17°

30°

Provincia-Emilia

Po, pronto il piano di emergenza in caso di piena

0

Cristian Calestani
Sapere dove e come intervenire in caso di una piena del Po, anche nelle aree golenali. E’ questo l’obiettivo semplice a dirsi quanto complesso da perseguire che si pone il «Piano di emergenza per l’area del fiume Po», illustrato ieri mattina in Provincia alla presenza degli esponenti dei vari enti interessati alla cura e alla gestione del Grande Fiume.
Si è trattato di un incontro tecnico durante il quale il funzionario Cecilia Pisi del Servizio di Protezione Civile della Provincia ha esposto le peculiarità di un piano che dovrà ora essere condiviso dai veri enti chiamati a presentare eventuali osservazioni scritte entro un periodo di 45/60 giorni.
«L'obiettivo - ha affermato l’assessore provinciale Andrea Fellini - è quello di giungere all’approvazione dei piani di protezione civile in consiglio provinciale entro la fine dell’anno».
Prima dell’assessore a sottolineare l’importanza del lavoro svolto erano stati il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli e Gabriele Alifraco del Servizio di Protezione Civile.
«Tutti ricordiamo la piena del 2000 - ha detto il presidente Bernazzoli - da allora molte cose sono cambiate prevedendo un rialzo dei cinquanta chilometri di arginatura di nostra competenza. Ora siamo consapevoli che si dovrà progredire con un consolidamento della base arginale e anche sul percorso di delocalizzazione delle golene. E’ importante - ha concluso il presidente parlando del piano di emergenza - che tutti gli enti abbiano un riferimento certo in caso di crisi».
«Oggi iniziamo un iter che dovrà poi proseguire con gruppi tecnici chiamati ad apportare eventuali migliorie» ha poi confermato Alifraco.
All’incontro era presente anche l’assessore regionale e presidente di Aipo Alfredo Peri. «Prendiamo atto di un ottimo lavoro svolto sino ad ora - ha dichiarato Peri - adesso sarà fondamentale il costante aggiornamento di questo piano di emergenza per l’area del Po. Dobbiamo lavorare sempre più sul fronte della prevenzione degli eventi dandoci un’organizzazione ed essendo presenti sul territorio».
 Dinnanzi ai rappresentanti di Regione, Prefettura, comuni rivieraschi, Comando provinciale dei Vigili del fuoco, Corpo forestale, Aipo, Servizio tecnico dei bacini degli affluenti del Po, Consorzio di bonifica, Ausl, Arpa, A. O. e Protezione Civile sono stati illustrati i dettagli di un piano che è stato elaborato sulla base degli indirizzi della Regione e con la collaborazione di Aipo, Autorità di bacino del Po e Consorzio di Bonifica.
«Il piano è contenuto in un documento snello in modo da garantire un’applicazione immediata - ha spiegato Cecilia Pisi - si suddivide in due parti relative allo scenario delle problematiche e al modello di intervento con le procedure da mettere in atto in caso di emergenza».
Nello specifico il piano riguardante il Po,  che segue quello redatto dalla Prefettura nel 2000, contiene il censimento delle infrastrutture a rischio poste nelle aree golenali, la caratterizzazione della vulnerabilità dell’arginatura maestra e i modelli di intervento secondo le fasi di: «attenzione», «preallerta» e «allerta/emergenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

E' morto Roger Moore: l'ex James Bond aveva 89 anni

cinema

E' morto Roger Moore: è il primo addio a un protagonista di "007"

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cher, a 71 anni look ose' a Billboard Music Awards

MUSICA

Cher, look osé. A 71 anni incanta ancora

1commento

Lealtrenotizie

Incendio all'ex scuola di Baganzola, in fumo l'archivio della Magnanini

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

allarme

Sorbolo, non solo parkour. "Ora fingono di finire sotto le auto"

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

1commento

LEGA PRO

Il Parma vuole la qualificazione

polizia

L' "ordinaria" sequenza di furti nei supermercati: denunciati in tre

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

Traversetolo

Spunta un villaggio neolitico sotto il futuro Conad

Fidenza

Bar «Spiga d'oro», due furti in quattro giorni

VIABILITA'

Industria 4.0 in fiera: code al casello di Parma

LANGHIRANO

Motorini, proteste per l'«invasione»

PERSONAGGIO

Picelli, il «vecio dei Capannoni» e la storia del quartiere Cristo

Volontariato

Sorbolo piange Lina, l'angelo degli anziani

gazzareporter

"Uova, scope, secchi di pittura: cartoline da via Langhirano" Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Italiano rapito in Siria riappare in un nuovo video

MILANO

Fiamme al carcere minorile Beccaria: dramma sventato

SOCIETA'

CESENA

La triatleta Julia Viellehner è morta: donati gli organi

avvistamenti

"Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino": le foto

3commenti

SPORT

Giro d'Italia

Dumoulin e i problemi intestinali: tappa a bordo strada Video

CESENA

Nicky Hayden: la famiglia acconsente all'espianto degli organi

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancor più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare