Provincia-Emilia

Madregolo: Tanto verde e auto in colonna

Madregolo: Tanto verde e auto in colonna
1

Margherita Portelli

A lato della chiesa - una pieve romanica risalente al 1634 - sono state posate figure simboleggianti i pellegrini che, percorrendo la via Francigena, guadavano il fiume Taro in quel punto e trovavano riparo presso l’antica Pieve. Dei pellegrini, oggi, non c'è più l’ombra. Al loro posto - per le strade della frazione che si sviluppa tra Parma e Collecchio - un via vai continuo di automobili e mezzi pesanti che si spostano sull'asfalto con impazienza. Il traffico, il traffico, il traffico. E’ questo il problema di Madregolo. Una maledizione che, però, attanaglia molti paesi, come sostiene Silvia Rinaldi: «Sì il problema c'è, ma è un problema che hanno tutte le frazioni che si sviluppano su una strada provinciale. In fondo si sta bene». Non tutti, però, la prendono con tanta filosofia. La maggior parte della gente, a Madregolo, mette sul banco degli imputanti un solo e unico colpevole: quel semaforo al centro del paese che dovrebbe far rallentare i mezzi e invece peggiora la situazione. «Non serve a niente, perché molte macchine non rallentano e passano anche con il rosso - spiega Roberto Boldori -, e comunque si creano intasamenti e inquinamento». La consulta frazionale, ci dicono, si sta occupando da parecchio tempo del problema, che però persiste. Il semaforo diviene rosso se si supera una certa velocità, ma molti sapendo questo, non si fermano neanche. Risultato? «Si crea molto pericolo» spiega Federica Pelagatti, del bar trattoria Roma. Infatti il semaforo è anche a chiamata, per l’attraversamento pedonale, e se gli automobilisti non si fermano, anziani e bambini rischiano di essere investiti. «Non serve proprio a nulla» rincara Lucia Bertozzi, che a 94 anni è ancora in cortile a rassettare.

Parlando qua e là con i residenti, tutti si dicono soddisfatti di molti aspetti del paese: il Circolo Anspi Primavera, i numerosi parchetti per bambini e, soprattutto, la tranquillità di una fetta di campagna a cavallo tra due centri urbani che mantiene il fascino antico di paese. «Io qui mi trovo benissimo - racconta entusiasta Ismanda Daviddi -, il paese è piccolo, tranquillo e ci si conosce tutti». Per alcuni, però, i problemi ci sono. «A cominciare dai marciapiedi, che andrebbero sistemati» dichiara Luciana Guatteri; «Poi manca praticamente tutto - aggiunge Emanuele Leo -, non c'è un bancomat, non c'è la posta, per fare la spesa bisogna spostarsi a Collecchio. E il servizio autobus non è un granché».  Massimo Chierici, che frequenta il paese anche se non ci abita più da ormai trent'anni, conferma: «In effetti ora la popolazione è aumentata e molte attività sono sparite: una volta c'erano diversi negozi che ora non ci sono più». Secondo Salvatore Arca ci vorrebbe almeno una farmacia per gli anziani, e Eros Scasciamacchia sottolinea che per i giovani le alternative non sono tante: «In effetti per fare qualcosa bisogna spostarsi o a Parma o a Collecchio, con il risultato che il paese si svuota - dichiara - . Si potrebbe fare qualcosa di più, ma in fondo non mi lamento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • reduce

    24 Settembre @ 04.08

    Madregolo tanto verde (proprieta' private che la civilta' e la legge vuole inacessibili ai non proprietari quindi ne rimane ma non poi cosi' tanto) tanti cani dai poco molto poco civili proprietari ( a Madregolo e' il ben godi del senza museruola senza guinzaglio e c.g.ta libera) per fortuna non si fanno molte processioni a piedi dalla tanto suggestiva pieve al cimitero, del manco so' che c'e' il crai a Madregolo vedi un intervento in articolo e si' del tanto traffico. La realta' e' che e' una bellissima piccola frazione dormitorio come tante altre dove i nuovi indigeni mantengono le abitudini che avevano prima di approdarvi, quindi fanno la spesa dove la facevano prima ( e nenche si accorgono che c'e' un punto vendita discretamente rifornito che fa' anche le consegne a domicilio) e che ha (Madregolo ndr) il secolare problema del traffico. Trovandosi sulla principale arteria che collega Via Spezia alla Via Emilia e viceversa. Ora stanno pure facendo un'inutilissima rotonda (non ho capito che fine fara' l'edicoletta votiva a ingesso paese). Per baipassare il paese le soluzioni le hanno ma le competenze quindi le spese se le palleggiano comune e provincia. Basterebbe potenziare Via Peschiera strada Mulattiera di mezzo fino a stada Castellarso che il paese verrebbe baipassato. Aria fritta come al solito. Gli automobilisti e i camionisti imparino per ora a spegnere i mezzi a semaforo rosso sicuramente risparmierebbero ai residenti un po' di maleodoranti zaffate.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

1commento

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

13commenti

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

4commenti

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

1commento

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)