15°

Provincia-Emilia

Torna "Scuola@Bardi", la scuola per gli studenti che abitano in montagna

0

Il personale è già stato assegnato da luglio, scongiurando quindi le incertezze del passato. E le tecnologie sono al loro posto, pronte per essere sfruttate. Manca solo il “fischio” d’inizio. È tutto pronto per il nuovo anno di Scuola@Bardi, la scuola consortile decentrata realizzata a favore dei giovani dell’Alta Valceno iscritti agli istituti superiori del territorio: un progetto di rilevanza nazionale che rappresenta una sperimentazione riuscita e pressoché unica. Se infatti vi sono in Italia altre applicazioni di e-learning nella scuola dell’obbligo, quella di Scuola@Bardi rappresenta un’esperienza peculiare per le superiori. Un’esperienza di successo, proposta al Miur come buona pratica da sostenere e da prendere a modello per mantenere e irrobustire l’offerta di scuola secondaria in territori come quelli montani o insulari, che si confrontano con difficoltà di collegamenti e numeri sempre più esigui di studenti.
L’idea di fondo è infatti proprio questa: avere le lezioni della scuola superiore anche in territori decentrati, garantendo la qualità formativa agli studenti e alle famiglie ed evitando il pendolarismo per alcuni giorni la settimana. Grazie alle tecnologie multimediali e telematiche gli studenti dell’Alta Valceno iscritti al biennio delle superiori del territorio, indipendentemente dall’indirizzo scelto, seguono per tre giorni la settimana a Bardi le lezioni delle materie dell’area comune (italiano, storia, inglese, matematica, educazione fisica e religione). Nei tre giorni restanti invece vanno nelle scuole superiori frequentate, dove possono, con la loro classe, seguire le discipline specifiche del corso di studio scelto.
Il progetto è stato attivato nell’anno scolastico 2000-01 dalla Provincia in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale e diversi soggetti del territorio, tra cui le scuole, i Comuni, la Comunità Montana, il distretto scolastico. “Attraverso l’impegno di tutti i soggetti anche per il 2010-11 sarà possibile garantire ai giovani dei comuni della Val Ceno il diritto allo studio. Riteniamo di fondamentale importanza salvaguardare la qualità dell’offerta formativa dei cittadini residenti nei comuni montani come strumento utile a combattere lo spopolamento di quei territori e mantenere vitale la comunità - ha detto oggi in piazza della Pace l’assessore provinciale alle Politiche scolastiche Giuseppe Romanini, affiancato dal dirigente del Servizio Scuola Nicola Fusco -. Quest’anno finalmente abbiamo già la certezza del personale: è tutto a posto per la nuova annualità del progetto, che ormai vuole uscire dalla sperimentalità”. Circa 200 gli alunni che in questi 9 anni hanno frequentato, 21 quelli che lo faranno nel 2010-2011. “È un’iniziativa estremamente importante per Bardi e per tutta la Valceno. È una vittoria per la comunità della montagna”, ha osservato il sindaco di Bardi Giuseppe Conti, che ha sottolineato il forte gioco di squadra: “Ricordo l’impegno sinergico della Provincia, degli enti locali, del distretto scolastico, degli Uffici scolastici provinciale e regionale. Ricordo il lavoro del professor Tagliaferri, e la collaborazione dell’ingegner Andrea Pontremoli e dell’onorevole Santo Versace che hanno tenuto i contatti stetti con il governo centrale. Questo progetto è un segno importante per la montagna e un segno positivo che dà speranza anche a noi amministratori”. 
Sulle sinergie si è soffermato anche Silvano Tagliaferri, consulente della Provincia, che ha a sua volta sottolineato il livello qualitativo di Scuola@Bardi: “Noi monitoreremo gli esiti di questi 9 anni, ma ci sono segni che già rivelano che il servizio scolastico di Bardi non solo consente di evitare il pendolarismo ma è un servizio di qualità”. “Quest’anno le certezze sull’organico consentono alla scuola di procedere a un’organizzazione del lavoro che in passato era invece molto complicata – ha spiegato Margherita Rabaglia, dirigente dell’Itsos di Fornovo (scuola capofila del progetto) -. Possiamo quindi lavorare da subito per i nostri obiettivi, che cerchiamo di cogliere lavorando in rete e sfruttando la telematica per la didattica: la banda larga e altri strumenti tecnologici, ad esempio, sono fondamentali perché l’iniziativa possa camminare su gambe sempre più veloci”.

Il Progetto -  L’accordo di rete tra gli istituti superiori ha permesso di elaborare una programmazione delle materie comuni strutturata per moduli didattici dai contenuti omogenei, flessibili, rispondenti alle esigenze socio-culturali e professionali dei ragazzi (che possono frequentare indifferentemente indirizzi liceali, tecnici e professionali) ma comunque in grado di assicurare la certificazione degli apprendimenti.
Il progetto ha potuto contare fin dal suo esordio sul grande sforzo messo in campo dalla Provincia per la diffusione e l’utilizzo delle nuove tecnologie, con il supporto strategico del Laboratorio di telematica per il territorio (Ltt). Ciò ha consentito l’introduzione delle nuove tecnologie applicate alla didattica e significative esperienze di formazione a distanza.
Anche quest’anno le istituzioni, Provincia in testa, sono impegnate per la prosecuzione dell’iniziativa. In sintesi, questi gli impegni assunti: la Provincia di Parma, con un finanziamento di 35.000 euro, assicura la presenza di due tutor didattici e di un tecnico di laboratorio telematico, la gestione della piattaforma Studio On line e la manutenzione delle attrezzature informatiche; l’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna e l’Ufficio Scolastico Provinciale di Parma mettono a disposizione il personale docente; il Comune di Bardi concede i locali e ne cura la gestione; la Comunità Montana Ovest integra con 5.164,5 euro le funzioni del Comune di Bardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa