-4°

Provincia-Emilia

L'"impresa" di Galli e Corbellini: in bici da Zibello ad Amsterdam

L'"impresa" di Galli e Corbellini: in bici da Zibello ad Amsterdam
0

Paolo Panni
Da Zibello ad Amsterdam in mountain bike, in 17 giorni, percorrendo 1735 chilometri. Questa la nuova, straordinaria impresa compiuta da Giuseppe Galli e Marco Corbellini, entrambi di Zibello.
I due non sono nuovi a imprese di questo questo genere. Lo scorso anno, da Zibello, sempre in sella alle loro inseparabili mountain bike, avevano raggiunto Vienna. L’anno prima, in solitudine, Giuseppe Galli era invece arrivato a Saint Tropez. Questa volta, insieme, hanno puntato ancora più in là, raggiungendo Amsterdam attraverso cinque Paesi (Italia, Svizzera, Francia, Austria e Germania).
Lo hanno fatto seguendo il motto «Pedala che ti passa»: coniato già in occasione del viaggio a Vienna e stampato sulle magliette ufficiali con cui hanno «celebrato questa esperienza». Un motto fortemente voluto per dare un messaggio a tutti, soprattutto ai giovani:  per affrontare la vita in modo positivo, scegliendo lo sport come occasione per affrontare e superare le difficoltà della vita.
Ai due cicloturisti della Bassa si sono aggregati, per questa incredibile vacanza, due amici della vicina Lombardia: Franco Arca di San Colombano al Lambro e Ugo Mazzucco di Novate Milanese. Si sono conosciuti grazie proprio a questa loro passione per il cicloturismo e hanno deciso di condividere questa esperienza indimenticabile.
Sono passati dapprima a Colico, sul lago di Lecco, poi hanno affrontato il Passo Spluga, a 1857 metri. Una delle faticacce maggiori. «Basti pensare che ci sono 30 chilometri di salite che non scendono mai sotto il 10 per cento. E’ un valico davvero impegnativo». Superato lo Spluga sono giunti a Chur, in Svizzera,  e quindi sul lago di Costanza, a Scaffausen, in Germania, Poi hanno attraversato Basilea e Strasburgo,  quindi sono ripassati di nuovo in Germania toccando Karlshrue, Worms, Mainz, Koblenz, Bonn, Colonia, Dusseldorf, Duisburg. Infine sono giunti in Olanda:  a Nijmengen, a Rotterdam e infine sul «traguardo» di Amsterdam.
 Hanno percorso un centinaio di chilometri al giorno, ad una media di 20 chilometri orari, affrontando spesso giornate uggiose, «armati» di dettagliate cartine e carichi dei loro bagagli che trasportavano in carrelli appendice.
Hanno quasi sempre dormito in tenda, ospiti dei diversi campeggi che trovavano lungo il percorso. E, come era già accaduto per il viaggio a Vienna, hanno potuto constatare che in altri Paesi il cicloturismo è molto più praticato che in Italia, grazie anche a piste ciclabili meglio organizzate.
«Di là - hanno detto - c'è il "mondo" che va in bicicletta. Si incontrano di frequente intere famiglie che si spostano così, anche coi bambini, ognuno col proprio bagaglio. C'è grande rispetto reciproco fra cicloturisti, pedoni e automobilisti, mentre qui in Italia questo rispetto non esiste. Di là ognuno ha i suoi spazi, e la viabilità è concepita molto bene, con piste ben organizzate sia per chi va in bicicletta sia per chi si sposta a piedi.»
Il viaggio è stato molto bello ma anche e chiaramente impegnativo. «Per affrontare un’esperienza di questo tipo occorre essere preparati ed allenati. Spostandosi in bicicletta  abbiamo potuto godere meglio i magnifici paesaggi che abbiamo incontrato lungo il percorso. A livello turistico - hanno ammesso - Amsterdam lascia però molto a desiderare, e Rotterdam è ancora peggio».
Il ritorno, dopo aver pedalato per oltre 1700 km lo hanno affrontato in treno, pensando già ad una nuova impresa da realizzare nel 2011.
«Siamo indecisi - hanno rivelato - fra due progetti. Uno è quello di raggiungere Copenaghen e l’altro, invece, è quello di arrivare invece a Barcellona. Avremo tempo per decidere e - scherzano - dipenderà essenzialmente dalla volontà di prendere freddo o meno».
E intanto il sogno di Galli, che a Zibello è anche consigliere comunale, con delega ovviamente allo sport, è quello di avvicinare un numero sempre più consistente di persone, giovani e non, alla passione per la bici, come occasione per trascorrere in modo nuovo, e bello, il tempo libero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

DATI

Collecchio, boom di nascite

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

25commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Cinque estratti vivi, cinque ancora da salvare: i soccorsi continuano nella notte

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery