17°

Provincia-Emilia

Albergatori concordi: «Miss Italia? Meglio pensare ad un'alternativa»

Albergatori concordi: «Miss Italia? Meglio pensare ad un'alternativa»
1

 Miss Italia resterà a Salso per quest’anno. Il traguardo è stato raggiunto ad un mese dallo sbarco delle miss, previsto il 26 agosto, al termine di un tira e molla durato con la Rai per mesi e che certamente non ha giovato all’immagine di Salso, lasciando nell’incertezza fino all’ultimo gli albergatori. Che, visto quanto successo, pensano sia giunto anche il momento di pensare ad una possibile alternativa a Miss Italia.
Per Ernesto Callegaro presidente dell’Adast, l’associazione albergatori di Salso e Tabiano, «la trasmissione perde lustro e consensi di pubblico ogni anno, e ci costa sempre di più. Per il 2010, giunti a questo punto, è un bene che sia stata confermata ma da domani dovremo cercare eventualmente un’alternativa. Vista l’incertezza fino all’ultimo, così non si può andare avanti. Anche per il prossimo anno non si può correre il rischio di avere questo tira e molla fra le parti. È arrivato il momento di studiare un’alternativa di spessore. Ormai è un matrimonio un po' “stiracchiato”: se le cose non vanno più bene fra i partner, è ora di lasciarsi. Al contrario se si vuole continuare a collaborare perchè la cosa diventi più proficua, dobbiamo mettere subito tutti le cose in chiaro e alla svelta».
Punto su cui fare chiarezza sono i pagamenti agli alberghi che danno ospitalità alla carovana del concorso: infatti in parte non hanno ancora visto i soldi del 2009. I pagamenti dovrebbe farli la Società d’area, firmataria del contratto di Miss Italia, che però si troverebbe in forti difficoltà economiche perché non avrebbe ancora ricevuto il contributo da parte delle Terme: «Anche su questa vicenda - conclude Callegaro - bisogna mettersi intorno ad un tavolo quanto prima per fare chiarezza». 
Critico sul futuro di Miss Italia a Salso è Francesco Ravasini, presidente Asat, l’associazione albergatori di Tabiano: «Finalmente ci sono arrivati in fondo: hanno lottato tanto con ogni mezzo, speriamo solo che le cifre non siano esagerate. Rimango comunque dell’idea che il concorso anche se lo perdiamo, per quello che ci ha portato a livello di immagine e promozione, non succede assolutamente nulla. In questi anni, visto come stanno andando le cose, non si è riusciti a sfruttare l’evento mediatico. Mentre con quello che si spende per Miss Italia si potrebbero organizzare altri eventi, comprendendo una stagione più lunga». 
«C'è che dice sì, no o “ni” a Miss Italia. È giunto il momento di pensare ad un’alternativa - rileva- . Non entro nel merito del format tv, ma è il concorso che è ormai superato nella mentalità della gente. Quei soldi si possono spendere in promozione: mi chiedo cosa ci stia a fare la Società d’area che avrebbe questo compito mentre sembra che sia nata solo per firmare Miss Italia. Speriamo che non ci sia da ridiscutere l’anno prossimo e si possa voltare pagina su questo discorso».
Cautamente soddisfatto è Giuseppe Massari, presidente Aasta: «Siamo andati troppo avanti per avere la conferma che anche quest’anno si sarebbe fatta Miss Italia  e questo ha creato problemi di programmazione agli albergatori. Quello che è successo ha sfiorato il ridicolo. Bisogna pensare come affrontare la situazione per il futuro: ma ad oggi c'è qualche idea alternativa a Miss Italia? Non vedo però la capacità di trovare una soluzione». Per Massari poi la formula del concorso va rivista, non solo a livello televisivo: «Gli ospiti non riescono minimamente a vedere le miss, blindate come sono e questo non va certamente bene».  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Hugo the Boss

    26 Luglio @ 15.20

    OH ma a Salso non tira + nulla da molti anni (era l'attività principale, ora un paese di vecchi e non salsesi! ndr), le Miss son superate dai tempi e ridotte a festine paesane (le han tutti) ! In altri paesi son lustri che pensano ad altro, vuoi che ci sia qualcuno in grado di pensarci? E' il paese termale che se la passa peggio in Italia (rispetto alla fama), si riecsono a chiudere attività ogni giorno, mentre salute e benessere ( oltre 10% delle presenze del paese e pari a 1,2% del PIL) nei posti ove sanno cos'è (mentre l"e dirigenze"salsesi vanno in gita a vederle a carico del contribuente) aumentano i numeri! Servono investimenti e persone qualificate, oggi non se ne vede traccia... chissa che le mote invasioni barbariche portino al dunque!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105, è morto Leone Di Lernia - VIDEO

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia