Provincia-Emilia

Crisi nella Pubblica di Borgotaro-Albareto, 40 volontari chiedono un'assemblea straordinaria

Crisi nella Pubblica di Borgotaro-Albareto, 40 volontari chiedono un'assemblea straordinaria
Ricevi gratis le news
0

Un nutrito gruppo di volontari (i firmatari sono una quarantina su 120, un terzo) dell’Assistenza Pubblica Borgotaro-Albareto ha scritto alla popolazione  relativamente alla delicata situazione venutasi a creare in seno al sodalizio.  La contrapposizione riguarda soprattutto i due gruppi generazionali: i giovani e gli anziani di servizio, anche se il divario non è proprio netto.
Il motivo del contendere? Soprattutto la diversa valutazione gestionale sull'utilizzo dei fondi sociali. Ma i rivoli di questo fiume di polemiche sono comunque molti e si stavano trascinando da tempo. A margine di questa vicenda, vi è stata anche una denuncia ai Carabinieri, per offese fra due persone (a puro titolo personale, anche se si tratta comunque sempre di militi) e le dimissioni di quattro membri del consiglio (che in totale sono 9).
I quaranta firmatari avevano chiesto al presidente Angelo Ruggeri ed al consiglio una nuova assemblea per chiarire le cose, ma, a quanto hanno riferito, sarabbe stata loro negata.
Ed ecco il loro intervento per smuovere la situazione.
«In questi giorni abbiamo tentato di recuperare la grave situazione che si è creata all’interno dell’Ap in quanto riteniamo indispensabile salvaguardare questa grande risorsa. Purtroppo, dopo aver consegnato e inviato al nostro presidente una comunicazione, con una chiara richiesta di riavvicinamento, attraverso una assemblea dei soci che il consiglio direttivo riunitosi il 25 novembre scorso avrebbe dovuto convocare, ci vediamo costretti a intervenire». «Siamo un numeroso gruppo di volontari che quotidianamente donano il proprio tempo libero alla Pubblica Assistenza Borgotaro-Albareto e svolgono numerosi turni quotidiani - chiariscono -. La nostra intenzione è far conoscere la reale situazione e tranquillizzare la popolazione: il nostro sodalizio è più che mai funzionante ed in grado di garantire, come sempre, un servizio attento e organizzato».
 Poi iniziano le osservazioni. «In questi ultimi anni -scrivono - molte valutazioni e scelte del consiglio direttivo sono state assunte perdendo di vista, a nostro avviso, il vero e unico scopo dell’associazione: aiutare il prossimo in un settore particolare e difficile come quello sanitario. Sempre di più ci viene chiesta una preparazione professionale e sempre più le nostre attrezzature sono tecniche ed impegnative nel loro utilizzo, ed è per questo che, secondo noi, il settore sanitario dovrebbe essere tenuto in considerazione prioritaria rispetto a tutte le altre attività collaterali della Pubblica». Invece, dicono, «purtroppo, sempre di più, ci sentiamo dire che non ci sono soldi per acquistare le attrezzature, i prodotti sanitari presenti sulle ambulanze e non, per ultimo, il vestiario dei volontari, anche per poter garantire a loro la massima sicurezza. Noi pensiamo che, in questi anni, le priorità da parte del direttivo siano state indirizzate ad altri obiettivi. Il volontario, che dovrebbe essere la figura portante del lavoro che svolgiamo, viene messo in secondo piano da decisioni  prese molto spesso da pochi, senza la condivisione del consiglio stesso. Gli ultimi episodi sono solo alcuni dei fatti che ci hanno portato ad assumere la scelta provocatoria e polemica di dimissione da parte di 4 consiglieri sui 9 presenti.  Si tratta di un messaggio di aiuto per riuscire a ricondurre la nostra Pubblica al lavoro prioritario per cui è nata».
«Non possiamo - continuano - accettare che le discussioni “di soldi” siano il solo argomento all’interno del consiglio direttivo. Non possiamo accettare che la prima domanda alla richiesta di un viaggio sia “Chi paga?”. Non possiamo accettare che nei bilanci della Pubblica le voci sanitarie siano irrisorie nel contesto degli investimenti. Non possiamo accettare di acquistare un'ambulanza nuova per i festeggiamenti del 30° di fondazione, ma la dobbiamo allestire con materiale sanitario usato o di recupero delle altre ambulanze, “perchè non ci sono soldi”. Non possiamo accettare che per zittire chi non la pensa come pochi, si utilizzi la pratica della minaccia o, peggio ancora, dell’isolamento. Tutto questo, per noi, è un problema enorme ed importate per il futuro della Pubblica, e non vogliamo che questi episodi e questa situazione si protragga ancora per molto. E’ per questo che chiediamo a gran voce una assemblea straordinaria ed ai cittadini di partecipare, per discutere apertamente  tutte le problematiche».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

cinema

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

64 offerte di lavoro per articolo Gazzetta 20 febbraio 2018

LAVORO

64 nuove offerte

Lealtrenotizie

Preso il rapinatore con roncola della sala scommesse

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

2commenti

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

tgparma

Meteo: da domani rischio neve in città, domenica arriva il gelo

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

10commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

tg parma

Gazzola: "Abbiamo piena fiducia nel mister" Video

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

Allarme

Parma, in 10 anni 166 medici in pensione. E chi li sostituisce?

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Una scintilla per le idee. La vera vittoria di Parma 2020

di Marco Magnani

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

1commento

ITALIA/MONDO

tribunale

Corona, l'ex fotografo esce dal carcere e va in comunità

vandalismi

Imbrattata con svastiche la targa di Moro a Roma Foto

SPORT

guinness

Trainato da una Levante, Barrow sullo snowboard a 151,57 km/h: è record

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

gusto

La ricetta light - Brodo vegetale allo zenzero

MOTORI

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day