22°

32°

Provincia-Emilia

Minorenne sequestrato, picchiato e rapinato da tre giovani

Minorenne sequestrato, picchiato e rapinato da tre giovani
Ricevi gratis le news
17

Un ragazzo della Costa d'Avorio, ancora minorenne, è stato caricato a forza su un'auto, è stato portato nella Bassa, picchiato e rapinato. Sotto shock, ha chiamato i carabinieri, che hanno arrestato tre giovani (fra cui un minorenne), che reclamavano dall'africano il pagamento di un debito nei loro confronti.
È accaduto la sera di venerdì 11 giugno a San Secondo, ma la notizia è emersa soltanto oggi. Secondo la ricostruzione dei carabinieri della Compagnia di Fidenza,  almeno tre giovani italiani hanno avvicinato il minorenne ivoriano S. A. costringendolo a salire sulla loro Bmw.
L'auto si è allontanata, raggiungendo le campagne fra San Secondo e Soragna. Qui il ragazzino è stato aggredito con calci e pugni dai tre, che gli hanno portato via il portafogli e il cellulare, a mo' di pagamento di un debito in denaro che S. A. non aveva ancora saldato.
Dopo il pestaggio, il giovane ivoriano, terrorizzato, è stato portato fino a Sissa. Qui gli aggressori hanno cambiato veicolo, facendo salire S. A. su una Punto, con la quale il gruppetto è rientrato a San Secondo.
Abbandonato per strada, il ragazzino - sotto shock - chiesto aiuto. I carabinieri di San Secondo hanno avviato le indagini, ricostruendo l'accaduto, con l'aiuto dei colleghi di Sissa.
I militari hanno ristretto i sospetti su alcuni giovani che abitano a Sissa e a Soragna. Le indagini son proseguite nei giorni successivi, per raccogliere prove, finché il giorno 14 giugno - dicono i militari - gli aggressori sono stati identificati ed è stato chiesto un provvedimento restrittivo.
Così sono stati arrestati A. R. di Sissa (minorenne), il 19enne M. C. di Soragna e il 26enne R.,P. abitante a San Secondo Parmense. Il minorenne è stato portato in una Casa di accoglienza per minori di Bologna, gli altri sono in carcere a Parma. Continuano le indagini su un quarto soggetto, che al momento risulterebbe estraneo ai fatti.
Durante le perquisizioni, in casa del 19enne è stato trovato il telefono preso durante la rapina a S. A. e alcuni grammi di droghe varie, nascoste in una radio sveglia, dove sono state trovate grazie al sofisticato fiuto del cane antidroga che ha partecipato all'operazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ParmiggianoOGM

    01 Luglio @ 19.28

    mi dispiace molto sentire queste notizie... sapere poi che gli interessati sono minorenni amplia il tutto.... dovremmo chiederci personalmente davanti ad uno specchio " Sto costruendo una civiltà basata sull'amore e sulla fratellanza?" o ancora " contribuisco con le mie scelte civili ed equilibrate a testimoniare l'amore ed il rispetto reciproco la tolleranza? Purtroppo devo constatare che c'è molta ignoranza sul tema integrazione e cio mi rende triste perchè vedo la maggior parte delle nuove generazioni dirigersi verso il baratro dell'intolleranza e dell'indifferenza.... "L' odio cresce come erba selvatica mentre l'Amore va coltivato ogni giorno"

    Rispondi

  • Geronimo

    01 Luglio @ 13.47

    Molti commenti mi fanno ridere (o piangere) lasciandomi pessimista per il futuro. Quì il problema è che ci sono ragazzini spacciatori e di conseguenza ci saranno anche ragazzini conasumatori di droghe, poi il problema più grosso è che tre ragazzi hanno sequestrato picchiato e rapinato un ragazzo. Quì cosa si scrive? quelli di sinistra (de che?) esultano chiamando in causa quelli di destra (???) che rispondono con falsi dati sui crimini e sul fatto che ci fosse un extracomunitario. Ma qual'è secondo voi il problema principale? Se iniziamo a dividerci in due schieramenti, A dare sempre la colpa agli altri penso che il problema non si risolverà mai, anzi sorgeranno sempre nuovi problemi con qualche esaltato che si monterà la testa.

    Rispondi

  • ROBERTA

    01 Luglio @ 13.13

    da tempo questi individui erano conosciuti erano quelli che avevano in mano lo spaccio nella bassa, ma si sa finche non li si prende con le mani nel sacco non si puo fare niente. Ma anche adesso che ne hanno trovato uno con in casa la roba cosa credete che faranno uscira fra qualche giorno libero di continuare la sua attivita insieme con il suo amico tanto furbo da non essersi lasciato prendere

    Rispondi

  • nadia

    01 Luglio @ 12.39

    Sicuramente non e' un santo neanche il ragazzo africano, ma in questo caso gli altri tre hanno veramente paassato il limite. X Mauro : l'estremismo non fa parte della mia cultura, tre anni per una scarpata vanno piu' che bene anche perche' sono sicura che li scontera' tutti. In Italia per scontare tre anni bisogna aver fatto cose gravissime, a volte neanche chi uccide li sconta !!!

    Rispondi

  • Soma

    01 Luglio @ 09.39

    i sinistri stanno preprando un NUOVO CASO BONSU....tutti in PIAZZA vero?? l'africano spacciava anche lui ( il debito per cosa?)...in quanto alla cronaca nera 9 volte su 10 sono africani che aggrediscono italiani ( ultimo il caso di Colorno dove un tunisino ha preso per il collo una italiana, ne ha mandato una all'ospedale ed è stato difeso dal sindaco di sinistra)

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

2commenti

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

13commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TERRORISMO

Barcellona: per la polizia sono tutti morti i quattro ricercati. Forse in Francia l'autista-killer

terrorismo

Barcellona, terza vittima italiana: Carmela, residente in Argentina

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti