13°

20°

Provincia-Emilia

Dai Lagoni al «cuore» della terra delle acque

Ricevi gratis le news
0

 Andrea Greci

Il piccolo angolo di Appennino parmense compreso tra i Lagoni, il crinale del Monte Matto e  il corso del torrente Parma di Badignana, presenta una straordinaria densità di bacini lacustri ed aree umide, tracce glaciali e magnifici panorami, che rendono un’escursione in questa zona un continuo e spettacolare viaggio alla scoperta della natura appenninica.
 Tra «marmitte» e torbiera
Lasciata l’auto in prossimità del Rifugio  Lagoni, proprio sulle sponde del Lago Gemini Inferiore (1342 m), si seguono, a destra, le indicazioni per le Capanne del Lago Scuro (cartelli). Imboccando il comodo sentiero 711, si costeggia la sponda occidentale del lago, già immersi in un meraviglioso contesto paesaggistico. Penetrando nella faggeta si guadagna progressivamente quota fino a raggiungere senza difficoltà le «marmitte dei Lagoni», pietre lisciate dall’attività glaciale che regalano una bella vista sui sottostanti specchi d’acqua. 
Proseguendo lungo il sentiero si incontra subito dopo una piccola torbiera chiusa dai profili della Rocca Pumaccioletto e della Rocca Pumacciolo. Oltrepassata la torbiera, in pochi minuti si raggiunge il bivio con il sentiero 715, che permette di raggiungere il Lago Scuro e il Passo di Fugicchia. Assolutamente consigliata è una digressione di pochi minuti per raggiungere il piccolo lago, sovrastato dal Monte Scala.
La «conta» dei laghi
 Proseguendo in direzione del Monte Paitino (cartelli), si raggiunge la splendida area umida che ospita le Capanne del Lago Scuro (1536 m, 45 minuti). Assecondando le indicazioni, si lascia a sinistra il sentiero che prosegue verso il Lago Verde e si mantiene la destra in direzione del Monte Paitino (segnavia 713). Lambendo le capanne, si punta alla base della bastionata rocciosa che chiude la piccola conca erbosa. Seguendo i segni di vernice bianca e rossa si compie un breve tratto di ripida salita che permette in breve tempo di giungere ad un affascinante e stretto vallone chiuso da piccole ma verticali falesie rocciose.
Lo spettacolo della neve
 Poco dopo l’ingresso in questo piccola conca allungata, si incontra un sasso verticale con un segno di vernice, che in qualche modo indica l’imbocco della «Buca della Neve», stretta e profonda fessura tra le rocce ben visibile sulla destra del sentiero. In questa fenditura naturale, contraddistinta da un particolare microclima, la neve si può conservare anche per tutto l’anno. 
Risalendo lo stretto vallone si giunge senza difficoltà a breve distanza di caratteristici gendarmi rocciosi che caratterizzano il settore di crinale compreso tra il Monte Paitino e il Monte Matto. Seguendo ora il tracciato del sentiero 00 si volta decisamente a destra in direzione del Monte Matto. Compiendo un facile traverso sotto le rocce si giunge ad un dosso erboso, da dove, in condizioni di buona visibilità, si iniziano a scorgere a sud le valli della Lunigiana, il Golfo di La Spezia, le isole toscane e la Corsica.
 Il Monte Matto e i mirtilleti
Percorrendo un’ampia e facile dorsale si giunge alla cima del Monte Matto (1837 m, 1 ora e 45 minuti), caratterizzata da un ammasso di grandi rocce. Dalla vetta si dominano con lo sguardo i versanti toscani e il Mar Ligure e si possono ammirare gli scoscesi versanti meridionali delle cime parmensi. Dalla sommità del Monte Matto si inizia a scendere tra ampi campi di mirtilli verso il sottostante Lago del Bicchiere (segnavia 717). Senza difficoltà si raggiunge il lago (1725 m), piccolo ma affascinante specchio d’acqua dal colore cristallino e inserito in un contesto ambientale spettacolare. Seguendo i cartelli si scende ancora fino a raggiungere il Passo di Fugicchia (1675 m), piccola sella da dove si può ammirare il versante meridionale del Monte Scala, che da questa visuale si presenta come una piccola piramide rocciosa. Come accennato precedentemente, il Passo di Fugicchia è raggiungibile direttamente anche dal bivio che precede le Capanne del Lago Scuro. Dal passo si piega ora a sinistra in direzione delle Capanne di Badignana (segnavia 715, cartelli).
 Fontane e antiche pietre
 Una serie di comode svolte permette di raggiungere la sottostante conca erbosa della Fontana del Vescovo, sorgente che si trova al centro di questo piccolo catino chiuso tra l’antecima del Monte Matto, il Passo di Fugicchia e il Passo di Badignana. Tralasciando il sentiero che raggiunge quest’ultima sella (segnavia 715a), si mantiene il segnavia 715 (cartelli sempre presenti) e si perde  dolcemente quota verso la sottostante Piana delle Antiche Pietre, godendo di una bellissima vista sul versante occidentale del Monte Scala. Raggiunta la piana, bellissimo esempio di area umida, si possono notare i grandi ammassi di pietre che gli antichi pastori hanno raccolto lungo tutto il vallone per liberare grandi spazi erbosi destinati al pascolo. Le pietre erano poi usate anche per costruire ricoveri temporanei per gli stessi pastori. 
Entrati nel bosco, ci si lascia alle spalle il vallone e in pochi minuti si raggiunge il bivio per le Capanne di Badignana. Tralasciata per il momento la sterrata che scende a destra verso la strada dei Lagoni, si compie una brevissima deviazione per raggiungere le capanne (1479 m, 2 ore e 30 minuti), che sorgono al centro di un’altra magnifica area umida, dominata a ovest dalla Roccabiasca e a est dal Monte Scala. Dopo una riposante sosta in prossimità delle capanne, si ritorna all’imbocco della mulattiera forestale che costeggia il corso del Torrente Parma di Badignana (cartelli). Attraversando una bella faggeta e osservando le piccole rapide formate dal torrente durante la sua discesa verso valle, si raggiunge senza alcuna difficoltà il tracciato della strada sterrata dei Lagoni. Voltando a destra si percorre un breve tratto della stessa ritornando in questo modo al punto di partenza (3 ore e 30 minuti).  
 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

La Bugatti guidata da Juan Pablo Montoya da 0 a 400 Km/h a 0 in  42"

AUTO

Bugatti Chiron: da 0 a 400 km/h a 0 in 42 secondi

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Spaghetti settembrini

LA RICETTA 

Gli "Spaghetti settembrini" della Peppa

Lealtrenotizie

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

9commenti

incidente

86enne in bici urtato da un'auto in via Baganza: è grave

tg parma

Furgone come ariete: spaccata alla Moto Ducati di Pilastrello

OPERAZIONE

Milioni nascosti al Fisco, indagato anche il patron del Palermo Zamparini

Ritratto

Wally Bonvicini, l'imprenditrice che voleva fare il sindaco

Paladina dei diritti dei cittadini nella lotta contro la banche ed Equitalia, ma anche candidata alla poltrona di primo cittadino

6commenti

viabilità

Grosso ramo caduto in strada: chiusa per un'ora via Gramsci

1commento

Ponte chiuso

La sindaca di Colorno: «Un ponte di barche per le auto»

1commento

serie b

Parma-Empoli: dalle 17.30 «isola analcolica» e stop alle lattine

Dalle 20.30 la cronaca in diretta sul sito

1commento

Piazzale Maestri

Antiterrorismo «fai da te»: gli ambulanti si organizzano

1commento

Lutto

Addio a Pierino, il barista del Parco Ducale

1commento

MALTEMPO

Strada Naviglio Alto in versione lago

ieri sera

Black-out per un guasto nella zona Nord di Parma

3commenti

fotografia

L'affascinante spettacolo catturato dai parmigiani cacciatori di tornado Gallery

Borgotaro

C'erano una volta i «diavoli rossi»

SISSA

Pescando in Taro con il bilancione

Onorificenze

Salva una donna da un incendio: premiato in Provincia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

catania

Dottoressa della guardia medica violentata in ambulatorio: arrestato un 26enne

Birmania

Suu Kyi: "Più della metà dei villaggi Rohingya non colpiti da violenze"

2commenti

SPORT

parma calcio

Le pagelle in dialetto parmigiano

calcio

Rooney ubriaco alla guida, patente ritirata 2 anni

SOCIETA'

agroalimentare

«Caseifici aperti»: ecco dove andare nel Parmense

sant'andrea bagni

Le nozze del vicesindaco di Medesano

MOTORI

IL TEST

Nuova Polo: ecco come va la sesta generazione

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...