-2°

Provincia-Emilia

Boretto: coppia di anziani senza vita. Omicidio-suicidio: la donna ha ucciso il marito con una iniezione e poi si è impiccata

2

BORETTO (REGGIO EMILIA), 18 AGO – I corpi di due anziani – un uomo di 77 anni riverso a terra, la moglie di 70 anni impiccata – sono stati trovati dai carabinieri in un’ abitazione di Boretto, sulla sponda reggiana del Po. L'ipotesi al vaglio dei militari della Compagnia di Guastalla è quella di omicidio-suicidio. Il decesso potrebbe essere avvenuto nella tarda serata di ieri.

I corpi sono stati scoperti poco prima delle 11 di questa mattina; i carabinieri sono intervenuti su richiesta di un vicino che, a quanto risulta, aveva visto i corpi. Sul posto si è recato anche il sostituto procuratore di Reggio Emilia Valentina Salvi.

LA RICOSTRUZIONE - Era da tempo in uno stato di forte depressione per i problemi economici della famiglia, secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri, Albina Vecchi, 71 anni, più conosciuta a Boretto con il nome di 'Loredana'.. L’anziana avrebbe somministrato un’iniezione letale al marito Massimo Pecchini, 77 anni, per poi togliersi la vita impiccandosi con un cavo elettrico al sostegno delle tende della sala da pranzo.
Una vicina, che questa mattina si era recata alla palazzina di via Fermi dove abitavano i coniugi per chiedere di prendere alcuni ortaggi dal loro orto, ha notato il cadavere d i'Loredana' penzolare dietro le tende e ha chiamato i soccorsi.La tragedia è avvenuta nella sala da pranzo, probabilmente ieri sera. Il cadavere di Massimo Pecchini era riverso a terra.L'uomo, dopo il malore mortale, era caduto dalla sedia. La moglie potrebbe avergli somministrato l’iniezione facendogli credere che il farmaco era il consueto antidolorifico, mentre si sarebbe invece trattato di un cocktail di farmaci risultato letale. La parola definitiva spetta ora al medico legale. Poco lontano dal cadavere dell’uomo i carabinieri avrebbero recuperato la siringa servita per l’iniezione. Sul pavimento della sala c'era sangue, che i carabinieri hanno poi accertato provenire dal contenuto del freezer di casa rimasto senza corrente per un black out elettrico.
Albina Vecchi ha lasciato una lettera alla figlia Patrizia,che abita a Novellara, in cui ha annunciato quanto stava per fare. La giovane è giunta alla casa di Boretto intorno a mezzogiorno, in preda alla disperazione. I corpi dei coniugi sono stati composti all’obitorio del cimitero  reggiano,

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • maria

    19 Agosto @ 09.22

    Aggiungo all'ottimo commento di roberta un mio commento personale che ESULA dal fatto accaduto a Boretto di cui non conosco vittime e circostanze ma che è di carattere generale. Non è vero che non ci si accorge quando una persona è depressa...I famigliari o coloro che sono vicini a queste persone lo capiscono benissimo! Il fatto è che si sottovaluta la malattia. Vuoi per l'incapacità effettiva di aiutare queste persone o perchè la si considera una "non malattia" che prima o poi passerà!!! Ma i segnali ci sono e le persone depresse li lanciano ...anche se sembra che non vogliano farsi aiutare.

    Rispondi

  • ROBERTA

    18 Agosto @ 19.45

    un appello a tutti coloro che possono fare qualcosa : curate le persone affette dalla depresione perche sono veramente persone che hanno bisogno di essere riconosciute come malate non come immaginarie.grazie

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

8commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

11commenti

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

14commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Parmense

Breve blackout a Salsomaggiore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017