10°

20°

Provincia-Emilia

Siluri nel Po: tutti a caccia dei nuovi mostri di Lochness

Siluri nel Po: tutti a caccia dei nuovi mostri di Lochness
4

 Paolo Panni

Potrebbe essere definita la «siluro mania» quella che riguarda un numero sempre crescente di uomini e donne, che vanno a «caccia» di pesce siluro. Capacissimo di superare il quintale e di raggiungere quindi dimensioni notevoli si tratta di un ospite fisso, ormai da anni, delle acque del Po. In molti Paesi europei, le sue carni sono considerate di gran pregio. In Italia, come specialità gastronomica non è certo di moda, ma sono comunque in tanti a pescarlo, praticando per lo più il cosiddetto «catch & release», una filosofia di pesca per la quale non si uccide il pesce pescato, qualsiasi sia la tecnica di pesca utilizzata, ma si rilancia in acqua.
 Al grande pesce che occupa stabilmente le acque del Po è dedicata anche un’associazione, il Gruppo Siluro Italia che vanta diversi aderenti anche nel Parmense ed è attivo da anni. Oggi il Gruppo Siluro Italia rappresenta il punto di riferimento nazionale, sia per le più alte competenze tecniche di divulgazione e informazione sulla pesca al siluro, e sia per tutte le attività di tutela ambientale che gravitano attorno al moderno Cat Fisherman. C'è anche chi della pesca al siluro ne ha fatto un’attività lavorativa. 
E’ il caso di Vitaliano Daolio che a Motta Baluffi  è alla guida del Po Fishing Center, noleggiando imbarcazioni e organizzando, in qualità di guida ambientale e pescatore professionista, stage di pesca al siluro sul Po. «E' un attività che mi consente di sopravvivere - dice Daolio - ma se in questo Paese le regole fossero diverse sarebbe un ottimo sbocco lavorativo per tanti giovani, e di questi tempi non è poco. Purtroppo però, se partiamo da Polesine e arriviamo fino al delta, sfido chiunque a trovarmi un pescaturismo in regola. Quelli che ci sono - attacca - sono per lo più abusivi e gestiti da stranieri». E c'è poi chi occupa il proprio tempo libero dedicandosi alla pesca al siluro. «La passione - racconta Alessandro Brozzi di Mezzani - è nata una decina di anni fa da un gruppo di amici appassionati di pesca. Per catturare il siluro - spiega - esistono molte tecniche: la pesca con il Clonk e la pesca a fondo da riva sono le più usate». E smentisce qualsiasi «leggenda» riguardante la pericolosità del siluro verso l’uomo dicendo «siamo più pericolosi noi per lui e altre specie di pesci visto che le acque d’Italia e di tutta Europa stanno radicalmente cambiando, questo soprattutto grazie all’immissione incontrollata di sostanze inquinanti». Altro esperto pescatore di siluri è Fabio Pezzini di Polesine. «La passione per la pesca al siluro - dice - non è nata così per caso. Essendo pescatore da sempre e essendo, la pesca, nella mia famiglia, una cosa che si tramanda di generazione in generazione. Poi però con l’acqua così inquinata non si è potuto più usare il pesce come alimento e allora anni fa decisi di liberare il pescato.  Il numero di siluri nel nostro fiume - aggiunge - è considerevole, ma il dato più impressionante è la loro dimensione che sta crescendo a dismisura, non è difficile ormai catturare esemplari sui 100 kg, e non è impossibile imbattersi su esemplari ancora maggiori. Il siluro allo stato attuale - prosegue - non è pericoloso per l’uomo, non si sono verificati episodi pericolosi o strani. Ricordiamoci però che è un pesce non piccolo e in continua evoluzione, per cui quello che sarà, ora non si sa».
 L’eventuale pericolosità di questo pesce è sempre stata presa in considerazione. Ma a smentire qualsiasi pericolo è di nuovo Vitaliano Daolio. In giro di «leggende» legate all’aggressività del siluro ne ha sentite tante. «Io - scherza - le chiamo leggende a denominazione di origine controllata, quelle che nascono dopo il terzo, fresco e spumeggiante bicchiere di lambrusco, una vera scienza da bar che potrebbe essere sfruttata a fini turistici, come a Loochness in Scozia dove hanno creato un’economia che vive e prospera grazie alla leggenda del mostro che è stato filmato e fotografato in maniera molto discutibile. Noi che abitiamo e lavoriamo sul grande fiume - conclude - proporremo una campagna pubblicitaria con lo slogan un Po di Lochness, sperando di avere la stessa fortuna».                 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • dario

    18 Maggio @ 22.30

    Cominciamo a ripulire il grande fiume,basta finti depuratori,scarichi abusivi di ogni tipo,facciamo in modo che il pesce ripopoli le lanche,vero bacino di frega per i nostri pesci!!Facciamo le scale di monta negli sbarramenti,tutto questo ci riportera' la nostra fauna!!non usiamo sempre il siluro come il male di tutto!!!

    Rispondi

  • marco

    27 Agosto @ 19.48

    Effettivamente è piuttosto gnocco ributtare in acqua una specie non a rischio di estinzione ma che causa solo danni e impoverisce la fauna locale. Discorso simile per il gambero americano e le nutrie (che distruggono gli argini).

    Rispondi

  • Gianluca

    27 Agosto @ 12.51

    TROVA L'INCONGRUENZA: se una persona viene tenuta con la testa sotto acqua per un pò di tempo (senza ami in bocca), tirata su e rimessa giù è tortura... un pesce (con un sistema nervoso molto avanzato e quindi sente il dolore...) che viene arpionato, strattonato tirato su e buttato in acqua di nuovo è sport.....

    Rispondi

  • Antero

    27 Agosto @ 11.56

    La Legge regionale 11/93 che regola la pesca sportiva in Italia, vieta la reimmissione in acqua delle spcie alloctone pescate. Il siluro è una specie proveniente dall'est europa e si nutre di tutte le specie pregiate tipiche delle nostre acque, barbi, cavedani, lasche ecc. Rimetterlo in acqua come fanno tutti questo cosiddetti "sportivi" non è un atto di carità verso il pesce ma un atto di complicità illegale verso la natura dei nostri fiumi. Facendo così non vedremo mai più la fauna ittica autoctone del bacino del Po.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Gazzareporter

Strada Beneceto: raccolta... poco "differenziata"

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport