coraggio e di amicizia  del 24enne  disperso in Russia. «Un gesto che dimostra tutto lo spirito di questa gente semplice, portatrice di valori profondi - commenta oggi il nipote Massimo Salsi - Anche se   mia madre Santina quel rifiuto  a salvarsi non gliel'ha mai perdonato: era legatissima al fratello e non poteva accettarlo».  E' stato  proprio il nipote  a contattare la Gazzetta appena letto dell'incredibile vicenda delle piastrine di Francesco Lori e  Salvatore Delmaestro,  restituite ai familiari dopo 67 anni. «Le hanno davvero riconsegnate tutte?»   aveva chiesto, pima di riavvolgere il filo di una storia familiare che è ancora lì, a rimescolare ricordi e emozioni.           Francesco  era nato  il 1° gennaio del 1918  («ma chissà se è davvero quella la data:  nei paesi di montagna  spesso aspettavano  lo scioglimento della neve per andare a comunicare le nascite»), primogenito di Luigi  Galloni e di Giuseppina Carnevalini. Una famiglia di  stampo patriarcale, quella a cui appartenevano i genitori: figli, generi, nuore e nipoti riuniti  nella casa del nonno Giuseppe,  tutti impegnati a coltivare un  appezzamento di poche biolche.  Per  Francesco i campi erano una vera passione, e una delle preoccupazioni principali anche lassù, al fronte. Dopo essere stato richiamato nel 1939 alle armi, fu inviato con le penne nere dell'8° reggimento  Brigata Julia, 69ª Compagnia, battaglione Gemona,  in Albania, in Grecia e infine in Russia. «Di quel periodo  restano alcune foto e un pacchetto di lettere e cartoline dalla grafia sempre peggiore a mano a mano che il tempo passava»,  racconta il nipote Massimo, che ieri ha partecipato alla cerimonia di Felino in ricordo di Francesco Lori. Scriveva tanto e spesso, l'alpino di Scurano: scriveva al nonno  e ai genitori, scriveva alle sorelle Santina, Alba e Diega, scriveva anche a Giovanni, il bambino che - come si usava una volta - era stato accolto per il periodo dell'allattamento e poi era rimasto per tanti anni in famiglia con una sorta di affido, e che sentiva davvero come un fratello. «In alcune lettere chiede di inviargli  i francobolli, difficili da recuperare - ripercorre Massimo Salsi -, si informa del raccolto del grano, dei lavori alla casa, della vigna, e dà notizie degli altri compaesani che erano con lui». E  con dovizia di particolari raccontava ai genitori di quel «deserto di monti e rocce» dove fu allestito l'accampamento in Albania: «Gli abitanti lavorano come lì, hanno  bovini e ovini e cavalli piccoli come pecore  che usano per andare a fare spesa in città. E' tutta gente barbara, vanno vestiti come le bestie e usano ancora il mercato delle donne». Via lettera il morale lo teneva sempre alto, Francesco. Solo da piccole frasi lasciava trapelare quanto fosse profonda la nostalgia di casa:  «Scrivete subito e molto, non con tre parole...».  E' all'arrivo in Russia nel 1942  che la corrispondenza si interrompe e tutto si fa buio. Le carte ufficiali fermano la  storia di Francesco Galloni  al 17 gennaio del 1943 a Seleni Yar: risulterebbe caduto in combattimento  all'inizio della drammatica ritirata. Ma c'è la testimonianza di Giuseppe Logis a far credere al nipote Massimo che in quei giorni il 24enne fosse ancora vivo e che la sua strada si sia interrotta più in là, dopo aver rinunciato alla salvezza per non abbandonare un amico. «Nel Dopoguerra mio padre Dante, che  è stato un partigiano ed era iscritto al Pci, cercò di avere notizie dall'Urss interessando il gruppo parlamentare - continua Salsi -. La risposta giunse nel '47, molto  burocratica: “Non ci sono prigionieri italiani in Unione Sovietica”. Da allora non abbiamo più saputo nulla, e mia madre  ha aspettato il ritorno di zio Francesco per vent'anni, fino a rassegnarsi». «Ora però - assicura il nipote -  continuerò le ricerche: sapere la verità  significherebbe potergli dare finalmente una sepoltura».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

calestano

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

Madonna festeggia il suo compleanno ballando la pizzica in Puglia

social network

Madonna balla la pizzica alla sua festa di compleanno in Puglia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Lealtrenotizie

Amici e centro d'accoglienza di Cianica sotto shock per la morte di Diawara

BORGOTARO

Annegato dopo un tuffo: amici e operatori sotto shock per Diawara Video

Si cerca di contattare i parenti in Costa D'Avorio

Medesano

Cade dalla finestra e resta sospesa nel vuoto: paura per una donna a Ramiola

Sul posto il 118 e i vigili del fuoco

ANTEPRIMA GAZZETTA

Il suicidio di Samuele Turco: aperto un fascicolo per omicidio colposo Video

La Gazzetta di Parma di domani: le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

Lutto

Addio al medico Giovanni Mori

PARMENSE

Incendio vicino ai binari: disagi sulla ferrovia tra Parma e Fornovo Foto

Le foto dei nostri lettori

temperature

Torna l'allerta caldo: verso un giovedì e un venerdì a oltre 35°

chiesa

Parroci, si cambia. Dalla città alla montagna: le nomine del vescovo

Il saluto degli "storici" don Mora e don Fontana. Novità anche per Marano, Langhirano, Corniglio

1commento

Tg Parma

Ferragosto a Parma, qualche turista e città chiusa per ferie. San Paolo compreso Video

1commento

STAZIONE

Parcheggi «kiss and go»: dopo 15 minuti a Parma scatta il pedaggio Foto

2commenti

acqua

Guasti alle tubature: Fontevivo e Berceto senz'acqua

Lucchi: "Chi innaffia è un criminale. Farò piombare i contatori ai trasgressori"

2commenti

gazzareporter

Ferragosto: "picco" di materassi abbandonati vicino ai cassonetti Foto

Segnalazioni e foto su via Nello Brambilla (zona Montebello) ma anche viale Duca Alessandro e strada Sant'Eurosia

Carabinieri

Parma malata di sballo, parla chi lotta contro la droga

6commenti

Parlamento

OpenPolis, Pagliari guida la top ten della produttività

Il senatore il più presente, al voto il 97,41% delle volte

incidente

Caduta in moto: paura per marito e moglie a Viazzano

2commenti

storia

Quei benzinai di una volta... Foto

incendio

Sterpaglie a fuoco a Noceto vicino alle case

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

1commento

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

roma

Donna fatta a pezzi: trovati busto e testa in cassonetto. Il fratello confessa

giallo

Modella rapita e messa all'asta: un arresto in Gran Bretagna

SPORT

Tg Parma

Parma, Caputo vuole un club ambizioso. Evacuo e Giorgino ai saluti Video

Gossip Sportivo

Diletta Leotta, anche il compleanno è social

SOCIETA'

ZURIGO

"Ebrei fatevi la doccia": proteste per l'avviso in una piscina svizzera

montanara

«D(io)», la web series dell'ottimismo: un inno alla passione

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti