-4°

Provincia-Emilia

«Via dalle Terre Verdiane? Spero che Sissa ci ripensi»

«Via dalle Terre Verdiane? Spero che Sissa ci ripensi»
0

Cristian Calestani

Dispiaciuto per le intenzioni del Comune di Sissa, speranzoso per un possibile ripensamento, ma comunque sempre convinto che la strada dell’Unione sia quella da percorrere per fare economie di scala e garantire, anche ai comuni più piccoli, servizi efficienti. 
Il giorno dopo l’annuncio del sindaco di Sissa Grazia Cavanna di voler far uscire il proprio Comune dall’Unione Terre Verdiane a causa di costi eccessivi, è questa la reazione dell’attuale presidente dell’ente Giorgio Quarantelli. «C'è dispiacere perché si interrompe un percorso iniziato da qualche anno - ha detto Quarantelli - Sissa non partecipò inizialmente all’associazione delle Terre Verdiane, mentre condivise le tappe che hanno portato alla nascita della successiva Unione. Credo che in questi anni si sia lavorato molto per il bene di piccoli comuni come Sissa». Quarantelli propone un’analisi attenta della situazione. «Vi è sicuramente un dato di fatto: la necessità di creare delle sinergie è ormai evidente. Il piccolo Comune, da solo, non può più reggere una certa qualità e quantità di servizi. La stessa Finanziaria parla di un obbligo, per i Comuni con meno di cinquemila abitanti, di conferire in Unione o di gestire con convenzioni diverse materie».
 Poi da un discorso di stampo generale Quarantelli passa al «particolare». «Di sicuro - ha precisato - Sissa avrà già individuato soluzioni idonee per risolvere i propri problemi (la Cavanna aveva parlato  del ricorso alle convenzioni, ndr), ma non sarà facile da soli provvedere a certi servizi. Sotto sotto  la mia speranza è che da qui al momento dell’effettiva uscita di Sissa dall’Unione, tra un anno e mezzo, ci possa essere un ripensamento». 
Nel dire questo Quarantelli non dimentica comunque  i «limiti» dell’Unione. «Dobbiamo crescere e cercare di migliorare una realtà amministrativa che è ancora molto giovane. Quindici anni fa la collaborazione tra i Comuni era quasi del tutto assente, ognuno pensava al proprio orticello. Oggi si sono compiuti passi importanti, ma serve quell'adeguata cultura amministrativa abbinata ad un progetto tecnico basato sul territorio che permetta di capire che se le cose vanno bene per l’Unione, andranno bene anche per i singoli Comuni. Indipendentemente dall’essere o meno all’interno dell’Unione, oggi è fondamentale muoversi insieme ai comuni vicini e il modo migliore per farlo resta quello dell’Unione». 
Infine sulla disomogeneità dei componenti dell’Unione  aggiunge: «Salso e Fidenza sono indubbiamente diversi da Sissa o Roccabianca, ma ognuno può portare le proprie peculiarità per un arricchimento reciproco». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

2commenti

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: gli indiani superano i romeni Video

I dati del primo semestre 2016: inviati 24,5 milioni nel mondo dal Parmense

1commento

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

tg parma

A Parma dai figli, arrestato latitante siciliano che deve scontare 15 anni

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: grave un camionista

IL FATTO DEL GIORNO

La morte di Filippo: oltre al dolore, la rabbia per i mancati interventi per la sicurezza Video

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

PADOVA

Orge in canonica con 9 donne: prete nei guai

SOCIETA'

futuro

L'auto volante diventa realtà, prototipo entro il 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta