11°

Provincia-Emilia

Crisi nella Pubblica di Borgotaro-Albareto, 40 volontari chiedono un'assemblea straordinaria

Crisi nella Pubblica di Borgotaro-Albareto, 40 volontari chiedono un'assemblea straordinaria
Ricevi gratis le news
0

Un nutrito gruppo di volontari (i firmatari sono una quarantina su 120, un terzo) dell’Assistenza Pubblica Borgotaro-Albareto ha scritto alla popolazione  relativamente alla delicata situazione venutasi a creare in seno al sodalizio.  La contrapposizione riguarda soprattutto i due gruppi generazionali: i giovani e gli anziani di servizio, anche se il divario non è proprio netto.
Il motivo del contendere? Soprattutto la diversa valutazione gestionale sull'utilizzo dei fondi sociali. Ma i rivoli di questo fiume di polemiche sono comunque molti e si stavano trascinando da tempo. A margine di questa vicenda, vi è stata anche una denuncia ai Carabinieri, per offese fra due persone (a puro titolo personale, anche se si tratta comunque sempre di militi) e le dimissioni di quattro membri del consiglio (che in totale sono 9).
I quaranta firmatari avevano chiesto al presidente Angelo Ruggeri ed al consiglio una nuova assemblea per chiarire le cose, ma, a quanto hanno riferito, sarabbe stata loro negata.
Ed ecco il loro intervento per smuovere la situazione.
«In questi giorni abbiamo tentato di recuperare la grave situazione che si è creata all’interno dell’Ap in quanto riteniamo indispensabile salvaguardare questa grande risorsa. Purtroppo, dopo aver consegnato e inviato al nostro presidente una comunicazione, con una chiara richiesta di riavvicinamento, attraverso una assemblea dei soci che il consiglio direttivo riunitosi il 25 novembre scorso avrebbe dovuto convocare, ci vediamo costretti a intervenire». «Siamo un numeroso gruppo di volontari che quotidianamente donano il proprio tempo libero alla Pubblica Assistenza Borgotaro-Albareto e svolgono numerosi turni quotidiani - chiariscono -. La nostra intenzione è far conoscere la reale situazione e tranquillizzare la popolazione: il nostro sodalizio è più che mai funzionante ed in grado di garantire, come sempre, un servizio attento e organizzato».
 Poi iniziano le osservazioni. «In questi ultimi anni -scrivono - molte valutazioni e scelte del consiglio direttivo sono state assunte perdendo di vista, a nostro avviso, il vero e unico scopo dell’associazione: aiutare il prossimo in un settore particolare e difficile come quello sanitario. Sempre di più ci viene chiesta una preparazione professionale e sempre più le nostre attrezzature sono tecniche ed impegnative nel loro utilizzo, ed è per questo che, secondo noi, il settore sanitario dovrebbe essere tenuto in considerazione prioritaria rispetto a tutte le altre attività collaterali della Pubblica». Invece, dicono, «purtroppo, sempre di più, ci sentiamo dire che non ci sono soldi per acquistare le attrezzature, i prodotti sanitari presenti sulle ambulanze e non, per ultimo, il vestiario dei volontari, anche per poter garantire a loro la massima sicurezza. Noi pensiamo che, in questi anni, le priorità da parte del direttivo siano state indirizzate ad altri obiettivi. Il volontario, che dovrebbe essere la figura portante del lavoro che svolgiamo, viene messo in secondo piano da decisioni  prese molto spesso da pochi, senza la condivisione del consiglio stesso. Gli ultimi episodi sono solo alcuni dei fatti che ci hanno portato ad assumere la scelta provocatoria e polemica di dimissione da parte di 4 consiglieri sui 9 presenti.  Si tratta di un messaggio di aiuto per riuscire a ricondurre la nostra Pubblica al lavoro prioritario per cui è nata».
«Non possiamo - continuano - accettare che le discussioni “di soldi” siano il solo argomento all’interno del consiglio direttivo. Non possiamo accettare che la prima domanda alla richiesta di un viaggio sia “Chi paga?”. Non possiamo accettare che nei bilanci della Pubblica le voci sanitarie siano irrisorie nel contesto degli investimenti. Non possiamo accettare di acquistare un'ambulanza nuova per i festeggiamenti del 30° di fondazione, ma la dobbiamo allestire con materiale sanitario usato o di recupero delle altre ambulanze, “perchè non ci sono soldi”. Non possiamo accettare che per zittire chi non la pensa come pochi, si utilizzi la pratica della minaccia o, peggio ancora, dell’isolamento. Tutto questo, per noi, è un problema enorme ed importate per il futuro della Pubblica, e non vogliamo che questi episodi e questa situazione si protragga ancora per molto. E’ per questo che chiediamo a gran voce una assemblea straordinaria ed ai cittadini di partecipare, per discutere apertamente  tutte le problematiche».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

ALLUVIONE

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS