Provincia-Emilia

L'alpino che morì per non lasciare l'amico

L'alpino che morì per non lasciare l'amico
0

di Chiara Cacciani

Si incrociarono   durante la  ritirata. Francesco Galloni avanzava a piedi nella neve, con la colonna; il compaesano Giuseppe Longis era su una slitta carica di soldati. «Sali,  vieni via» gli disse Giuseppe, riconoscendolo. Ma Francesco  rifiutò: non c'era posto per il commilitone  che da giorni camminava al suo fianco, e gli bastarono pochi secondi per decidere cosa fare.   Non tornò mai più a casa l'alpino di Scurano, e   toccò proprio a Longis  «consegnare» ai familiari quell'ultimo, straordinario atto di coraggio e di amicizia  del 24enne  disperso in Russia. «Un gesto che dimostra tutto lo spirito di questa gente semplice, portatrice di valori profondi - commenta oggi il nipote Massimo Salsi - Anche se   mia madre Santina quel rifiuto  a salvarsi non gliel'ha mai perdonato: era legatissima al fratello e non poteva accettarlo».  E' stato  proprio il nipote  a contattare la Gazzetta appena letto dell'incredibile vicenda delle piastrine di Francesco Lori e  Salvatore Delmaestro,  restituite ai familiari dopo 67 anni. «Le hanno davvero riconsegnate tutte?»   aveva chiesto, pima di riavvolgere il filo di una storia familiare che è ancora lì, a rimescolare ricordi e emozioni.           Francesco  era nato  il 1° gennaio del 1918  («ma chissà se è davvero quella la data:  nei paesi di montagna  spesso aspettavano  lo scioglimento della neve per andare a comunicare le nascite»), primogenito di Luigi  Galloni e di Giuseppina Carnevalini. Una famiglia di  stampo patriarcale, quella a cui appartenevano i genitori: figli, generi, nuore e nipoti riuniti  nella casa del nonno Giuseppe,  tutti impegnati a coltivare un  appezzamento di poche biolche.  Per  Francesco i campi erano una vera passione, e una delle preoccupazioni principali anche lassù, al fronte. Dopo essere stato richiamato nel 1939 alle armi, fu inviato con le penne nere dell'8° reggimento  Brigata Julia, 69ª Compagnia, battaglione Gemona,  in Albania, in Grecia e infine in Russia. «Di quel periodo  restano alcune foto e un pacchetto di lettere e cartoline dalla grafia sempre peggiore a mano a mano che il tempo passava»,  racconta il nipote Massimo, che ieri ha partecipato alla cerimonia di Felino in ricordo di Francesco Lori. Scriveva tanto e spesso, l'alpino di Scurano: scriveva al nonno  e ai genitori, scriveva alle sorelle Santina, Alba e Diega, scriveva anche a Giovanni, il bambino che - come si usava una volta - era stato accolto per il periodo dell'allattamento e poi era rimasto per tanti anni in famiglia con una sorta di affido, e che sentiva davvero come un fratello. «In alcune lettere chiede di inviargli  i francobolli, difficili da recuperare - ripercorre Massimo Salsi -, si informa del raccolto del grano, dei lavori alla casa, della vigna, e dà notizie degli altri compaesani che erano con lui». E  con dovizia di particolari raccontava ai genitori di quel «deserto di monti e rocce» dove fu allestito l'accampamento in Albania: «Gli abitanti lavorano come lì, hanno  bovini e ovini e cavalli piccoli come pecore  che usano per andare a fare spesa in città. E' tutta gente barbara, vanno vestiti come le bestie e usano ancora il mercato delle donne». Via lettera il morale lo teneva sempre alto, Francesco. Solo da piccole frasi lasciava trapelare quanto fosse profonda la nostalgia di casa:  «Scrivete subito e molto, non con tre parole...».  E' all'arrivo in Russia nel 1942  che la corrispondenza si interrompe e tutto si fa buio. Le carte ufficiali fermano la  storia di Francesco Galloni  al 17 gennaio del 1943 a Seleni Yar: risulterebbe caduto in combattimento  all'inizio della drammatica ritirata. Ma c'è la testimonianza di Giuseppe Logis a far credere al nipote Massimo che in quei giorni il 24enne fosse ancora vivo e che la sua strada si sia interrotta più in là, dopo aver rinunciato alla salvezza per non abbandonare un amico. «Nel Dopoguerra mio padre Dante, che  è stato un partigiano ed era iscritto al Pci, cercò di avere notizie dall'Urss interessando il gruppo parlamentare - continua Salsi -. La risposta giunse nel '47, molto  burocratica: “Non ci sono prigionieri italiani in Unione Sovietica”. Da allora non abbiamo più saputo nulla, e mia madre  ha aspettato il ritorno di zio Francesco per vent'anni, fino a rassegnarsi». «Ora però - assicura il nipote -  continuerò le ricerche: sapere la verità  significherebbe potergli dare finalmente una sepoltura».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ucciso da forma di parmigiano: condannato produttore "spazzolatrice"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

5commenti

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

2commenti

16 dicembre

Valter Mainetti professore ad honorem dell'Università di Parma

Il conferimento alle ore 11 nell’Aula Magna dell’Ateneo

Curiosità

Al seggio col colbacco del «no»

tg parma

Ventenne travolto a Lemignano: è in Rianimazione Video

QUESTURA

Bici rubate trovate al parco Falcone e Borsellino: qualcuno le riconosce? Foto

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Cambridge

Trovata morta ricercatrice italiana: cause naturali

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

pazzo mondo

Venezia: si lancia con il surf da Ponte degli Scalzi

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

calcio e tragedia

L'omaggio agli "angeli-campioni": Coppa sudamericana alla Chapecoense

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)