16°

31°

Provincia-Emilia

Crisi nella Pubblica di Borgotaro-Albareto, 40 volontari chiedono un'assemblea straordinaria

Crisi nella Pubblica di Borgotaro-Albareto, 40 volontari chiedono un'assemblea straordinaria
Ricevi gratis le news
0

Un nutrito gruppo di volontari (i firmatari sono una quarantina su 120, un terzo) dell’Assistenza Pubblica Borgotaro-Albareto ha scritto alla popolazione  relativamente alla delicata situazione venutasi a creare in seno al sodalizio.  La contrapposizione riguarda soprattutto i due gruppi generazionali: i giovani e gli anziani di servizio, anche se il divario non è proprio netto.
Il motivo del contendere? Soprattutto la diversa valutazione gestionale sull'utilizzo dei fondi sociali. Ma i rivoli di questo fiume di polemiche sono comunque molti e si stavano trascinando da tempo. A margine di questa vicenda, vi è stata anche una denuncia ai Carabinieri, per offese fra due persone (a puro titolo personale, anche se si tratta comunque sempre di militi) e le dimissioni di quattro membri del consiglio (che in totale sono 9).
I quaranta firmatari avevano chiesto al presidente Angelo Ruggeri ed al consiglio una nuova assemblea per chiarire le cose, ma, a quanto hanno riferito, sarabbe stata loro negata.
Ed ecco il loro intervento per smuovere la situazione.
«In questi giorni abbiamo tentato di recuperare la grave situazione che si è creata all’interno dell’Ap in quanto riteniamo indispensabile salvaguardare questa grande risorsa. Purtroppo, dopo aver consegnato e inviato al nostro presidente una comunicazione, con una chiara richiesta di riavvicinamento, attraverso una assemblea dei soci che il consiglio direttivo riunitosi il 25 novembre scorso avrebbe dovuto convocare, ci vediamo costretti a intervenire». «Siamo un numeroso gruppo di volontari che quotidianamente donano il proprio tempo libero alla Pubblica Assistenza Borgotaro-Albareto e svolgono numerosi turni quotidiani - chiariscono -. La nostra intenzione è far conoscere la reale situazione e tranquillizzare la popolazione: il nostro sodalizio è più che mai funzionante ed in grado di garantire, come sempre, un servizio attento e organizzato».
 Poi iniziano le osservazioni. «In questi ultimi anni -scrivono - molte valutazioni e scelte del consiglio direttivo sono state assunte perdendo di vista, a nostro avviso, il vero e unico scopo dell’associazione: aiutare il prossimo in un settore particolare e difficile come quello sanitario. Sempre di più ci viene chiesta una preparazione professionale e sempre più le nostre attrezzature sono tecniche ed impegnative nel loro utilizzo, ed è per questo che, secondo noi, il settore sanitario dovrebbe essere tenuto in considerazione prioritaria rispetto a tutte le altre attività collaterali della Pubblica». Invece, dicono, «purtroppo, sempre di più, ci sentiamo dire che non ci sono soldi per acquistare le attrezzature, i prodotti sanitari presenti sulle ambulanze e non, per ultimo, il vestiario dei volontari, anche per poter garantire a loro la massima sicurezza. Noi pensiamo che, in questi anni, le priorità da parte del direttivo siano state indirizzate ad altri obiettivi. Il volontario, che dovrebbe essere la figura portante del lavoro che svolgiamo, viene messo in secondo piano da decisioni  prese molto spesso da pochi, senza la condivisione del consiglio stesso. Gli ultimi episodi sono solo alcuni dei fatti che ci hanno portato ad assumere la scelta provocatoria e polemica di dimissione da parte di 4 consiglieri sui 9 presenti.  Si tratta di un messaggio di aiuto per riuscire a ricondurre la nostra Pubblica al lavoro prioritario per cui è nata».
«Non possiamo - continuano - accettare che le discussioni “di soldi” siano il solo argomento all’interno del consiglio direttivo. Non possiamo accettare che la prima domanda alla richiesta di un viaggio sia “Chi paga?”. Non possiamo accettare che nei bilanci della Pubblica le voci sanitarie siano irrisorie nel contesto degli investimenti. Non possiamo accettare di acquistare un'ambulanza nuova per i festeggiamenti del 30° di fondazione, ma la dobbiamo allestire con materiale sanitario usato o di recupero delle altre ambulanze, “perchè non ci sono soldi”. Non possiamo accettare che per zittire chi non la pensa come pochi, si utilizzi la pratica della minaccia o, peggio ancora, dell’isolamento. Tutto questo, per noi, è un problema enorme ed importate per il futuro della Pubblica, e non vogliamo che questi episodi e questa situazione si protragga ancora per molto. E’ per questo che chiediamo a gran voce una assemblea straordinaria ed ai cittadini di partecipare, per discutere apertamente  tutte le problematiche».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il pranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

2commenti

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

6commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

1commento

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

2commenti

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

2commenti

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

3commenti

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

7commenti

ITALIA/MONDO

danimarca

Trovato decapitato il corpo di Kim, la giornalista scomparsa sul sottomarino

taranto

Gioca 2 euro al 10eLotto e vince 1 milione

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

Irlanda

Il bodybuilder al supermarket è uno show

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti