12°

Provincia-Emilia

L'omicida di Carpi si è ispirato alla fiction sui Ris

1

Alla madre ha forse chiuso la bocca con una mano per non farla gridare mentre le stringeva il collo con una corda. Poi, Daniele Bellarosa ha legato e "impacchettato" i cadaveri degli anziani genitori per rendere più comodo il loro trasporto in auto da Carpi a Peschiera del Garda per buttarli nel lago.

Un duplice omicidio - per soldi o per dissapori legati alla malattia del padre Enzo, forse per entrambi i motivi - maturato all’ora di pranzo di venerdì scorso nel garage di casa Bellarosa. Un delitto di cui il figlio credeva di aver fatto sparire per sempre ogni traccia come se fosse una fiction: prima avvolgendo la testa delle vittime in sacchetti per evitare che le bave dalla loro bocca finissero sul pavimento e lasciassero tracce; poi, costruendo delle "bare" di cartone destinate a finire sul fondo oscuro del Garda.

Tecniche che in modo rozzo e inverosimile si richiamavano alle tante serie tv di cui l’omicida si nutriva, senza ricordare che nei film i criminali vengono sempre scoperti; una messinscena che si è sciolta come neve di fronte ai sistemi e alle tecnologie investigative usate dai carabinieri. Una targhetta sulla maglia indossata dalla donna - Francesca Benetti, di 76 anni, originaria della Basa reggiana - incrociata con il recupero, nel reggiseno della vittima assieme a cento euro, di uno scontrino sbiadito di una farmacia, rilasciato quattro anni fa, li ha condotti fino a Carpi ad aspettare il ritorno di Daniele dalla spesa. Forse si è ispirato alla fiction tv "Ris-Delitti imperfetti", ma «i Ris se li è trovati in casa - ha commentato con soddisfazione il capitano Francesco Milardi, della sezione scientifica dei carabinieri di Verona -. Non è stato facile, ma ci siamo riusciti».

Dopo il ritrovamento domenica sera del corpo di un uomo e una decina di ore dopo di una donna, entrambi legati, nel veronese si erano in un lampo aperti possibili scenari di regolamenti di conti, di criminalità organizzata in odore di mafia; ma fin da subito le indagini si sono indirizzate verso l’ambito domestico. Si trattava solo di sapere chi erano le vittime e poi il "giallo del lago" avrebbe preso l’indirizzo giusto. E la traccia dello scontrino e della maglietta - come è stato spiegato oggi - è stata fondamentale. La zona dove cercare era attorno a Carpi. Lì c'era la farmacia; là la ditta per cui era stato fatto l'indumento 6-7 anni fa. Oltre 700 i dipendenti, tra cui l'omicida; ma l’incrocio con l’anagrafe comunale ha aperto la via dell’identificazione delle vittime. A permettere di sciogliere il nodo di un delitto «efferato che ci ha preoccupato moltissimo», ha detto il comandante provinciale scaligero dell’Arma, col. Paolo Edera.

Raccolti i tratti salienti sul presunto assassino - il fatto che ha sofferto di crisi depressive, l’uso pare di psicofarmaci, l'esasperazione a tratti violenta verso i genitori, specie la madre che lo faceva arrabbiare - saputo che in casa aveva un fucile da caccia non dichiarato, l’hanno atteso e in un baleno portato in caserma. Lì, prima ha negato, poi ha confessato, non senza molti attimi di confusione. Sul movente la pista economica si sommerebbe al fatto che il padre era malato da tempo e al pessimo rapporto con la madre.

Dalla sequenza di quel venerdì - dall’omicidio ai corpi buttati come valigie nel lago a tarda sera - emergono i particolari del Garda scelto solo perchè area conosciuta, superando durante il tragitto un fiume; dell’uscita con l’auto, una Volvo, a Sirmione perchè era stato superato dalla polstrada e aveva avuto paura; della foto della vettura fatta alle 21,45 vicino a Peschiera da una telecamera di sicurezza. I corpi subito dopo essere stati gettati in acqua erano riemersi, ma i timori dell’omicida reo confesso erano scomparsi quando la corrente li ha portati al largo. A quel punto, Daniele è risalito in auto ed è tornato a casa; non ha pensato che il corso dell’acqua girava verso la riva. Ieri, sono andati a prenderlo i carabinieri di Peschiera e del reparto operativo di Verona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • vincenzo

    25 Settembre @ 23.13

    enzo e francesca non meritavano 1 morte cosi atroce come si fa a uccidere una mamma e un padre spero tanto che gli sia data una condanna seria minimo 40anni

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Il sexy allenamento ai glutei di Jessica Immobile fa il boom di clic Video

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Le baby gang fanno paura. Negozianti sotto assedio

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

Il fenomeno dilaga

Bocconi al veleno, allarme anche a San Leonardo

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

Stadio Tardini

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese Foto Video

I crociati tengono il passo del Venezia. Partita numero 300 per capitan Lucarelli con la maglia del Parma

1commento

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

2commenti

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

lega pro

La Reggiana vince 2-0 con il Lumezzane

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

7commenti

L'INCHIESTA

Telefonini in classe? A Parma per lo più spenti

8commenti

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Gazzareporter

La foto di un lettore: "Parco del Cinghio finito e mai aperto"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

Sant'Ilario d'Enza

Mezzo nudo e in perizoma fa l'esibizionista davanti a una bimba: arrestato 

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Parma-Samb

Il Parma tira fuori il carattere: l'analisi di Sandro Piovani Video

Parma-Samb

Lucarelli: "Partenza lenta, pericolo scampato" Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery