21°

Provincia-Emilia

L'alpino che morì per non lasciare l'amico

L'alpino che morì per non lasciare l'amico
0

di Chiara Cacciani

Si incrociarono   durante la  ritirata. Francesco Galloni avanzava a piedi nella neve, con la colonna; il compaesano Giuseppe Longis era su una slitta carica di soldati. «Sali,  vieni via» gli disse Giuseppe, riconoscendolo. Ma Francesco  rifiutò: non c'era posto per il commilitone  che da giorni camminava al suo fianco, e gli bastarono pochi secondi per decidere cosa fare.   Non tornò mai più a casa l'alpino di Scurano, e   toccò proprio a Longis  «consegnare» ai familiari quell'ultimo, straordinario atto di coraggio e di amicizia  del 24enne  disperso in Russia. «Un gesto che dimostra tutto lo spirito di questa gente semplice, portatrice di valori profondi - commenta oggi il nipote Massimo Salsi - Anche se   mia madre Santina quel rifiuto  a salvarsi non gliel'ha mai perdonato: era legatissima al fratello e non poteva accettarlo».  E' stato  proprio il nipote  a contattare la Gazzetta appena letto dell'incredibile vicenda delle piastrine di Francesco Lori e  Salvatore Delmaestro,  restituite ai familiari dopo 67 anni. «Le hanno davvero riconsegnate tutte?»   aveva chiesto, pima di riavvolgere il filo di una storia familiare che è ancora lì, a rimescolare ricordi e emozioni.           Francesco  era nato  il 1° gennaio del 1918  («ma chissà se è davvero quella la data:  nei paesi di montagna  spesso aspettavano  lo scioglimento della neve per andare a comunicare le nascite»), primogenito di Luigi  Galloni e di Giuseppina Carnevalini. Una famiglia di  stampo patriarcale, quella a cui appartenevano i genitori: figli, generi, nuore e nipoti riuniti  nella casa del nonno Giuseppe,  tutti impegnati a coltivare un  appezzamento di poche biolche.  Per  Francesco i campi erano una vera passione, e una delle preoccupazioni principali anche lassù, al fronte. Dopo essere stato richiamato nel 1939 alle armi, fu inviato con le penne nere dell'8° reggimento  Brigata Julia, 69ª Compagnia, battaglione Gemona,  in Albania, in Grecia e infine in Russia. «Di quel periodo  restano alcune foto e un pacchetto di lettere e cartoline dalla grafia sempre peggiore a mano a mano che il tempo passava»,  racconta il nipote Massimo, che ieri ha partecipato alla cerimonia di Felino in ricordo di Francesco Lori. Scriveva tanto e spesso, l'alpino di Scurano: scriveva al nonno  e ai genitori, scriveva alle sorelle Santina, Alba e Diega, scriveva anche a Giovanni, il bambino che - come si usava una volta - era stato accolto per il periodo dell'allattamento e poi era rimasto per tanti anni in famiglia con una sorta di affido, e che sentiva davvero come un fratello. «In alcune lettere chiede di inviargli  i francobolli, difficili da recuperare - ripercorre Massimo Salsi -, si informa del raccolto del grano, dei lavori alla casa, della vigna, e dà notizie degli altri compaesani che erano con lui». E  con dovizia di particolari raccontava ai genitori di quel «deserto di monti e rocce» dove fu allestito l'accampamento in Albania: «Gli abitanti lavorano come lì, hanno  bovini e ovini e cavalli piccoli come pecore  che usano per andare a fare spesa in città. E' tutta gente barbara, vanno vestiti come le bestie e usano ancora il mercato delle donne». Via lettera il morale lo teneva sempre alto, Francesco. Solo da piccole frasi lasciava trapelare quanto fosse profonda la nostalgia di casa:  «Scrivete subito e molto, non con tre parole...».  E' all'arrivo in Russia nel 1942  che la corrispondenza si interrompe e tutto si fa buio. Le carte ufficiali fermano la  storia di Francesco Galloni  al 17 gennaio del 1943 a Seleni Yar: risulterebbe caduto in combattimento  all'inizio della drammatica ritirata. Ma c'è la testimonianza di Giuseppe Logis a far credere al nipote Massimo che in quei giorni il 24enne fosse ancora vivo e che la sua strada si sia interrotta più in là, dopo aver rinunciato alla salvezza per non abbandonare un amico. «Nel Dopoguerra mio padre Dante, che  è stato un partigiano ed era iscritto al Pci, cercò di avere notizie dall'Urss interessando il gruppo parlamentare - continua Salsi -. La risposta giunse nel '47, molto  burocratica: “Non ci sono prigionieri italiani in Unione Sovietica”. Da allora non abbiamo più saputo nulla, e mia madre  ha aspettato il ritorno di zio Francesco per vent'anni, fino a rassegnarsi». «Ora però - assicura il nipote -  continuerò le ricerche: sapere la verità  significherebbe potergli dare finalmente una sepoltura».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

3commenti

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

1commento

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Il candidato

Laura Cavandoli: Il centrodestra si divide

1commento

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

5commenti

TRAFFICO

Baganzola, accesso alle fiere al rallentatore. Code per chi arriva dall'A1

Formaggio

La grana del grana

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano

Sentenza

Multa ingiusta, Equitalia condannata

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

PARMA

Suonava in Pilotta: multato per la terza volta il fisarmonicista Giovanni 

19commenti

gazzareporter

Fontanini o.... Corcagnano?

ANTEPRIMA GAZZETTA

Raffaele Sollecito si trasferisce a Parma: intervista esclusiva Video

Accusato con Amanda Knox dell'omicidio Kercher, Sollecito è stato assolto. Ha scelto di vivere a Parma

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

2commenti

WEEKEND

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

Formula 1

La prima pole è firmata Hamilton

Mondiali

l'Italia batte l'Albania (2-0)

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery