18°

Provincia-Emilia

"Ci spiava in camera e ora ci sfratta"

"Ci spiava in camera e ora ci sfratta"
0

Chiara Cacciani
«Sono passati sette mesi e mezzo  e  a noi restano la paura, lo choc, la rabbia e i dubbi: che fine facevano quei video rubati alla nostra intimità? Perché nessuno ci dice niente? Perché non sappiamo se le indagini sono concluse?».
Le domande si ripetono incessanti, e  a farle sono due delle famiglie che si sono ritrovate protagoniste inconsapevoli dello squallido «reality» che era stato organizzato dal loro padrone di casa.
Attraverso minuscoli fori che celavano l'occhio di piccole telecamere, l'uomo - M.S., un antennista di 46 anni - spiava nelle camere da letto degli appartamenti di proprietà sua, della moglie e del fratello: otto abitazioni in tutto, tra Noceto e Medesano, come hanno appurato i carabinieri.
Un sistema ingegnoso, scoperto solo dopo diverso tempo «grazie» a quello che sembrava un guasto  all'impianto satellitare di uno degli appartamenti: prima gli inquilini, poi un amico elettricista si sono accorti che quella banale, innocua centralina in camera da letto, non aveva nulla a che fare con tv e parabola, ma celava piuttosto una telecamera puntata sul letto matrimoniale e collegata ai rilevatori  installati nei locali di servizio, in cantina.
Locali che erano stati fatti passare dal padrone di casa come magazzini per la propria attività di antennista, e che invece costituivano la scusa perfetta che si era costruito per poter accedere nei condomini senza destare sospetti.
E da quel momento, una dopo l'altra, otto famiglie sono entrate nell'incubo.
L'uomo è stato denunciato per interferenza illecita nella vita privata e gli sono stati sequestrati diversi computer portatili, hard disk, chiavette usb.
«Ma da quel momento noi non sappiamo più nulla», raccontano le due famiglie nocetane, che hanno deciso di parlare per la prima volta «perché abbiamo bisogno di risposte, se no la nostra vita non può andare avanti».
  Per una di loro la vicenda ha anche un risvolto ulteriore: lo sfratto.
«L'udienza è fissata il 7 febbraio al tribunale di Fidenza - racconta amara Maria (il nome è di fantasia) - per due anni quell'uomo ha spiato tutte le ore della nostra vita. Non solo: è entrato qui quando gli pareva, senza avvisare e così ha infranto il contratto. Noi siamo stati i primi a scoprire le telecamere: è stato un trauma, una sofferenza profondissima, che ci ha segnati: per settimane non sono riuscita a entrare in camera da letto se non tutta coperta e al buio. Ma ora da vittime passiamo per colpevoli e veniamo sfrattati».
 Il punto è che la famiglia di Maria da quell'8 maggio «maledetto» in cui è stata scoperta la telecamera non versa l'affitto al padrone di casa: su consiglio del loro legale, l'avvocato Nino Filippo Moriggia, ogni mensilità è stata puntualmente accantonata su un fondo vincolato, in attesa degli sviluppi della vicenda delle «telecamere spia».
«Ma ora ci troviamo in questa situazione assurda: per la vicenda delle telecamere i tempi sono infiniti, mentre contro noi vittime la giustizia è velocissima ed è già stata fissata l'udienza per lo sfratto. Com'è possibile?».
Non sono nella stessa situazione Antonella, il marito e i tre figli, ma le ferite sono quelle comuni.
«Noi non abbiamo lo sfratto perché siamo inquilini del fratello di quell'uomo, ma la vita non è facile - racconta Antonella - oltre alle telecamere abbiamo scoperto anche un foro pronto per l'uso nella doccia: da quel giorno e per settimane una delle mie figlie, 14 anni, andava in bagno a luci spente, con le tapparelle abbassate  e si lavava a pezzi. E per molto tempo noi abbiamo dormito sul divano: chi riusciva a ritornare in camera da letto?».
Senza contare le cattiverie ascoltate in paese, che anche quelle fanno male.
«Il giorno dopo la scoperta ero in un bar - racconta - un uomo leggeva  il giornale e commentava che il padrone di casa aveva fatto  bene a installare le telecamere: essendoci degli stranieri negli appartamenti, ci sarebbe stato sicuramente dello spaccio di droga. E solo qualche giorno fa mi hanno chiesto dei soldi: gira la voce che ci abbiano dato del denaro per mettere tutto a tacere. Se solo chi dice queste cose sapesse che incubo stiamo vivendo...». 
Anche perché c'è la solita questione, martellante, impossibile da ignorare nell'era di internet e della tecnologia:
«Dove finivano quei video? Come li avrà utilizzati? Qualcuno prima o poi dovrà dircelo, non possiamo restare con questa angoscia...».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47 Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

polizia municipale

Tre minorenni sorpresi con alcolici: multa al locale che glieli ha venduti

1commento

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

1commento

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

2commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

14commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Stretta sui visti, controlli anche sui social Video

IRAQ

Gli Usa ammettono responsabilità nel raid su Mosul Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa