-2°

Provincia-Emilia

Caccia al pitone: viaggio fra paura e ironia - Il collezionista Sandrini: "Mi tempestano di telefonate: si temeva fosse il mio"

Caccia al pitone: viaggio fra paura e ironia - Il collezionista Sandrini: "Mi tempestano di telefonate: si temeva fosse il mio"
Ricevi gratis le news
8

di Andrea Violi

Nella zona di Cevola c'è preoccupazione per il pitone scomparso, in paese a Traversetolo fondamentalmente no. Nei bar e in piazza c'è chi è curioso, chi ci scherza su, chi si chiede perché non sia proibito possedere animali esotici e chi è preoccupato solo all'idea che un grosso pitone vaghi incontrollato. Poco importa se non è velenoso e probabilmente non si allontanerà molto da dove è fuggito.
Per la verità quello di Cevola non è il primo pitone albino che abbia preso casa a Traversetolo e dintorni. Prima di lui è arrivato un esemplare maschio lungo tre metri e mezzo, del peso di circa 20 chili. Appartiene a Marco Sandrini, appassionato che da trent'anni colleziona rettili, sia vivi sia dentro ai vasi. In paese Sandrini, 55enne, libero professionista del settore zootecnico, è conosciuto. Alla notizia della fuga di un pitone c'è chi si è allarmato. «Sono due giorni che mi tempestano di telefonate, per sapere se si tratti del mio. Ma non è così - spiega Sandrini mentre, dietro alla sua palazzina di via Fratelli Cervi maneggia con cura (e con evidente passione) il suo esemplare -. Tante persone mi hanno detto di aver avuto paura». A guardare il pitone albino avvinghiare il padrone o mentre striscia nel cortile, in effetti un po' di timore si può avere. «Partecipo ad esposizioni, parlo nelle scuole e mostro volentieri i miei serpenti perché bisogna educare al rispetto verso questi animali - spiega Sandrini -. Non ti danno affetto, anzi hanno l'istinto dell'attacco. Mi piace studiarne il comportamento. Ogni volta che cambiano pelle si trasformano. Prima di acquistarlo bisogna pensarci bene: è importante trattarli con cautela e pensare alle loro esigenze future. Il mio pitone albino era lungo 40 centimetri ma ora è 3 metri e mezzo. E' un serpente che cresce a vista d'occhio e le femmine diventano anche più grandi. Mangiao piccioni, polli, conigli... Nei giorni scorsi al mio ho dato una lepre: per circa un mese non mangerà». Per i suoi 7 serpenti (dal pitone albino a quello reale, dall'elaphe mandarina al saettone) Sandrini alleva anche topi in proprio.

Cosa fare in caso di avvistamento? «È fondamentale non andargli davanti al muso, altrimenti morde. Io una volta ho preso un morso, per colpa mia: è molto doloroso - dice Sandrini -. Il pitone albino ci vede pochissimo: sente il calore del corpo e gli odori. L'uomo non fa parte delle sue prede naturali; morsica per difesa». In caso di avvistamenti è bene non avvicinarsi e chiamare i numeri della Forestale (leggi l'articolo correlato)

Di sicuro non si avvicinerà al serpente in fuga chi, per le passeggiate, per un po' non sceglierà più le stradine ombreggiate di Cevola e dintorni. «La notizia ha avuto molta eco. Io abito a monte di Cevola - dice Roberto Spadini, gelataio - e molta gente che viene a camminare dice che in quelle zone non verrà più... Comunque dipende dalle persone. Io non ho paura: non penso che il serpente farà molta strada. Ho anche un cliente che possiede 10 vipere... C'è poi chi ne parla mostrando repulsione per i rettili». Interviene un'anziana cliente, seduta in un angolo: «A me non piacciono e, non da oggi, ho sempre paura che un serpente salga su dal water. Spero che il pitone non sarà ucciso e, in generale, penso che gli animali esotici dovrebbero poter vivere nei loro ambienti naturali, non qui. Comunque anche nella casa di riposo, fra anziani e famigliari, ci si fanno domande su questo serpente».

Niente panico, si è raccomandata la Forestale. Così è, a Traversetolo. «Gli anziani che vivono vicino a quella zona sono un po' spaventati, per il resto se ne parla, ma si sentono anche tante chiacchiere, che aumentano alla prima stupidaggine - aggiunge Alessia, tabaccaia -. Cosa ne penso io? Niente... magari che basterebbe tenere in casa un cane o un gatto!».
Già, cani e gatti. A Cevola si teme che il proprio animaletto diventi il pasto del pitone vagante, così c'è chi ha deciso di non farli stare più in cortile. Lo rivela Elisabetta Ferrari, che come edicolante ha un po' il polso dei commenti della gente. Si sente un po' di tutto: «C'è chi ha paura e anche chi critica il fatto di tenere in casa un rettile di tre metri - spiega la Ferrari -. In generale, questa notizia porta un po' di curiosità, fa parlare...». E un anziano: «Stamattina in farmacia ne parlavano come di una curiosità, non c'è paura. L'hanno detto che non è velenoso...».

Andiamo in piazza, al bar Caffelatte e al Jolly. I bar sono un porto di mare, questa notizia sarà sulla bocca di tutti... Invece qui sembrano altri gli argomenti di largo interesse. «La gente dice che andrebbe preso prima possibile, perché è pericoloso, specie per i bambini.... E poco altro - dice Luca Musi del “Jolly Bar” -. D'altronde a Traversetolo c'è gente che ha rettili da una vita e nessuno si è mai scandalizzato. Ecco... fra la gente c'è chi si meraviglia che il proprietario se lo sia lasciato sfuggire». Ale e Piero del “Caffelatte” confermano una certa freddezza: «Qualche battuta, ma non tanti commenti fra i clienti - dice Piero -. Spero che al serpente non venga fatto del male». Piero invita amichevolmente tre uomini a rilasciare qualche dichiarazione... Ma solo uno degli avventori è interessato all'argomento. Conosce il proprietario del pitone fuggito e ne conferma la passione per questo genere di animali. «Se trovo il pitone, lo facciamo a fettine e lo mettiamo sulla griglia!», dice qualcuno. Ma in fondo è solo uno scherzo...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • adriano

    14 Agosto @ 10.25

    almeno vive libero.

    Rispondi

  • LUCA

    13 Agosto @ 20.26

    il pitone è stato assunto dagli spacciatori: http://www.lastampa.it/multimedia/multimedia.asp?IDalbum=28746

    Rispondi

  • Mauro

    13 Agosto @ 20.07

    Bisogna vietare la vendita di questi animali esotici e non e lasciarli nel loro habitat , ma che senso ha tenere in casa animali simili, pitoni, boa, pappagalli, scimmie ecc.ecc. e solo sofferenza, ma dove sono gli animalisti.

    Rispondi

    • enrico

      20 Dicembre @ 15.49

      proviamo amettere un rettile nato in cattivita libero nel suo habitat e scommettiamo che non campa una settimana ! sono tutti rettili nati in cattivita quelli in commercio e non prelevati,sono nati tra l'uomo e hanno bisogno di lui ! proviamo a mettere un cagnolino nel suo antico habitta dove vive il lupo adesso e vediamo che succede.....se non sapete non commenttae,dimostrate di essere ignoranti ! da :allevatore di rettili appassionato

      Rispondi

  • sabcarrera

    13 Agosto @ 17.51

    Niente panico francesco, quando è incazzato scrive alla Gazzetta

    Rispondi

  • ANTONIO

    13 Agosto @ 16.54

    ...una vita da pitone .... a traversetolo!!! ma ci rendiamo conto quanto sarà incazzato questo animale esotico, ma ci rendiamo conto della stupidità ed egoismo dell'essere umano. Fossi io il pitone mi sarei mangiato il mio simpatico padrone altro che lepri...

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Finardi, una grande voce e un immenso cuore al Regio Foto

confartigianato

Finardi, una grande voce e un immenso cuore al Regio Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

PARMA 2020

«Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

fidenza

Con una borsa modificata ruba vestiti per 6mila euro all'outlet: arrestato

1commento

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

15commenti

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

INTERVISTA

Pizzarotti e Guerra: «Ora siamo un modello»

10commenti

serie b

Parma, confronto tra giocatori, staff e proprietà: al momento D'Aversa resta Video

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

1commento

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

OAXACA

Ancora terremoto in Messico: scossa di magnitudo 5.9 nel sud

reggio emilia

Gli propone sesso ma gli ruba il finto Rolex: denunciata 25enne

SPORT

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa