Provincia-Emilia

Sorpresi a smontare pannelli solari in un cantiere, si giustificano: "Servivano per un esperimento"

Sorpresi a smontare pannelli solari in un cantiere, si giustificano: "Servivano per un esperimento"
Ricevi gratis le news
4

Due giovani sono stati sorpresi dai carabinieri di Sant’Ilario d’Enza a fare man bassa di pannelli fotovoltaici. E ai militari che li hanno sorpresi, hanno riferito di voler fare soltanto un esperimento scientifico. I carabinieri però sospettano che la reale intenzione dei due fosse quella di rivendere i pannelli, dopo l'eventuale furto. Gli accertamenti su questo aspetto proseguono. Intanto però sono finiti in carcere, con l‘accusa di tentato furto aggravato, un operaio 22enne e un 20enne disoccupato, entrambi residenti a Gattatico.
Tutto è accaduto nella notte, attorno a mezzanotte e quaranta. Una pattuglia dei carabinieri di Sant’Ilario d’Enza è stata allertata dalla centrale del 112 di Reggio Emilia: nei pressi della nuova via Emilia Bis era stato segnalato un allarme antintrusione nel cantiere di un impianto fotovoltaico in via di installazione. Giunti sul posto, i militari notavano la presenza di un furgone fermo nel cantiere. A ridosso del mezzo i carabinieri hanno bloccato il 20enne di Gattatico (il furgone è risultato intestato a suo padre, ndr): il giovane era intento a nascondere nel canale adiacente due pannelli fotovoltaici rimossi poco prima dai relativi supporti. Lo stesso giovane, non potendo negare l’evidenza, ha deciso subito di collaborare, ammettendo la sua intenzione di portare via i pannelli solari. Lo scopo però era quello di di effettuare degli esperimenti, secondo la versione del giovane.
Durante l'intervento della pattuglia, alla vista dei carabinieri l'amico del 20enne è fuggito attraverso i campi in direzione di Taneto ma è stato individuato in un campo adiacente al sottopasso ferroviario che congiunge Taneto con Sant’Ilario. Il giovane, raggiunto e bloccato, dopo un’iniziale reticenza ha ammesso le proprie responsabilità, sostenendo anche lui che il furto era stato organizzato per effettuare degli esperimenti.
Il successivo sopralluogo eseguito nell’area del cantiere oggetto del raid furtivo consentiva di appurare  che dalla prima fila dell’impianto fotovoltaico erano stati prelevati 5 pannelli solari, dopo essere stati scollegati dal cavo di alimentazione danneggiando i cavi di collegamento (spinotti ad innesto), due dei quali in procinto di essere caricati sul mezzo. I due giovani, entrambi incensurati, sono stati portati in caserma e arrestati per tentato furto aggravato.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianfranco ferrari

    15 Settembre @ 19.40

    Fategli sperimentare un bel pò di carcere!

    Rispondi

  • stefano

    15 Settembre @ 18.52

    non serve e nulla rubarli... se si installano per le procedure connesse agli incentivi degli impianti fotovoltaici al GSE (che eroga gli incentivi) occorre comunicare i numeri di serie e quindi si accorgerebbero subito che sono stati rubati risalendo pure al "ricettarore"

    Rispondi

  • giovanni fusco

    15 Settembre @ 18.16

    Ma il processo glielo fanno?

    Rispondi

  • franco

    15 Settembre @ 18.08

    COME I ROMENI E I ROM!!!!!!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene,la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

parmense

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

3commenti

maltempo

Emergenza elettricità: 8mila utenze isolate nel parmense

1commento

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

6commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

26commenti

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno  

1commento

ITALIA/MONDO

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

sudafrica

Rissa in carcere, ferito Pistorius

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

fidenza

Coduro, 25 mici a rischio sfratto

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole